Informare per Resistere

Informare Per Resistere

COSA SUCCEDE SE FALLISCONO TUTTI ?

COSA SUCCEDE SE FALLISCONO TUTTI ?
luglio 12
11:00 2011

DI RAFE MAIR
Strategic Culture

Mentre la scorsa settimana stavo seduto in camera mia a Londra e guardavo un dibattito sulla BBC nel quale si discuteva se il Regno Unito dovesse dare una mano per la crisi della Grecia, ho iniziato a cercare delle buone notizie nel mondo dell’economia e presto mi sono reso conto che non ce n’erano.

Come sapranno i lettori io non sono un economista, sono solo una persona che si è guadagnata da vivere per molto tempo ponendo domande stupide. In questi decenni ho imparato che le domande stupide sono molte meno rispetto alle risposte stupide, e che spesso la cosiddetta domanda stupida è in realtà una frecciata su un argomento che altri preferirebbero evitare. Questo mi ha portato a formulare quello che chiamo “Primo Assioma di Mair” che dice: “Si fa un grandissimo errore nel credere che le persone al potere sappiano quello che stanno facendo” (l’altro, il Secondo Assioma dice: “Non devi avere 10 in politica, puoi avere 3 se tutti gli altri hanno 2″).

Il Regno Unito, che non è nell’Eurozona, non è apparentemente tenuto a dare una mano per la tragedia greca o per qualsiasi altra che si presenti sulla scena. C’è una legge dell’Unione Europea che può obbligare la Gran Bretagna a partecipare, ma l’attuale governo non è pronto ad ammetterlo. Questo, per me, è un indizio che ci è qualcosa di dannatamente sbagliato nell’UE di questi giorni e che ci saranno davvero pessime notizie in futuro.

Il Regno Unito, citando il jazzista Fats Waller, non “è l’unica ostrica nella zuppa”, ma è la più grande e può essere facilmente messa da parte.

Vale la pena ricordare che il padre spirituale dell’Unione Europea fu Churchill e, nel suo famoso discorso del 1946 sull’unità delle nazioni dell’Europa, escluse specificatamente il Regno Unito, ritenendo che appartenesse alla parte del mondo di lingua inglese e non all’Europa. Respinto nel 1963 da De Gaulle (forse a buon motivo), nel 1973 il Regno Unito è finalmente stato accettato solo dopo un referendum. Dico che forse De Gaulle aveva ragione perché, a parte la sua indole violenta, sapeva, o pensava, che il Regno Unito avesse un “rapporto speciale” con gli Stati Uniti e ovviamente con il Commonwealth. Il punto è che, nel Regno Unito, l’UE rimane una questione di politica interna. Quello che rende tutto questo interessante è il fatto che l’Irlanda si trovi in seria difficoltà e per quanto la Gran Bretagna possa essere interessata a Grecia, Spagna e Portogallo – altri casi disperati – non puo ignorare l’Irlanda per vari motivi, tra cui la questione della pace nell’Irlanda del Nord, che ancora fa parte del Regno Unito.

Torniamo nel 1946, a Churchill e alle ragioni che hanno portato dalla ratifica del Trattato Franco-Tedesco per il carbone e l’acciaio alla realizzazione di un Mercato Unico ed infine all’Unione Europea. Le questioni finanziarie non erano le sole; anzi, direi che portare la pace in una Europa lacerata dalla guerra era ancora più importante. E, fino ad ora, pace è stata. Ma sotto questa pace ci sono questioni risolte forse solo sulla carta, non nella memoria nazionale di molti membri. Non bisogna mettere velocemente da parte tutto questo perché, come ci ha insegnato lo scioglimento della Jugoslavia, l’etnicità non sparirà mai. Dal Congresso di Vienna del 1815 in poi ci sono stati accordi di pace che sono durati finché l’orgoglio nazionale non li ha spazzati via. Che diritto abbiamo nel 2011 di ritenere che alcune popolazioni siano cambiate? Se non ha più un significato monetario, l’UE potrebbe diventare ostaggio di eventi e memorie passati che, come sempre, riaffiorano?

Ci sono fallimenti che mettono in pericolo la pace in Europa, e nel mondo.

Gli Stati Uniti, se fossero una azienda, sarebbero sotto tutela di procedura fallimentare, se non addirittura falliti. In effetti, ora è matematicamente impossibile per il governo degli Stati Uniti ripagare il debito nazionale perché il governo deve più dollari di quanti ne esistano attualmente! Nemmeno la buona vecchia tipografia può aiutare perché, se il Tesoro degli Stati Uniti stampasse subito soldi, si incrementerebbe maggiormente il debito. Forse non è ancora tutto perduto per gli Stati Uniti, ma stanno andando avanti con aria fritta da parecchio tempo…

Ed ora il fatto interessante: la Cina è la maggior detentrice del debito americano, ma è come una banca senza tutela dei depositi, e più si richiede il pagamento del debito, meno il debitore è in grado di pagare. E come in una commedia di Shakespeare, più la si guarda e più che la trama si confonde. Mentre la Cina si offre per salvare l’UE, investe miliardi in Africa e continua a sostenere Washington, la sua stessa economia sta entrando in difficoltà perché le sue banche hanno troppi soldi investiti in imprese finanziarie discutibili! – e dove avete sentito questa storia prima?

La rivista Forbes ha riportato che “le burocrazie del governo [cinese] si finanziano imponendo il debito ad imprese d’affari statali; i governi locali raccolgono capitali vendendo terreni a prezzi altissimi ad aziende di loro stessa proprietà, e la People’s Bank of China riversa liquidità nell’intero sistema in modo tale da far sembrare il presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, decisamente tirchio.”

Victor Shih, esperto della società cinese alla Northwest Universtity, dice: “E’ uno schema di Ponzi, alla cui testa c’è la banca centrale che può stampare soldi”.

La Russia potrebbe essere un raggio di speranza in questo quadro desolante, ma sta affrontando il problema di cercare degli scambi commerciali con l’UE, che non ha soldi, quindi deve finanziare i suoi consumatori affinché questi possono comprare i beni inviati loro dalla stessa Russia, come la Cina ha fatto con gli Stati Uniti. E’ ironico che l’economia in condizioni disperate degli anni ’90 possa essere la salvezza finanziaria degli europei, tanto compiaciuti da deridere i problemi della Russia post-URSS mentre ora danno il benvenuto al suo aiuto, se non lo implorano addirittura.

Cosa succede se falliscono tutti? E’ come a monopoli, dove si ricomincia il giro con nuovi soldi?

Io sono uno che fa domande, non ho tutte le risposte, non faccio congetture se non per dire che qualsiasi situazione si verificherà probabilmente non sarà positiva.

Rafe Mair
Fonte: http://www.strategic-culture.org/news/2011/07/01/what-happens-if-everyones-wheels-fall-off.html

Related Articles

Powered by Google+ Comments

7 Comments

  1. Raoul
    Raoul luglio 12, 14:15

    Cosa succede se falliscono tutti? LA 3 GUERRA MONDIALE?

    Reply to this comment
    • matteo
      matteo luglio 14, 12:54

      Qual’è la situazione economica globale? se l’analisi è corretta in UE dobbiamo sperare nella Santa Madre Russia a ben vedere la TAV non serve per vendere all’est ma per comprare dall’est!!! e questo perchè i nostri geni UE forse immagianvano che la bolla speculativa degli ultimi 20 anni sarebbe prima o poi esplosa lasciando in braghe di tela tutti tranne il baluardo pseudo comunista.. che paraculi..

      Reply to this comment
      • matteo
        matteo luglio 14, 12:58

        ragionando su un altro articolo che analizzava chi guadagnava sulla crisi a fronte di speculazini e scommesse sugli stati in via di fallimento, direi che gli ultimi 20 anni in quest’ottica potrebbero chiudersi con bel malloppo per qualcuno…

        Reply to this comment
  2. Massimo
    Massimo luglio 14, 12:52

    Difficilmente la U.E nella sua interezza fallirà,è come nella vita chi ha più soldi va avanti e si compra chi fallisce,l’Italia diventerà una Nazione sottomessa a quella Nazione che ne rileverà il debito come avviene con le Banche con i strozzini ecc credo che sia l’unica soluzione possibile se non riusciamo da soli a salvarci

    Reply to this comment
  3. nestor
    nestor luglio 15, 09:47

    che succede se falliscono tutti? niente…

    Reply to this comment
  4. lorenzo romani
    lorenzo romani luglio 15, 10:57

    ma chi scrive questi articoli si è almeno letto il manuale di base di economia? 1-) il tesoro negli stati uniti non ha alcuna possibilità di stampare moneta: è la Federal reserve che se ne occupa 2-) finanziare il debito con stampa di banconote è vietato per legge, quindi non si può fare, 3) stampando nuove banconote, casomai, il valore del debito verrebbe diminuito in quanto al suo valore nominale corrisponderebbe un’inflazione più alta, e quindi un valore reale minore del debito. l’articolo dice che gli usa stanno mandando avanti i loro problemi con “aria fritta”. Sarebbe il caso di specificare in che senso, se si vuole fare informazione, altrimenti si va a chiacchierare al bar sotto casa. Inoltre l’articolo continua con balzelli tipo: “la Cina è la maggior detentrice del debito americano, ma è come una banca senza tutela dei depositi, e più si richiede il pagamento del debito, meno il debitore è in grado di pagare.” Ma stiamo scherzando? il debito è a scadenza, il problema ora è che in usa i repubblicani si sono messi di mezzo e non vogliono alzare il tetto del debito. Sarebbe forse il caso di spiegare anche questo agli ignoranti? altra frase critica dell’articolo: “La Russia potrebbe essere un raggio di speranza in questo quadro desolante, ma sta affrontando il problema di cercare degli scambi commerciali con l’UE, che non ha soldi, quindi deve finanziare i suoi consumatori affinché questi possono comprare i beni inviati loro dalla stessa Russia, come la Cina ha fatto con gli Stati Uniti”: Ma stiamo scherzando? parliamo di debito pubblico o debito privato? Il giornalista dice di non essere un economista (nemmeno io lo sono), ma per fare domande (anche stupide) bisogna conoscere un minimo ciò di cui si sta parlando, altrimenti si finisce a scrivere articoli come questo che DISINFORMANO la gente. e disinformare x resistere dovrebbe capirlo. p.s. almeno traducete con i congiuntivi esatti.

    Reply to this comment
  5. stefano
    stefano settembre 02, 16:53

    cosa succede??
    secondo voi tutto il sistema è scappato di mano? o forse è una crisi studiata a tavolino…e se tutto questo portasse ad un unico governo monetario? mi spiego, gli Stati chi più chi meno stanno dimostrando coscienti o no di non avere il controllo..questo potrebbe portare al pretesto per un accentramento sempre più globale dei poteri economici..ma questa è solo un’ipotesi..

    Reply to this comment

Write a Comment

Add Comment Register



Your email address will not be published.
Required fields are marked *

Unisciti alla resistenza

facebooktwitterRSSyoutubeGooglePlusIcon

Gli articoli più letti

Informare Per Resistere TV

Cani e Cina. Il video presenta contenuti cruenti

di Fabio Balocco - Il video che potete vedere in fondo a questo post fa venire i brividi e francamente non so se consigliarvi di vederlo. Magari limitatevi a...

Chi controlla le redini? ENI, Nestlè, Unicredit Banca, Goldman Sachs. La sovranità monetaria?

Intervento di Carlo Sibilia sulle politiche bancarie che si nasconderebbero dietro la cosiddetta Unione europea che costringe all'unione monetaria Paesi euro...

La corte costituzionale salva la legge che salva l'Ilva di Taranto

SODDISFAZIONE DEL MINISTRO DELL'AMBIENTE CLINI La legge salva-Ilva non viola la Costituzione. Giudicando in parte inammissibili, in parte non fondati i dubbi...

Quanti bimbi schiavi hai nel cellulare?

Milioni di esseri umani, in condizione di vera schiavitù, estraggono dalle miniere africane rare materie prime. Sono i "minerali di conflitto": per la tua el...

Edward Snowden fuggito in Hong Kong: Al popolo va spiegato tutto!

Licenza CreativeCommons: Scarica e ri-carica questo video su tuo canale! Fonte: http://t.co/rJ3pRgyF Facebook: http://t.co/vPGNjPFS Daily: http://t.co/Pe345x...

Vigili del fuoco contro Polizia 2010/2013

Il manganello alzato dall'agente in tenuta antisommossa è puntato contro un vigile del fuoco. E' l'immagine divenuta in poche ore simbolo di una crisi profon...

Video shock Turchia: un Poliziotto spara in testa a un manifestante e fugge

12/06/2013: Ad aver ucciso il manifestante non è il poliziotto che fugge ma un suo collega. Un video uscito soltanto poche ore fa, inerente al primo giorno d...

La Monsanto e quei tumori troppo sospetti

Lo sapevate? Uno studio pubblicato sul Food and Chemical Toxicology, riportato da The Grocer e Fanatic Cook ha dimostrato che la Monsanto, prima produttrice ...

Impressionante esplosione notturna di fumi e polveri dall'ILVA di Taranto

MI COMUNICANO: "A MEZZANOTTE RIPRISTINIAMO LA LINEA "D" DELL'AGGLOMERATO..." MI APPOSTO CON LA MIA TELECAMERA AD INFRAROSSI E FILMO UNA LUNGA ED IMPRESSIONAN...

Kayapo espulsi con violenza dalle loro case. Invaderanno 400.000 ettari di foresta amazzonica

"Siamo contro l'invasione delle nostre terre. Siamo gli abitanti originari. L'uomo bianco ci sta costuendo intorno. Non ci piace questo. Vogliamo rispetto"" ...