Informare per Resistere

Informare Per Resistere

ANCORA VIOLENZA NELLE STRADE DI LONDRA

ANCORA VIOLENZA NELLE STRADE DI LONDRA
agosto 10
19:00 2011

- DI RIXON STEWARTTruth Seeker -

Scene orribili di violenza e di saccheggio sono esplose per la terza notte consecutive nelle strade di Londra, minacciando di rovinare l’immagine della città nella sua corsa verso le Olimpiadi del prossimo anno.

Qualunque sia la causa, alcune cose sono già evidenti.

A differenza della Primavera Araba, le odierne rivolte di Londra sembrano avere ben poche motivazioni politiche. Anche se alcuni hanno parlato di tensioni tra i giovani insoddisfatti dalle larghe comunità degli immigrati e la polizia, mentre lo sconto può avere avuto inizio con delle sfumature politiche, è subito virato verso gli incendi e i saccheggi.

I guai sono seguiti a una protesta pacifica dello scorso giovedì per l’uccisione da parte della polizia di Mark Duggan. Al termine il corteo è arrivato a scontrarsi con la polizia e alcuni manifestanti sono arrivati direttamente a una sommossa in piena regola, che ha poi portato agli incendi e ai furti generalizzati.

La morte di Duggan è l’ultima di una serie di omicidi da parte della Polizia Metropolitana, tra cui la morte di Ian Tomlinson nel corso delle proteste nel centro finanziario della City di Londra e la sparatoria contro Jean Charles De Menzes, che la polizia ha riferito di aver inizialmente scambiato per un “sospetto terrorista”.

Pur non essendo armato, oltre al fatto che si sono dubbi se la polizia abbia provocato De Menzes o persino se non si siano qualificati prima di aprire il fuoco, gli hanno sparato in testa, sette volte.

Con un passato recente simile non c’è da stupirsi che la rabbia sia trasalita dopo l’ultima sparatoria, visto che il proiettile che la polizia affermava fosse stato sparato da Duggan era invece una munizione in dotazione ai poliziotti.

Ciò malgrado, la violenza e gli scontri hanno perso rapidamente una qualsiasi motivazione politica e sono diventati una scusa per il saccheggio.

Gli autori dei furti si aiutano portando fuori carrelli di beni di consumo nelle zone sconvolte dagli scontri, mentre la polizia fa poco o niente per fermarli.

Per di più, le aree di Londra dove si svolgono le sommosse sono tutte sedi di popolazioni numerose di immigrati afro-caribici, il che aggiunge un elemento razziale a una miscela già di per sé esplosiva.

La cosa può sembrare strana, ma tutto questo sembra essere stata progettato già da tempo. Non le rivolte in sé, ovviamente, ma le circostanze che le hanno scatenate.

La Gran Bretagna ha subito ondate di immigrazione negli ultimi decenni, molte delle quali sembrano non avere alcun problema di accesso in un’isola già sovraffollata.

In effetti, ci potrebbe essere stata un’intenzione, nel creare una situazione dove gruppi differenti, che hanno vissuto abbastanza in pace in tempi favorevoli, sono ora ai ferri corti quando la recessione morde e i posti di lavoro spariscono.

In breve: seminare i semi del conflitto con il classico “divide et impera”.

Non è una coincidenza che scene simili si siano viste in tutto il pianeta: Francia e Stati Uniti hanno visto simili tumulti negli ultimi anni.

È una arma a doppio taglio, comunque. Quando scoppiano i conflitti, le autorità possono contenerle in modo molto, molto pesante, in nome dell’ordine pubblico o di un’altra fraseologia ben elaborata.

La cosa da evidenziare è che gli scontri e il conflitto civile forniscono una giustificazione per imporre misure ancora più draconiane per contenerle. E che, dopo una nuova morte, le persone inconsapevoli sono condizionate nell’accettare un regime sempre più brutale.

Una brutalità così autoritaria potrebbe alla fine essere considerata una necessità per affrontare un disordine pubblico sempre più evidente.

In sintesi: il tipo di ordine che si ottiene dal caos.

E neppure è una coincidenza che molti dei dirigenti della polizia britannica si pensa siano massoni. Non sono solo dicerie, è stato riportato che molti alti funzionari della polizia siano attivi massoni. E quindi chi meglio di loro può realizzare questo progetto per “l’ordine generato dal caos” degli stessi uomini che dovrebbero combattere il disordine?

Così come le stesse agenzie che stanno combattendo la “Guerra al Terrore” si pensa siano quelle che sono dietro l’11 settembre o il 7 luglio.

Sono presenti gli stessi concetti: portare a un Nuovo Ordine Mondiale in seguito a un caos che è stato creato intenzionalmente con la collusione di quelli che dovrebbero contenerlo.

Naturalmente queste strutture non organizzano le rivolte che abbiamo visto a Londra. Non è necessario. Sfruttano queste persone per le proprie intenzioni.

La sola cosa di cui hanno realmente bisogno è la fiducia di un pubblico inconsapevole e ignaro. Esattamente quel genere di persone che possono essere zittite con l’accusa di “razzismo” se fanno troppe domande sul perché tanti immigrati possono raggiungere con facilità l’Occidente.

Lo stesso tipo di individui che credono che i politici facciano il loro interesse e che la polizia sia lì per proteggerli.

********************************************

Fonte: http://www.thetruthseeker.co.uk/?p=31782

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

http://www.comedonchisciotte.org/site//modules.php?name=News&file=article&sid=8755

Ti potrebbero interessare

Powered by Google+ Comments

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Add Comment Register



Your email address will not be published.
Required fields are marked *

Unisciti alla resistenza

facebooktwitterRSSyoutubeGooglePlusIcon

Gli articoli più letti

Informare Per Resistere TV

Il discorso di Peppino Impastato a radio Aut

Uno dei celebri discorsi di Peppino Impastato, attivista comunista contro la mafia, a radio Aut, durante il suo programma Onda Pazza. Peppino denuncia i mafi...

Come uscire dalla dipendenza del denaro?

Ho sempre ritenuto bizzarro il tema denaro, un po come il riconoscimento di sé, di chi siamo: viviamo spesso abitudinariamente nella società che ci viene off...

Video shock Turchia: un Poliziotto spara in testa a un manifestante e fugge

12/06/2013: Ad aver ucciso il manifestante non è il poliziotto che fugge ma un suo collega. Un video uscito soltanto poche ore fa, inerente al primo giorno d...

Galline ovaiole: Così il governo punta a chiudere l'infrazione

SANZIONI RADDOPPIATE E DISSUASIVE PER GLI ALLEVATORI Sanzioni raddoppiate, con possibile divieto o sospensione dell'esercizio dell'attività -- quindi, nelle ...

Ridere nella metropolitana: più che un consiglio, un video cult che sta spopolando sul web

Lachen in der U-Bahn, ridere nella metropolitana appunto, è stato girato in una fredda serata novembrina a Berlino: le carrozze della linea 12 della metropol...

Impressionante esplosione notturna di fumi e polveri dall'ILVA di Taranto

MI COMUNICANO: "A MEZZANOTTE RIPRISTINIAMO LA LINEA "D" DELL'AGGLOMERATO..." MI APPOSTO CON LA MIA TELECAMERA AD INFRAROSSI E FILMO UNA LUNGA ED IMPRESSIONAN.

Marionetta Papademos, avete portato i greci alla rivoluzione [Nigel Farage]

"Se i greci non tornano alla dracma, sarete responsabili di qualcosa di veramente terribile". "Se io fossi greco andrei in strada a protestare contro le auto...

TTIP - Transatlantic Trade And Investment Partnership

Licenza CreativeCommons: Scarica e ri-carica questo video su tuo canale! Fonte: http://t.co/rJ3pRgyF Facebook: http://t.co/vPGNjPFS Daily: http://t.co/Pe345x...

Quando comprare un cellulare provoca la morte!

Culture In Decline | Episodio #3 - 'CVD - Disturbo da Vanità Consumistica'' di Peter Joseph http://www.zeitgeistitalia.org | http://www.cultureindecline.com ...

La corte costituzionale salva la legge che salva l'Ilva di Taranto

SODDISFAZIONE DEL MINISTRO DELL'AMBIENTE CLINI La legge salva-Ilva non viola la Costituzione. Giudicando in parte inammissibili, in parte non fondati i dubbi...