Pubblicato da il 21 marzo 2012.
L'articolo Monete alternative: in USA si paga col… detersivo appartiene alla categoria Bacheca.
Puoi seguire i commenti di questo articolo con il feed RSS 2.0.

Monete alternative: in USA si paga col… detersivo

-di Debora Billi per Crisis-

Si parla tanto di monete alternative, di come implementarle, di come dovrebbero funzionare. Ma lasciate fare alla crisi, e la gente ci penserà da sola.

Certo, i primi ad aprire la strada sono sempre i fuorilegge. Negli Stati Uniti, ad esempio, si sta verificando un inspiegabile e diffuso fenomeno: la “monetizzazione” del detersivo. Si tratta del Tide, un detersivo liquido per lavatrici piuttosto costoso e che tante massaie non possono più permettersi (tra i 12 e i 18$).

I furti di Tide, nei supermercati, sono oggi all’ordine del giorno, al punto che si sta pensando di metterlo sottochiave come lo champagne. E non si tratta solo di una bottiglia furtivamente infilata nella borsetta: ma proprio di blitz ad opera di ladri, che scappano dalla porta principale col carrello pieno fino all’orlo di Tide.

Tideladro.jpg

Cosa diamine se ne fanno? Non si sa con precisione. Ma pare che in strada la bottiglia di Tide abbia il valore di soldi contanti, presso piccoli spacciatori e ricettatori si può comprare merce e droga pagando col detersivo. La polizia, nelle irruzioni, trova sempre più spesso cantine con scaffali pieni di Tide accanto alla merce rubata o alle scorte di droga.

Ma anche i privati cittadini contribuiscono alla diffusione del curioso fenomeno. Una bottiglia di Tide rubata si può rivendere in strada al 30% del prezzo, oppure online al 60%, realizzando quei pochi dollari per tirare avanti. La Grecia arriva anche in America.

http://crisis.blogosfere.it/2012/03/monete-alternative-in-usa-si-paga-col-detersivo.html

Ti è piaciuto l'articolo?

1 Risposta a Monete alternative: in USA si paga col… detersivo

  1. tatiana Rispondi

    21 marzo 2012 at 08:05

    http://www.thedaily.com/page/2012/03/12/031212-news-tide-theft-1-4/

    magari non è vero, ma se ne parla parecchio

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

[gp-comments]