Informare per Resistere

Informare Per Resistere

La rivoluzione è nuda

La rivoluzione è nuda
marzo 29
18:20 2012

di Gloria Origgi -

Iranian woman

 Aliaa Magda Elmahdy è una studentessa egiziana. Per protestare contro l’oppressione del nuovo regime egiziano sui corpi e sulla voce delle donne, ha messo su Twitter una foto che la ritrae nuda (#NudePhotoRevolutionary), senza nessuna oscenità, ostentando un corpo che c’è, esiste, e non può essere negato da nessun regime e da nessuna religione. La spiegazione della sua azione è limpida. Aliaa descrive la sua azione come un “grido contro una società violenta, razzista, sessista e ipocrita” protesta contro un regime oppressivo, in cui la polizia della morale religiosa abusa del suo potere in continuazione. Vale la pena di riportare la dichiarazione che accompagnava la sua prima foto nuda sul Web: “Processate i modelli che posavano nudi nelle scuole d’arte, nascondete i libri d’arte, distruggete le statue di nudi antichi, poi spogliatevi e guardatevi allo specchio: bruciate il vostro corpo, il corpo che disprezzate, per liberarvi per sempre della vostra appartenenza a un sesso per infine dirigere la vostra umiliazione e il vostro sciovinismo contro di me e osare negarmi la libertà di esprimermi”.

Aliaa è stata processata e rischia ottanta frustate. Ma il suo atto non è rimasto inascoltato, e la militante per i diritti umani, Maryam Namazie ha creato un calendario di nudi rivoluzionari: Nude Photo Revolutionary Calendar che si può acquistare o direttamente scaricare dal Web, dove ha invitato scrittrici, intellettuali, politiche e militanti a sostenere l’atto di Aliaa posando nude per il calendario. Artiste, pubblicitarie, intellettuali di paesi diversi come la Polonia, la Danimarca, gli Stati Uniti, hanno posato nude in sostegno ad Aliaa. La foto della stessa Maryam Namazie, che accompagna il mese di novembre, porta la scritta: “Il mio corpo non è osceno. Osceno è velarlo!”

Come scrivevo in un altro post dedicato alla rivoluzione egiziana, le rivoluzioni si fanno prima di tutto con il corpo: i regimi si spezzano con il corpo, invadendo le strade, trasgredendo i costumi e le etichette che regolano l’uso del corpo. Dai monaci tibetani (o gli impiegati italiani) che si danno fuoco in segno di protesta, ai nudi egiziani, non dimentichiamo che alla fine il potere, quale che sia e dovunque sia, si legittima tramite il controllo dei nostri corpi: cosa mangiamo, come ci vestiamo, come e quando possiamo nascere e morire, dove e come ci possiamo spostare…

L’atto di Aliaa mostra come il corpo femminile, così bistrattato, desiderato e insieme odiato, deformato in caricatura indecente nell’Italia berlusconiana, negato e desessualizzato nelle società religiose, ma anche nell’America neo-vittoriana del capitalismo integralista, è ancora al centro di censure e trasgressioni, come se solo da lì, dalla liberazione da quella relazione di potere fondamentale che esiste tra uomo e donna, possa nascere una società veramente nuova.

Fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/03/29/rivoluzione-nuda/200987/

 

Related Articles

Powered by Google+ Comments

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Add Comment Register



Your email address will not be published.
Required fields are marked *

Unisciti alla resistenza

facebooktwitterRSSyoutubeGooglePlusIcon

Gli articoli più letti

Informare Per Resistere TV

Kayapo espulsi con violenza dalle loro case. Invaderanno 400.000 ettari di foresta amazzonica

"Siamo contro l'invasione delle nostre terre. Siamo gli abitanti originari. L'uomo bianco ci sta costuendo intorno. Non ci piace questo. Vogliamo rispetto"" ...

Marionetta Papademos, avete portato i greci alla rivoluzione [Nigel Farage]

"Se i greci non tornano alla dracma, sarete responsabili di qualcosa di veramente terribile". "Se io fossi greco andrei in strada a protestare contro le auto...

La Monsanto e quei tumori troppo sospetti

Lo sapevate? Uno studio pubblicato sul Food and Chemical Toxicology, riportato da The Grocer e Fanatic Cook ha dimostrato che la Monsanto, prima produttrice ...

Reportage HAARP: il clima sotto controllo

Reportage su HAARP andato in onda sul canale francese iTele. Licenza CreativeCommons: Scarica e ri-carica questo video su tuo canale! Fonte: http://t.co/rJ3p...

Quanti bimbi schiavi hai nel cellulare?

Milioni di esseri umani, in condizione di vera schiavitù, estraggono dalle miniere africane rare materie prime. Sono i "minerali di conflitto": per la tua el...

Guerra tra poveri [...e coglione chi ci casca]

Ho letto fiumi di parole dopo il post di Grillo, ma nessuno che abbia detto le cose come stanno. "Democratizziamo" paesi a suon di bombe e rivoluzioni contro...

Indonesia: Produzione di carta e legno per le nostre case

L'olio di palma viene usato in diversi prodotti sia alimentari che cosmetici....Se avete la pazienza di vederlo tutto il video, le immagini parlano da sole.....

La famiglia a rifiuti zero

PRODUCE SOLO UN LITRO DI SPAZZATURA ALL'ANNO (VIDEO) Una famiglia di quattro persone che praticamente non produce rifiuti. C'è davvero ed è quella di Bea Joh...

La verità sul debito e sulla crisi

Una semplice spiegazione del debito pubblico e della crisi che sta travolgendo il mondo intero. Tratto dal film Zeitgeist Moving Forward, da vedere e riveder...

Chi controlla le redini? ENI, Nestlè, Unicredit Banca, Goldman Sachs. La sovranità monetaria?

Intervento di Carlo Sibilia sulle politiche bancarie che si nasconderebbero dietro la cosiddetta Unione europea che costringe all'unione monetaria Paesi euro...