Informare per Resistere

Unisciti alla resistenza

  • RSS
  • youtube
  • GooglePlusIcon

I più letti della settimana

Informare Per Resistere TV

Gli ultimi articoli di questa categoria

Informare Per Resistere

PREFERISCI SACRIFICARE UN TOPO O SALVARE TUO FIGLIO ?

PREFERISCI SACRIFICARE UN TOPO O SALVARE TUO FIGLIO ?
aprile 16
15:40 2012

– DI ALESSANDRA COLLA – asinusnovus.wordpress.com

SEMANTICA DELL’INGANNO

Devo darvi due notizie — una buona e una cattiva.

Cominciamo da quella cattiva: la lobby della ricerca c.d. scientifica si prepara a impestare le nostre città con cartelloni e manifesti pubblicitari a favore della ricerca, lanciando una campagna in grande stile «insieme a voi per fare un impatto positivo su tutto il mondo, in piu di 30 paesi, e nella tua communita’» — come si legge, in un italiano un po’ approssimativo, sull’home page del sito www.ricercasalva.it, evidentemente ancora “under construction” (c’è anche una sezione intitolata rozzamente «Sei contro ricerca animale?», ma è vuota). Sono tanti, hanno i soldi e si appoggiano a istituzioni che il grande pubblico considera prestigiose.

Quella buona, invece, è che se pensano di dover uscire allo scoperto è perché si sentono minacciati, e per di più cercano di controbattere alle serie e numerose accuse portate contro le loro pratiche antiquate proponendo un messaggio debole e vecchio.

Vediamo un po’ i dettagli.

La foto del manifesto è questa:

Come si vede, l’immediatezza del messaggio è realmente di grande impatto — per chi? Ma per tutti quelli che, non conoscendo nulla dell’iceberg “ricerca scientifica”, vivono di rendita sul vecchio, vecchissimo argomento principe del bravo vivisettore: “preferisci sacrificare un topo o salvare tuo figlio?”.

Gli ingredienti per una vivace scossa emotiva ci sono tutti: il bambino, soggetto/oggetto par excellence di ogni pubblicità ovvero l’affetto più caro (per la verità le statistiche del 2010 registrano, per l’Italia, un infanticidio ogni 20 giorni), a fronte dell’odioso topo ( che si tratti di una candida cavia innocua non scalfisce minimamente l’immaginario collettivo che associa ogni muride al temibile Rattus rattus portatore della peste nera) incubo di quasi ogni donna e ogni madre.

È chiaro che i pubblicitari conoscono il loro mestiere — vendere il prodotto .

Da non sottovalutare nemmeno il link di riferimento, con un nome davvero ben trovato: “ricerca salva”. Ovvero la ricerca ti salva, ma tu che guardi, o viandante, devi salvare la ricerca se vuoi esserne salvato. Che, tradotto, significa “caccia la lira”. Obiettivo veramente primario per ogni istituto di ricerca, come sappiamo da tempo, e che costituisce il messaggio occulto.

Il messaggio palese, invece, è la quintessenza dell’antropocentrismo politicamente corretto: è in gioco la vita dell’essere umano, per salvare la quale s’impone il sacrificio di una vita non-umana. E la scritta non dice “un giorno ti potrebbe salvare la vita”, bensì “un giorno ti potrei salvare la vita”: è l’animale stesso a dichiararsi disposto a donarsi per la tutela di quel bene “superiore” che è la vita umana — tutto , a fronte del nulla rappresentato, per contro, dalla mera animalità. Nessuno meglio di Marguerite Yourcenar, a mio avviso, ha saputo dirlo meglio cogliendo «quell’aspetto sconvolgente dell’animale che non possiede niente, tranne la propria vita, che così spesso gli prendiamo» .

Ma di quale animale si tratta, qui? Del topo. Che un po’ ci è così familiare nelle vesti di Topolino, Jerry, Pixie&Dixie, Fievel, Bianca&Bernie; e un po’ merita, in qualche modo, di essere sacrificato per quella sua parentela (ah, Linneo…) con l’infelice Rattus rattus. Che si offra in sostituzione della vittima prescelta, dunque, è cosa buona giusta doverosa e salutare: come peraltro insegnano le radici della cultura occidentale — l’agnello che salva Isacco dal coltello di Abramo, o la cerva che salva Ifigenia dal coltello di Agamennone (e Lucrezio, lucido e puntualissimo, chiosa “Tantum religio potuit suadere malorum” , quali e quanti mali ha potuto suggerire la religione…).

Del resto la storia dell’umanità rigurgita di sacrifici animali, immolati su altari d’ogni tipo per celebrare vittorie, scongiurare sconfitte, espiare colpe o invocare favori — la predilezione di Jahvé per l’odore del sangue è imbarazzante forse più di quella del colonnello Kilgore per l’odore del napalm al mattino. Il che sembra aver fornito all’ homo occidentalis la legittimazione ideale per continuare, anche in questo nostro ancor giovane XXI secolo, a immolare vittime non-umane sull’altare della Scienza.

Ecco, questo sì che è preoccupante: considerare la Scienza (con la maiuscola, si noti) alla stregua di una divinità terribile ma giusta alla quale offrire quotidianamente innumerevoli sacrifici per salvarci la pelle. Non, si badi, per assicurarci la vita eterna nell’aldilà — oh no. Ma proprio per illudersi di sconfiggere la morte e tentare di prolungare il più possibile questa vita terrena, bene materiale quant’altri mai, prontissimi a infischiarcene della salute della nostra anima immortale nonché dello strazio di infiniti esseri viventi. (Io credo che l’Occidente cristiano in tutte le sue declinazioni dovrebbe interrogarsi su questa contraddizione che la dice lunga sulla fragilità di certe scelte).

Ma questa atroce divinizzazione della scienza non rappresenta forse la sconfitta di ogni illuminismo, e insieme il trionfo di quell’oscurantismo che dopo il 1789 si credeva di aver cacciato dalla porta e che subdolamente è invece rientrato dalla finestra? “Sei ancora quello della pietra e della fionda, uomo del mio tempo […] con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio” ? Urge, s’impone, necessita imperativamente una nuova coscienza, una nuova consapevolezza e l’assunzione di nuove responsabilità.

Torniamo al topo, scelto non a caso. Perché sappiamo benissimo che gli animali utilizzati (sono o non sono “utensili animati” al pari degli schiavi, come diceva il sommo Aristotele che tanto piacque a Tommaso d’Aquino?) sono topi, sì, ma anche cani, gatti, scimmie (che sono primati come noi), uccelli, suini, ovini, equini, rettili, pesci — i ricercatori adempiendo così, in modo non eccessivamente arbitrario, l’antica missione: «dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente, che striscia sulla terra» (Genesi, 1:28).

Ma naturalmente il topo, anche se è una cavia e non un topo di fogna, è molto meno carino di un cane o di un gatto: e si è più disposti a tollerare le sofferenze di quello piuttosto che di questi. (Anche Françoise Marie Martin, moglie di Claude Bernard, celebre fisiologo e campione della medicina sperimentale che l’aveva sposata per interesse nel 1845, tollerava a malincuore le pratiche vivisettorie del marito su topi e rane. Però quando il galantuomo arrivò a vivisezionare pure il cane di casa prese le figlie e se ne andò, nel 1869, trascorrendo il resto della sua vita a battersi contro questa pratica).

È probabilmente per questo che il nervosismo sale quando l’attenzione dell’opinione pubblica viene portata sugli allevamenti di cani destinati alla vivisezione; ed è per questo che risulta così difficile indurre l’uomo della strada a ritenere meritevoli di maggior considerazione animali diversi da cani e gatti.

Tirando le somme, però, sembra di poter concludere che noi, il popolo antispecista, non siamo messi poi così male. E che anzi stiamo lavorando piuttosto bene, se la lobby vivisettrice si sente in dovere di cercare approvazione per le sue pratiche biasimevoli (oltre che perlopiù fuorvianti, come sappiamo).

In concreto, cosa possiamo fare? Parola d’ordine, non abbassare la guardia. E poi: continuare a produrre materiale qualificato, non cedere alle emozioni, non rispondere alle provocazioni, restare distaccati e non dimenticare mai che sotto quei camici bianchi e quei sorrisi stereotipati si celano, intatti attraverso i secoli e i millenni, i portatori di ogni oppressione. Sarà solo questo che potrà salvare la vita di tutti, umani e non-umani.

Alessandra Colla
Fonte: http://asinusnovus.wordpress.com
Link: http://asinusnovus.wordpress.com/2012/04/15/semantica-dellinganno/

http://www.comedonchisciotte.org/site//modules.php?name=News&file=article&sid=10166

Ti potrebbero interessare

Powered by Google+ Comments

61 Comments

  1. Teo Quareo
    Teo Quareo aprile 16, 14:01

    aaaaaaaaaaaahhhhhhh! maledetti ipocriti mafiosi… solo I soldi vi interessano.. la ricerca animale e' completamente inutile!

  2. Monica Boggio
    Monica Boggio aprile 16, 14:04

    C'è gente talmente stupida in giro, che pensa che siamo stupidi anche noi…. Io non scelgo di torturare degli animali, considerando inoltre che esistono delle alternative molto più valide.

  3. Marta
    Marta aprile 16, 15:21

    Io sinceramente non capisco, ma nessuno di voi si prende mai una medicina?
    Nulla di nulla?
    Che ne so, un’aspirina, un moment, un aulin?
    O più semlicemente chi di voi rinuncerebbe (nella malaugurata ipotesi di risultare sieropositivo) agli antivirali di ultima generazione?

  4. Geoffrey
    Geoffrey aprile 16, 15:22

    Poveri ignoranti!! La crudeltà ed il maltrattamento non sono mai tollerabili, ma la ricerca in campo biomedico non potrebbe esistere senza l’utilizzo degli animali da laboratorio, non ci sono alternative se non in alcuni casi. L’unica alternativa sarebbe utilizzare esseri umani, in tal caso però sarebbero ricerche degne del dottor Mengele. È inaccettabile che persone che di scienza medica sanno poco o nulla si permettano di dire che esistono alternative quando non è così! Non volete la ricerca animale? Benissimo, curatevi con fitoterapia, medicina omeopatica e via dicendo…tanto meglio, così non peserete sul bilancio del SSN. E se (facciamo gli scongiuri) vi dovesse capitare un incidente non chiamate l’ambulanza ma morite per i traumi riportati, visto che la maggior parte delle cure che potrebbero salvarvi la vita sono frutto in tutto o in parte di ricerche fatte sugli animali.

  5. Michela Francesca Del Fabbro
    Michela Francesca Del Fabbro aprile 16, 14:33

    Siamo alle solite cretinate…voglio ribadire il concetto secondo cui se tutti capissero che il 99% dei medicinali NON SERVE, e se tutti evitassero code inutili nelle farmacie preferendo invece qualche sana erboristeria, NOI CI GUADAGNEREMMO IN SALUTE, GLI ANIMALI NON MORIREBBERO INUTILMENTE E LORO GUADAGNEREBBERO MOLTO MA MOLTO MENO…

  6. satana
    satana aprile 16, 15:33

    Ipocriti del cazzo… andate a fare in culo!
    Ma voi non siete quelli che appena vedete un cane maltrattato inneggiate alla violenza, però la domenica a pranzo la vostra bisteccona ve la pappate tutta eh? ipocriti!

  7. Teo Quareo
    Teo Quareo aprile 16, 14:36

    ? le aspirine e tutte le altre medicine SONO SPERIMENTATE sugli umani! ke poi vi abbindolino con false informazioni non e' certo colpa nostra. la sperimentazione animale e' inutile perche ogni essere ha reazioni distinte alle varie sostanze (vds scimmie e cancro ai polmoni ke l'essere umano si e' bevuto il fatto ke le sigarette non facessero male per decenni perche le scimmie non soffrivano di cancro obbligate a fumare per giorni e giorni)… un'altro esempio e' quello dei topi e dei porcellini d'india ke, anche avendo un dna praticamente identico reagiscono ai farmaci in maniera completamente diversa. come puo' essere utile allora la sperimentazione animale… e' solo un altro giro di soldi per la gente ke ci casca! I farmaci vengono commercializzati portando come sicurezza la sperimentazione, ma se ci sono dei casi di intolleranza vengono immediatamente ritirati… siamo noi le cavie the laboratorio…gli animali sono solo le vittime innocenti di una societa' malata.

  8. pippo
    pippo aprile 16, 15:38

    idea!!
    invece dei topi usiamo i politici!!

  9. Teo Quareo
    Teo Quareo aprile 16, 14:43

    grande pippo.. usiamo I politici! hahahahha…
    satana… immagino tu sia vegetariano.. (io lo sono).. o dici ke gli altri sono ipocriti cosi per vedere se riesci a creare scompiglio…. e in realta' anche ci dai di bisteccona?

  10. Matteo Maitiú Rinaldi
    Matteo Maitiú Rinaldi aprile 16, 14:47

    Ci sono ricerché che servono e che non servono. Anche quelle sugli animali servono, ma è comunque meglio limitarle in casi estremi e rari. Tenendo conto anche di una cosa: se agli animali non succede nulla, va bene. Se dobbiamo far loro patire le pense dell'inferno perché una vecchia di merda si possa fare il lifting, vaffanculo, ma se dobbiamo trovae la cura per il cancro… bhè, per questo, sappiate che stiamo già usando cavie umane negli ospedali. Si chiama "sperimentazione", ed è assolutamente legale. Quindi presumo che farlo sugli animali non sia poi la fine del mondo se si fa anche sugli umani, no?

  11. Teo Quareo
    Teo Quareo aprile 16, 14:50

    semplicemente non serve… lo stanno gia facendo sugli umani… nn da alcun riscontro reale un topo o un cane con un uomo… e' semplicemente una perdita di tempo e soldi

  12. Teo Quareo
    Teo Quareo aprile 16, 14:51

    anche tu

  13. Marta
    Marta aprile 16, 15:53

    Non so se sapete ma qualsiasi farmaco che arriva sugli umani è SEMPRE testato prima sugli animali.
    NON SI PUO’ dare un aspirante farmaco all’uomo PRIMA di aver testato la tossicità sugli animali, PER LEGGE.

  14. Fulvio
    Fulvio aprile 16, 18:13

    Scusate ma nessuno ha controllato l’immagine e il sito web? non vi rendete conto che é un fake, e la campagna a cui fa riferimento é americana e del 2008? controllate le notizie prima di farne una discussione cosí..
    altra cosa é poi il ”merito” dell’argomento…benissimo, aboliamo la sperimentazione su animali..chi é che si presta a prendere un farmaco, con il dottore che dice”guardi lo abbiamo sperimentato su cellule, e i nostri modelli matematici ci dicono che non fará male, peró lei é il primo organismo complesso che lo prende, ci faccia sapere ogni 3h come sta, grazie”…e il discorso sarebbe molto molto piú lungo…
    Ah, camici bianchi e sorrisi stereotipati…io lo chiederei alle migliaia di dottorandi e post-doc che portano avanti la ricerca in questo paese, con passione e forza, che strappano piccole vittorie contro malattie e vecchiaia, se sono gli ”strumenti dell’oppressione” oppure se sia una visione oscurantista, medioevale e cattolica a essere quella si, una macchina oppressiva…

  15. Fulvio Celsi
    Fulvio Celsi aprile 16, 17:15

    Scusate ma nessuno ha controllato l’immagine e il sito web? non vi rendete conto che é un fake, e la campagna a cui fa riferimento é americana e del 2008? controllate le notizie prima di farne una discussione cosí..
    altra cosa é poi il ”merito” dell’argomento…benissimo, aboliamo la sperimentazione su animali..chi é che si presta a prendere un farmaco, con il dottore che dice”guardi lo abbiamo sperimentato su cellule, e I nostri modelli matematici ci dicono che non fará male, peró lei é il primo organismo complesso che lo prende, ci faccia sapere ogni 3h come sta, grazie”…e il discorso sarebbe molto molto piú lungo….
    Ah, camici bianchi e sorrisi stereotipati…io lo chiederei alle migliaia di dottorandi e post-doc che portano avanti la ricerca in questo paese, con passione e forza, che strappano piccole vittorie contro malattie e vecchiaia, se sono gli ”strumenti dell’oppressione” oppure se sia una visione oscurantista, medioevale e cattolica a essere quella si, una macchina oppressiva….

  16. Michele Dibattista
    Michele Dibattista aprile 16, 17:25

    Grazie per il sostegno ma la cosa su quel sito e' diventata davvero insostenibile..pieno di gente che vuole fare la rivoluzione..ma per carita' si stessero buoni..perche' se queste sono le idee preferisco che le cose restino cosi' come sono!!

  17. Fulvio Celsi
    Fulvio Celsi aprile 16, 17:33

    Michele Dibattista io credo che comunque un dialogo bisogna instaurarlo e cercare di informare le persone in maniera corretta NON come sta facendo questo articolo..spero che la redazione mi dia sostegno, perché questo articolo é veramente indegno…non fa INFORMAZIONE ma DIS-INFORMAZIONE

  18. Michele Dibattista
    Michele Dibattista aprile 16, 17:36

    Era quello che pensavo e su ogni benedetto post-pseudoscientifco (preso per esempio da scienzamarcia, nomen omen) dicevo la mia..ma con questo si e' raggiunto il limite. La "redazione" non prende posizione perche' e' composta da una massa di ignoranti oscurantisti..probabilmente le scie chimiche a cui tanto credono gli hanno fuso il cervello!

  19. Marco Calcich
    Marco Calcich aprile 16, 17:39

    Ma converrai che la risposta alla somministrazione di farmaci su organismi complessi diversi possa dare risultati diversi non sempre esaustivi? Vedi la risposta di conigli con la vitamina C o l'aspirina che se non sbaglio ne causano la morte mentre per noi esseri umani…

  20. Barbara Di Meglio
    Barbara Di Meglio aprile 16, 19:10

    E cmq va regolamentata.
    E sopratutto abolita la sperimentazione inutile o che da risultati già noti.
    Ma sopratutto nn capisco l utilità dei test cosmetici su cani e gatti.

  21. Michele Dibattista
    Michele Dibattista aprile 16, 19:14

    Barbara Di Meglio , quale sarebbe le sperimentazione inutile, chi lo decide?!? La sperimentazione animale e' gia' regolamentata,e anche in maniera restrittiva e rigida. Ogni protocollo che prevede l'uso di animale e' fatto secondo i canoni di legge (a sua volta definita da una comissione etica). E' tutto regolamentato da quando l'animale entra in uno stabulario sino ai metodi di eutanasia che devono essere tutti indolore. E' anche noto che nessuno vuole fare esperimenti con animali stressati e maltenuti, perche' di difficcile interpretazione.

  22. Marta La Freccia Gherardi
    Marta La Freccia Gherardi aprile 16, 19:27

    Ma hanno cancellato I post scritti direttamente sul blog?
    IxR mi state veramente scadendo, di cosa avete paura scusa?

  23. Marta La Freccia Gherardi
    Marta La Freccia Gherardi aprile 16, 19:36

    Matteo, avevo scritto, prima che me lo cancellassero, che TUTTE le medicine che sono adesso in commercio PRIMA di essere sperimentate sull'uomo (che comunque è una tappa imprescindibile) sono state sperimentate sugli animali, sono leggi internazionali.
    Tu credi che sia etico e giusto dare un potenziale farmaco ad una persona (volontario SANO per test di fase 1) prima di sapere se è tossica su qualcosa che non sia una cellula?
    Questi esperimenti li facevano i nazisti sugli ebrei, studiati un pò di storia…

  24. Teo Quareo
    Teo Quareo aprile 16, 19:59

    Marta Gherardi io ti ripeto solamente ke non hanno senso gli esperimenti sugli animali perche non hanno attinenza con gli effetti ke determinate sostanze hanno sull'uomo.i farmaci o altre sostanze vengono si sperimentati sugli animali ma non hanno alcuna prova scientifica. vengono messi sucessivamente in commercio e poi se fanno male vengono ritirati. infatti … se tu la storia non la studiassi solo da bigotta… avresti gia capito ke i risultati della medicina moderna derivano proprio dalla tortura dell'800 e dai campi di concentramento nazisti. la sperimentazione animale e' solo un fake alla quale migliaia di bigotti credono… sfortunati animali..

  25. Teo Quareo
    Teo Quareo aprile 16, 20:05

    aggiungo… pero' con chi credi di avere a ke fare?? sei un tecnico di laboratorio ke ha paura di perdere il lavoro??? sperimenti su animali??? ke skifoooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!

  26. Teo Quareo
    Teo Quareo aprile 16, 20:10

    Marta Gherardi …. impiegata per la BIOTECH SPA DI SIENA??? gia fa cagare il palio perche torturate i cavalli… ma farmi dire balle da un tecnoco di laboratorio senz'anima non mi sembra proprio il caso…. cosa mi dirai adesso… ke te o i tuoi colleghi usate anestesie e/o accompagnate verso una morte decente un animale in cattivita'??? ke lo fate per uno scopo benefico?? ke fino ad ora avete scoperto qualcosa di nuovo??? ke nel momento in cui lo scopriate non ve lo terrete per voi fino a ke non ve lo pagheranno a peso d'oro?? maledetti siate voi tutti!! voi SIETE i nazi di oggi!!!! ANTISPECISMO OGGI E SEMPRE..

  27. Marta La Freccia Gherardi
    Marta La Freccia Gherardi aprile 16, 20:24

    Matteo DePiccoli è bello vedere che la gente ascolta quello che uno dice senza avere pregiudizi.
    Ti dico le cose che so perchè è il mio lavoro, poi tu sei libero di crederci o no.
    Io non ti giudico per quello che dici, come invece fai tu.
    Le prove scientifiche ci sono eccome, altrimenti le aziende farebbero volentieri a meno degli animali che sono un costo enorme.
    Ma poi scusa, se tu inventassi una cosa che è utile a tutti regaleresti il brevetto nonostante tu ci abbia impiegato anni di ricerche, sacrifici e investimenti?

    P.S. lacia stare il Palio che poi si entra in un altro annoso problema….

  28. Teo Quareo
    Teo Quareo aprile 16, 20:33

    Marta Gherardi skifosi lobbisti!! il mondo va a puttane per le aziende come le vostre!!! non si sperimenta su animali vivi!!! potrebbe essere ammesso l'utilizzo di cellule e per lo stesso motivo UMANE… non svendere l'intelligenza dell'eessere umano!!! hai un lavoro di merda e fai parte della macchina per la quale i bimbi in africa continueranno amorire di aids anche se per caso qui si trovasse una cura!!! uccidete i nostri fratelli per puro interesse economico!!! se c'e' un dio andrete all'inferno tutti!!!!! vendere le cure per far si ke solo le persone abbienti vi possano accedere!!! merdeeee!!! skifooooo!!! …e in piu con test fasulli ke fanno spendere allo stato milioni di euro all'anno solo perche' la lobbi ha ancora qualche contatto mafioso di merda al ministero e gli esperimenti sono ancora considerati legali!!! skifoooooooooooo!!!!!!

  29. Marta La Freccia Gherardi
    Marta La Freccia Gherardi aprile 16, 20:37

    Matteo DePiccoli guarda che si sperimenta sulle cellule (anche umane), è il primo passaggio….

  30. Teo Quareo
    Teo Quareo aprile 16, 20:40

    grazie mi hai illuminato!!! so benissimo ke gia si fa e per questo e' inutile il resto!!!!

  31. Marta La Freccia Gherardi
    Marta La Freccia Gherardi aprile 16, 20:42

    Ma tu che lavoro fai? Oppure, cosa stai studiando?
    Io AMMIRO che tu abbia dei forti ideali, ma ti stai comportando in modo estremista.
    I test non sono solo considerati legali, ma obbligatori in OGNI stato del mondo…
    E poi chi paga i test sono le aziende, non lo stato, non c'entra nulla…

  32. Teo Quareo
    Teo Quareo aprile 16, 20:48

    Marta Gherardi io ke studi ho!?? tu sei nata su marte??? gli esperimenti vengono finanziati almeno in parte dallo stato… ovvero dalle nostre tasche!! le palle ke vi autofinanziate!! come le scuole private!!! piu soldi ke a quelle pubbliche!!! insomma il solito skifo!! io estremista!?? se potessi mettervi una bomba sotto il culo adesso lo farei!!! i test sono considerati legali perche qualche mafioso di merda ke 'produce' e vende animali da laboratorio e si riempie di soldi riesce ancora a corrompere e a instigare l'ignoranza!!! e se avete qualche skifo di cliente come un'azienda farmaceutica o di vari prodotti di cosmesi ke ve li paga… ancora peggio… perche non solo sono inutili ma generano ancora di piu' ignoranza e differenza sociale!!! skifo come sempre!!!

  33. Marta La Freccia Gherardi
    Marta La Freccia Gherardi aprile 16, 20:51

    Matteo DePiccoli che belli i dialoghi costruttivi…
    Ma perchè ci cado sempre?

  34. Marta La Freccia Gherardi
    Marta La Freccia Gherardi aprile 16, 21:00

    non sai dire altro oltre a skifo?

  35. Teo Quareo
    Teo Quareo aprile 16, 21:18

    Marta Gherardi ma come fai a parlare di dialoghi costruttivi quando lavori per chi sta distruggendo il mondo… per chi tortura.. per chi mente.. per chi fa i soldi a spese delle altre persone.. delle illusioni e dell'ignoranza delle stesse!!! si so dire solamente ke skifo per ke e' l'unica sensazione ke le vostre mafiette impresariali mi danno!!! in realta' non ci cadi su questi dialoghi… provi a fare da moderatore perche' hai paura di perdere il lavoro o perche' sei addirittura convinta delle balle ke dici o ke ti pagano per dire!! ma questo funziona sempre meno… o prima o poi non funzionera' piu'… e allora sarete kiamati a rispondere delle vostre malefatte!!!

  36. Marta La Freccia Gherardi
    Marta La Freccia Gherardi aprile 16, 21:31

    Matteo DePiccoli un dialogo si fa anche tra persone che hanno opinioni ed esperienze diverse.
    Tu hai le tue idee che io NON pretendo di cambiare, ma pretendo che se si prova a fare una discussione su qualche argomento almeno si cerchi di capire ciò che gli altri dicono; altrimenti si fa un articolo, un monologo e si chiudono i commenti perchè non si vogliono sentire altre campane.

    Detto questo sarei curiosa di sapere che lavoro fai o che cosa stai studiando, visto che tu il mio lavoro ed i miei studi li hai visti e li conosci.
    Conoscendo un pò chi sei magari riesco a trovare un punto di contatto per instaurare una discussione che non sia improntata solo sulla parola skifo.

    Io non ti ho attaccato perchè difendi gli animali, perchè sei vegetariano o perchè magari prendi l'aspirina o porti scarpe di pelle (cose che non so e che sarebbero ipocrite, come hai detto qualche post sopra); tu mi hai attaccato perchè faccio un lavoro che tu ritieni inutile e dannoso ma che molti altri potrebbero ritenere utile e che un giorno forse ti salverà dall'Huntington.

    Tu non sai per chi lavoro io, noi gli animali nemmeno li abbiamo, non è facile avere i permessi per lo stabulario, servono strutture, personale specializzato, tanti soldi perchè gli animali da ricerca costano una cifra; credimi le aziende ne farebbero volentieri a meno.

  37. Sandro Cirillo
    Sandro Cirillo aprile 17, 07:33

    Ipocriti mafiosi? Pallottole spedite a sindaco, asl e polizia di montichiari come le consideriamo? E minacce alla commissione del senato non sono metodi mafiosi? E per l'ipocrisia, beh…hai degli animali? Sono vaccinati? Se si ammalano li porteresti dal veterinario? E che dire di un tuo caro? Se gli prende una malattia o un attacco cardiaco che fai, lo lasci morire o gli salvi la vita con cure e metodologie TESTATE? Se consideri la sperimentazione animale completamente inutile puoi firmare un testamento biologico che ti esenti da qualsiasi cura TESTATA, anche in caso di pericolo mortale. Good luck!

  38. michele
    michele aprile 17, 09:38

    come se i ricercatori volessero testare i farmaci sugli animali perche’ li odiano.

  39. Fulvio Celsi
    Fulvio Celsi aprile 17, 09:13

    Marco Calcich si certo, appunto poi si passa alla fase 3 di sperimentazione dove si ''usano'' gruppi di pazienti di solito in fase terminale, x vedere la tossicitá. Personalmente credo che molti test su animali possano essere diminuiti…

  40. Fulvio Celsi
    Fulvio Celsi aprile 17, 09:14

    Barbara Di Meglio dai un'occhiata qua…i test sugli animali nell'ambito cosmetico sono giá banditi :
    http://www.salute.gov.it/cosmetici/paginaDettaglioCosmetici.jsp?id=160&menu=sperimentazione

  41. Marta La Freccia Gherardi
    Marta La Freccia Gherardi aprile 17, 10:11

    Fulvio Celsi Veramente la tossicità su umani viene fatta in fase 1 su VOLONTARI SANI.
    I farmaci sui malati vanno in fase 2, e i malati terminali (o altri pazienti) sono reclutati nelle sperimantazioni SOLO se il farmaco è per la loro malattia.

  42. Fulvio Celsi
    Fulvio Celsi aprile 17, 11:28

    Marta Gherardi hai ragione, errore mio… :(dal sito dell'AIRC) Il farmaco uscito dal laboratorio viene avviato alla cosiddetta fase 1. Obiettivo: valutare per la prima volta se la sostanza è tossica nell’uomo e qual è la dose soglia oltre la quale è meglio non andare. Poiché lo scopo non è quello di curare la malattia, i volontari selezionati possono anche essere soggetti sani (quasi mai per i farmaci antitumorali) e poco numerosi (qualche decina).

    Se la molecola ottiene la ‘patente di sicurezza’, passa alla fase 2. Lo scopo di questa tappa è ancora diverso: si vuole, per la prima volta, verificare se effettivamente la cura è attiva contro la malattia per la quale è stata inventata, per cui si selezionano pazienti (in genere non più di un centinaio) il più possibile simili tra loro per caratteristiche individuali e della patologia. In questo modo i dati ottenuti sono chiaramente interpretabili. Anche in questa fase si fa attenzione a eventuali effetti collaterali e tossici, e si stabilisce qual è la posologia ottimale (dosaggio e tempi della somministrazione).

    Se anche questa fase trascorre senza incidenti di rilievo, e se il farmaco dimostra la sua attività, si passa alla fase 3: la nuova cura viene confrontata alla terapia standard già esistente per verificarne la reale efficacia; partecipano diversi ospedali in tutto il mondo e il numero dei pazienti reclutati aumenta (nell’ordine delle migliaia). Solo facendo crescere il numero di persone sottoposte alla sperimentazione (sempre però nell’ambito di un preciso protocollo) è possibile verificare se essa è veramente efficace e se esistono effetti collaterali rari, che difficilmente si possono scoprire finché la cura è somministrata a poche persone.

    Ora, prima di uscire dal laboratorio, vengono fatti test di tossicitá su animali, che non possono essere fatti su cellule o modellizzati….

  43. Marta La Freccia Gherardi
    Marta La Freccia Gherardi aprile 17, 12:22

    Si, tutto esatto.
    Purtroppo le sole cellule, anche se umane, tumorali, modificate come vuoi, non sono sufficienti per stabilire se un composto possa essere tossico in un organismo; nei test sugli animali si capisce anche come il composto possa essere assimilato, sia disponibile nei vari tessuti e poi sia degradato ed spulso dall'organismo. (farmacocinetica, farmacodinamica e biodisponibilità).

  44. Teo Quareo
    Teo Quareo aprile 17, 17:54

    Sandro Cirillo sei vittima dei test in prima persona… e tutto quello ke gia sappiamo non necessita di altri test.. se non ci credi o fai parte di quelli che non ci arrivano… good luck!!

  45. Teo Quareo
    Teo Quareo aprile 17, 18:02

    Marta Gherardi oggi come oggi gli esperimenti sugli animali vivi sono completamente inutili (e lo erano anche un tempo ma non lo si sapeva).. e i soldi ke vengono sputtanati non sono per il bisogno delle aziende ma per le lobby ke vogliono mantenere il loro status e i loro affari ad alto regime a discapito di animali e pazienti. si possono usare cellule umane e gia si usano come abbiamo detto prima. incredibile allora e' ke si continui a usarli e a torturarli… soprattutto in cosmesi. per cosa poi? riaffermare una informazione fasulla? gia ke la balla e' stata inventata, cosa serve continuare a torturare per confermare informazioni gia ricevute?? la scimmia fumando non si ammala.. e ogni anno nuove scimmie ke fumano e ke poi vengono soppresse… il topo con la glicerina non muore… grazie al cazzo… e quanti ne devono morire prima ke la piantiate con sti test?? non so voi ma io non ho nulla in comune con un topo se non la sofferenza per la reclusione e la voglia di vivere!!

  46. Teo Quareo
    Teo Quareo aprile 17, 18:10

    Sandro Cirillo …e scusa se aggiungo.. del sindaco, del asl e della polizia di montichiari non me ne puo' fregare di meno… e se sono daccordo con la vivisezione e con in laboratori della morte.. ke brucino in questa vita e anche nella prossima… per me come se bruciasse montichiari stanotte!

  47. Meggie Veggie
    Meggie Veggie aprile 17, 21:28

    Matteo t adoro!!!! :)

  48. Marta La Freccia Gherardi
    Marta La Freccia Gherardi aprile 17, 22:10

    Matteo, sono d'accordo sul fatto che i test sui composti noti dei cosmetici (ma anche dei farmaci) sono inutili in quanto i risultati gia si sanno, ciò non toglie che se viene inventato un nuovo componente questo sarà testato anche su animali in quanto è nuovo.
    Come ti ripeto le cellule non sono sufficienti per tutti gli aspetti di sicurezza in fatto di tossicità che un nuovo farmaco DEVE avere PRIMA di andare in test sull'uomo.
    Cmq anche gli uomini con la glicerina non muoiono; posso avere dei riferimenti di articoli scientifici che hai letto? Magari imparo qualcosa di nuovo, visto che sto studiando per poter seguire i test sull'uomo dei nuovi farmaci…
    Grazie della risposta costruttiva che hai dato sopra.

  49. Marta La Freccia Gherardi
    Marta La Freccia Gherardi aprile 17, 22:13

    Tu non prendi nessuna medicina?
    Davvero nulla nulla?
    Se tu avessi un tumore non faresti la chemioterapia?
    Io sinceramente non ci credo….

  50. Monica Boggio
    Monica Boggio aprile 18, 06:50

    Marta Gherardi il problema non si può combattere dal fondo della piramide… io dico che esistono alternative più valide della vivisezione per testare medicinali e fare ricerche…anzi…non lo dico io…
    http://www.limav.org/
    http://www.stopvivisezione.net/

  51. Marta La Freccia Gherardi
    Marta La Freccia Gherardi aprile 18, 11:03

    Vi ricordo inoltre che in Italia sono vietate le sperimentazioni su embrioni umani, altro grande paletto messo alla scienza in onore dell'etica cristiana.
    Secondo voi è meglio sperimentare su animali, embrioni umani o persone?
    Sono curiosa delle vostre opinioni….

  52. Teo Quareo
    Teo Quareo aprile 18, 11:30

    Marta Gherardi sicuramente su cellule umane.. e poi.. basta con sta farsa .. non si puo vivere per sempre!!!

  53. Mario Macciu Andolfi
    Mario Macciu Andolfi aprile 19, 12:20

    Scusa ma credi che in farmacia non consiglino anche prodotti alternativi? Sai quale è la prima domanda che faccio ai clienti dove possibile? "preferisce un farmaco o un'alternativa naturale o omeopatica? " Senza considerare che spesso a donne in gravidanza succede che vengono date erbe tranquillamente mentre noi non diamo neppure quelle perché sappiamo che hanno eccome un'influenza sul feto. Forse non si capisce che la farmacia moderna va un po' oltre i soliti luoghi comuni…

  54. Monica Boggio
    Monica Boggio aprile 19, 15:42

    Michele Palatella e quindi? Scusa mo non ho capito…

  55. michele
    michele aprile 19, 16:46

    opren: 61 morti
    vioxx: 100.000 infarti
    cliochinolo: 10.00 ciechi e paralizzati
    e così via….
    tu non prendi questi farmaci perché gli esperimenti sull’uomo (il vero esperimento) ti ha salvato.senza contare gli esperimenti su bambini e uomini del terzo mondo. In India 1.500 morti per esperimenti, la Bayer ha dovuto risarcire in soli 30 casi; ora la Glaxo ha pagato poco ,1 milione di euro, per bambini uccisi.

  56. Fulvio Celsi
    Fulvio Celsi aprile 19, 15:50

    Michele Palatella quindi? non capisco…che BigPharma usi la popolazione come test finale si é sempre saputo, ma questo non cancella la necessitá di test su animali, per evitare stragi peggiori di quelle che hai citato…

  57. Fulvio Celsi
    Fulvio Celsi aprile 19, 15:52

    Marta Gherardi grazie per aver ricordato che grazie all'etica cristiana é stato messo un grande paletto a quest'altra possibilitá…

  58. Fulvio Celsi
    Fulvio Celsi aprile 19, 15:54

    Matteo DePiccoli quindi meglio sperimentare su embrioni (embrioni, non cellule, sono 2 cose diverse!) che su animali? é piú etico? e certo che non si puó vivere per sempre, ma se tu avessi un familiare malato di cancro, alzheimer o parkinson non faresti il possibile x almeno dargli una qualitá di vita migliore?

  59. Alessandra Mauri Crouzet
    Alessandra Mauri Crouzet aprile 23, 14:39

    Che si debba rispettare l'animale sono pienamente d'accordo. Che I cartelloni siano un'idea stupida, lo ammetto.

    Ma spero solo che tale Alessandra Colla si curi solo con erbe perché se si venisse a sapere che per I suoi dolori mestruali la signorina si prende un Moment, allora perderebbe ogni credibilità.

    Bisogna usare il cervello prima di scrivere determinate cose. Bisogna informarsi, e non solo a senso unico. Io spero con tutto il cuore che non abbia nessuno in famiglia con problemi gravi, anche solo il diabete, perché é quello che studiamo e cerchiamo di combattere quotidianamente!

    Immagino che la Signorina, amante degli animale, abbia a sua volta degli animali domestici. Che vada a informarsi the dove provengono il cibo e le medicine per I nostri amici.

    Bisogna pensare prima di parlare!

  60. Monica Boggio
    Monica Boggio aprile 30, 16:28

    Rossella Corrà La vivisezione (dal latino: vivus, vivo, e sectio – onis, taglio) è una pratica di ricerca utilizzata nel campo della sperimentazione animale consistente nell'effettuare una dissezione su animali ancora vivi. (Wikipedia).Dice l’Enciclopedia Americana, alla voce vivisezione: “i termine si applica ad ogni tipo di sperimentazione sugli animali, sia che questi vengano sezionati o no.”

  61. Teo Quareo
    Teo Quareo maggio 01, 08:56

    Fulvio Celsi ancora!??? ma si parla con le pareti qui o cosa??? la sperimentazione animale per quanto riguarda sto tipo di malattie e' completamente inutile!!! non abbiamo nulla in comune con i topi ke ci possa permettere di capire qualcosa sull'effetto di questi farmaci!!! sai vuole abolirla perche' si e' raggiunta la conclusione ke e' INUTILE! … forse non mi sono spiegato bene: inutile… ke parte della parola inutile non avete capito!?? guardate ke e' semplice ..inutile… non utile… no?? e ancora con ste cazzate… i farmaci in realta' vengono sperimentati sugli umani e in quanto si riscontrano delle anomalie vengono ritirati…. la vivisezione non fa altro ke dare i soldi dei contribuenti a una lobby ke non si vuole togliere di torno!.. come se qualcuno volesse ke continuassimo a investire nei commodore 64… non so se mi spiego!!!

Only registered users can comment.