Informare per Resistere

Informare Per Resistere

Sciopero generale: pioggia di arresti a Barcellona. Madrid: incatenarsi sarà reato

Sciopero generale: pioggia di arresti a Barcellona. Madrid: incatenarsi sarà reato
aprile 22
19:00 2012
- Di  Marco Santopadre -Contropiano -
Sei le persone arrestate in Catalogna per aver partecipato allo sciopero generale del 29 marzo scorso. Intanto il Partito Popolare al governo propone il reato di ‘resistenza passiva’, per punire con il carcere proteste simboliche come incatenarsi.
Una impressionante ondata repressiva si sta abbattendo sui due territori dello Stato Spagnolo che più massicciamente hanno risposto all’appello dei sindacati e delle organizzazioni politiche della sinistra a scioperare durante la mobilitazione generale dello scorso 29 marzo. Contemporaneamente alla retata che ha portato giovedì all’arresto di 14 persone nel territorio basco della Navarra, un’altra maxioperazione di Polizia veniva realizzata in Catalogna, anche in questo caso contro attivisti e giovani accusati di aver compiuto dei reati durante le manifestazioni e gli scontri che hanno caratterizzato lo sciopero generale.
A Barcellona e a Tarragona i Mossos d’Esquadra hanno arrestato sei persone, accusate di far parte di un gruppo che avrebbe incendiato una sede della multinazionale statunitense Starbucks e di aver saccheggiato il grande magazzino Corte Inglés, entrambi nella centralissima Ronda de Sant Pere di Barcellona. Quattro arresti erano già stati effettuati martedì a Camp del Turia, mentre durante le manifestazioni, i picchetti e gli scontri del 29 marzo erano stati alcune decine – circa 80 – i sindacalisti e i militanti di organizzazioni politiche e sociali fermati e arrestati.
In carcere da quel giorno ci sono ancora due studenti dell’Università di Barcellona e militanti dell’Associazione degli Studenti Progressisti, mentre un manifestante è stato arrestato per aver partecipato ad un blocco stradale. Duemila persone avevano già manifestato contro la repressione e per la liberazione degli arrestati lo scorso 14 aprile.
Immediatamente in diversi quartieri di Barcellona si sono svolte manifestazioni di solidarietà con gli arrestati, tra le quali un presidio davanti al tribunale. Per domani alle 18 un corteo cittadino è stato convocato da Placa de Catalunya. Altre iniziative sono convocate a Tarragona e Girona.
Scrivono in un comunicato i promotori della mobilitazione: “Denunciamo la repressione scatenata a Barcellona e lo smisurato dispositivo giudiziario, che in accordo al previsto indurimento del codice penale ha cominciato ad applicare la legislazione antiterrorista anche a presunti reati di semplice vandalismo, con l’isolamento e la prigione preventiva imposti a persone improvvisamente private del diritto alla difesa che violano la presunzione d’innocenza, oltre che una cauzione di 3000€ imposta ad alcune compagne fermate”.
Secondo le organizzazioni sociali e sindacali che hanno convocato la manifestazione di solidarietà l’ondata di arresti mirerebbe a frenare la mobilitazione già prevista per il prossimo 3 di maggio, quando i rappresentanti della Banca Centrale Europea si riuniranno proprio a Barcellona.
Prosegue così a tappe forzate il progetto del Partido Popular al governo a Madrid, spalleggiato dai partiti che rappresentano gli interessi della borghesia catalana e basca, di inasprire le norme a disposizione contro le proteste sociali e sindacali sempre più diffuse.
Di ieri la notizia che secondo il progetto di riforma del Codice Penale presentato dal governo Rajoy sarà considerato reato anche incatenarsi in qualche luogo pubblico e forme di protesta simili che mirano semplicemente ad attirare l’attenzione dei media e a rallentare le operazioni di sgombero da parte delle forze di Polizia, e che in nessun caso rappresentano una minaccia per chiunque. Il provvedimento rientra nell’intenzione da parte del governo di aprire un fronte legislativo contro la cosiddetta resistenza passiva.
Incatenarsi sarà considerato ‘attentato all’autorità’ al pari di un’aggressione ad un agente di Polizia, anche se – ha chiarito il segretario di Stato per la Sicurezza Ignacio Ulloa – la pena sarà minore. Previste pene detentive anche nei casi di manifestazioni non autorizzate, permanenza in una piazza o in una strada nonostante l’ordine di disperdersi da parte delle forze dell’ordine ecc. “Non è pensabile che poche persone decidano di impossessarsi di una strada pregiudicando i diritti del resto dei cittadini” è il commento di Ulloa che poi ha aggiunto: “Non stiamo parlando semplicemente di comportamenti renitenti all’esercizio dell’autorità, ma di comportamenti recalcitranti, che cercano di minare lo stesso principio di autorità a beneficio delle proprie convinzioni”.

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Your email address will not be published.
Required fields are marked *

Unisciti alla resistenza

facebooktwitterRSSyoutubeGooglePlusIcon

Iscriviti alla Newsletter

Seleziona lista (o più di una):

Informare Per Resistere TV

La riserva frazionaria è il cuore del problema

Durante una arringa dell'europarlamentare Bloom contro le banche centrali, un difensore dell'Euro ha scelto di fare la domanda sbagliata. Licenza CreativeCom...

[Film completo] Quello che accade in Indonesia. Documentario

L'olio di palma viene usato in diversi prodotti sia alimentari che cosmetici....Se avete la pazienza di vederlo tutto il video, le immagini parlano da sole.....

Edward Snowden fuggito in Hong Kong: Al popolo va spiegato tutto!

Licenza CreativeCommons: Scarica e ri-carica questo video su tuo canale! Fonte: http://t.co/rJ3pRgyF Facebook: http://t.co/vPGNjPFS Daily: http://t.co/Pe345x...

Renzi: Presidente del Consiglio solo dopo elezioni

"La #coerenzi" Informarsi è già resistere, unisciti alla resistenza: http://www.facebook.com/informarexresistere.

Chi controlla le redini? ENI, Nestlè, Unicredit Banca, Goldman Sachs. La sovranità monetaria?

Intervento di Carlo Sibilia sulle politiche bancarie che si nasconderebbero dietro la cosiddetta Unione europea che costringe all'unione monetaria Paesi euro...

Onorevole Movimento 5 Stelle Carlo Sibilia parla di Signoraggio, Moneta debito e MES

Intervento del Deputato Carlo Sibilia che incalza il Presidente del Consiglio Letta su signoraggio bancario , Mes , debito pubblico e tutto cio che non ci pi...

Love police: Polizia ti amo

Londra. Quando un uomo con il megafono riesce a mettere in crisi il sistema delle menzogne....video da vedere assolutamente. Licenza CreativeCommons: Scarica...

IL BANCHIERE: Lavoro di merda

Video realizzato da Yann di Télé Bien [ http://www.youtube.com/user/telebien1 ], tradotto e sottotitolato dal team "Lo sai...tradurre?": http://www.losai.eu ...

Cane-eroe spinge l'uomo in carrozzina nella strada allagata

L'ANIMALE SPINGE L'UOMO NELLA STRADA ALLAGATA (VIDEO) La generosità degli animali non ha confini. In questo video, girato da un'automobilista a Lida, in Biel...

Allarme OGM Monsanto in Italia

C'è un'emergenza OGM in corso. Scrivendo ora al Ministro della Salute Lorenzin puoi aiutarci a scongiurare il rischio di contaminazione transgenica in Italia...

Mac Donald tra le 10 multinazionali più pericolose del mondo

Ogni anno migliaia di bambini consumano il fast food ("cibo veloce") di un'impresa responsabile della deforestazione dei boschi, dello sfruttamento dei lavor...

Venti euro a botta. In viaggio per le periferie del sesso a pagamento

Giugliano in Campania, provincia di Napoli. La strada che vedete nel video si chiama Circonvallazione esterna. Una lingua di asfalto lunga cinque chilometri ...

Come uscire dalla dipendenza del denaro?

Ho sempre ritenuto bizzarro il tema denaro, un po come il riconoscimento di sé, di chi siamo: viviamo spesso abitudinariamente nella società che ci viene off...

Guerra tra poveri [...e coglione chi ci casca]

Ho letto fiumi di parole dopo il post di Grillo, ma nessuno che abbia detto le cose come stanno. "Democratizziamo" paesi a suon di bombe e rivoluzioni contro...

Video shock Turchia: un Poliziotto spara in testa a un manifestante e fugge

12/06/2013: Ad aver ucciso il manifestante non è il poliziotto che fugge ma un suo collega. Un video uscito soltanto poche ore fa, inerente al primo giorno d...