Informare per resistere Pubblicato da il 22 aprile 2012.
L'articolo Sciopero generale: pioggia di arresti a Barcellona. Madrid: incatenarsi sarà reato appartiene alla categoria Estero.
Puoi seguire i commenti di questo articolo con il feed RSS 2.0.

Sciopero generale: pioggia di arresti a Barcellona. Madrid: incatenarsi sarà reato

- Di  Marco Santopadre -Contropiano -
Sei le persone arrestate in Catalogna per aver partecipato allo sciopero generale del 29 marzo scorso. Intanto il Partito Popolare al governo propone il reato di ‘resistenza passiva’, per punire con il carcere proteste simboliche come incatenarsi.
Una impressionante ondata repressiva si sta abbattendo sui due territori dello Stato Spagnolo che più massicciamente hanno risposto all’appello dei sindacati e delle organizzazioni politiche della sinistra a scioperare durante la mobilitazione generale dello scorso 29 marzo. Contemporaneamente alla retata che ha portato giovedì all’arresto di 14 persone nel territorio basco della Navarra, un’altra maxioperazione di Polizia veniva realizzata in Catalogna, anche in questo caso contro attivisti e giovani accusati di aver compiuto dei reati durante le manifestazioni e gli scontri che hanno caratterizzato lo sciopero generale.
A Barcellona e a Tarragona i Mossos d’Esquadra hanno arrestato sei persone, accusate di far parte di un gruppo che avrebbe incendiato una sede della multinazionale statunitense Starbucks e di aver saccheggiato il grande magazzino Corte Inglés, entrambi nella centralissima Ronda de Sant Pere di Barcellona. Quattro arresti erano già stati effettuati martedì a Camp del Turia, mentre durante le manifestazioni, i picchetti e gli scontri del 29 marzo erano stati alcune decine – circa 80 – i sindacalisti e i militanti di organizzazioni politiche e sociali fermati e arrestati.
In carcere da quel giorno ci sono ancora due studenti dell’Università di Barcellona e militanti dell’Associazione degli Studenti Progressisti, mentre un manifestante è stato arrestato per aver partecipato ad un blocco stradale. Duemila persone avevano già manifestato contro la repressione e per la liberazione degli arrestati lo scorso 14 aprile.
Immediatamente in diversi quartieri di Barcellona si sono svolte manifestazioni di solidarietà con gli arrestati, tra le quali un presidio davanti al tribunale. Per domani alle 18 un corteo cittadino è stato convocato da Placa de Catalunya. Altre iniziative sono convocate a Tarragona e Girona.
Scrivono in un comunicato i promotori della mobilitazione: “Denunciamo la repressione scatenata a Barcellona e lo smisurato dispositivo giudiziario, che in accordo al previsto indurimento del codice penale ha cominciato ad applicare la legislazione antiterrorista anche a presunti reati di semplice vandalismo, con l’isolamento e la prigione preventiva imposti a persone improvvisamente private del diritto alla difesa che violano la presunzione d’innocenza, oltre che una cauzione di 3000€ imposta ad alcune compagne fermate”.
Secondo le organizzazioni sociali e sindacali che hanno convocato la manifestazione di solidarietà l’ondata di arresti mirerebbe a frenare la mobilitazione già prevista per il prossimo 3 di maggio, quando i rappresentanti della Banca Centrale Europea si riuniranno proprio a Barcellona.
Prosegue così a tappe forzate il progetto del Partido Popular al governo a Madrid, spalleggiato dai partiti che rappresentano gli interessi della borghesia catalana e basca, di inasprire le norme a disposizione contro le proteste sociali e sindacali sempre più diffuse.
Di ieri la notizia che secondo il progetto di riforma del Codice Penale presentato dal governo Rajoy sarà considerato reato anche incatenarsi in qualche luogo pubblico e forme di protesta simili che mirano semplicemente ad attirare l’attenzione dei media e a rallentare le operazioni di sgombero da parte delle forze di Polizia, e che in nessun caso rappresentano una minaccia per chiunque. Il provvedimento rientra nell’intenzione da parte del governo di aprire un fronte legislativo contro la cosiddetta resistenza passiva.
Incatenarsi sarà considerato ‘attentato all’autorità’ al pari di un’aggressione ad un agente di Polizia, anche se – ha chiarito il segretario di Stato per la Sicurezza Ignacio Ulloa – la pena sarà minore. Previste pene detentive anche nei casi di manifestazioni non autorizzate, permanenza in una piazza o in una strada nonostante l’ordine di disperdersi da parte delle forze dell’ordine ecc. “Non è pensabile che poche persone decidano di impossessarsi di una strada pregiudicando i diritti del resto dei cittadini” è il commento di Ulloa che poi ha aggiunto: “Non stiamo parlando semplicemente di comportamenti renitenti all’esercizio dell’autorità, ma di comportamenti recalcitranti, che cercano di minare lo stesso principio di autorità a beneficio delle proprie convinzioni”.
http://www.vocidallastrada.com/2012/04/sciopero-generale-pioggia-di-arresti.html

Ti è piaciuto l'articolo?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

[gp-comments]