Sergio Cacioppo Pubblicato da il 26 maggio 2012.
L'articolo Torniamo a prima di Cristo? appartiene alla categoria Società.
Puoi seguire i commenti di questo articolo con il feed RSS 2.0.

Torniamo a prima di Cristo?

di Paolo Izzo - 

E così nel nostro Paese, tra i pochissimi rimasti al Medioevo in Europa, la fecondazione cosiddetta eterologa rimane vietata, con grande esultanza dei buoni parabolani tutori della “vita”. Sono ben strani questi cattolici. Da un lato sono pronti a lapidare le donne che decidono di interrompere una gravidanza. Dall’altro fanno di tutto affinché quelle che vogliono un figlio non riescano ad averlo. Mentre gli obiettori di “incoscienza”, sparsi capillarmente su tutto il territorio, vigilano affinché gameti ed embrioni siano scortati fino al debutto in società, altre guardie svizzere controllano che nessuno possa imitare quegli antichi Maria e Giuseppe che, prima che la loro capannina di Betlemme fosse invasa da pastori e re Magi, aspettavano un sacrosanto figlio senza mai aver copulato insieme… Quella sì che fu una fecondazione eterologa, nel vero senso delle parole (unione tra specie diverse)! Altri tempi, altri costumi. Tornando al nostro presente, in fondo all’abisso teocratico brilla però un barlume: a furia di tornare indietro, potremmo finalmente arrivare all’epoca “avanti Cristo”. Speriamo.

Fonte: http://letteretiche.wordpress.com/2012/05/23/torniamo-a-prima-di-cristo/

Ti è piaciuto l'articolo?

3 Risposte a Torniamo a prima di Cristo?

  1. michela bi Rispondi

    27 maggio 2012 at 23:11

    E certo… E’ notorio che viviamo in una società dove contano soprattutto i diritti delle donne… Ma vai, va’… Ti ricordo che sei stato tu a parlare di una “posizione minoritaria”, e ti riferivi a chi era contro il divieto. Lo stato deve preoccuparsi dei più deboli cosa?? Quelli che nascerebbero dalla fecondazione eterologa? E quelli che nascono da una fecondazione eterologa “naturale”, che ci sono sempre stati?? E i figli adottivi?? Secondo il tuo ragionamento neanche l’adozione allora dovrebbe essere permessa, visto che sarebbero cresciuti da entrambi i genitori non biologici… Poi non capisco il nesso tra fecondazione eterologa si/no e aborto e addirittura “massacro degli abortiti” (non commento nemmeno il personaggio cui ti riferisci, perché mi fa pena…). Che c’entra?? Chi vuole avere un figlio ma non può, non deve, che non lo vuole avere, deve… E’ questa la fantastica libertà democratica che volete! Ma vaff…lo, va’!

  2. michela bi Rispondi

    28 maggio 2012 at 23:12

    Perché non colpevolizzate anche gli uomini, in caso di aborto?! Visto che comunque, con ogni evidenza, sono loro a mettere incinta con molta leggerezza le donne che poi abortiscono… E magari facciamo pure una legge che in caso di rinuncia ad abortire, il PADRE viene COSTRETTO PER LEGGE ad occuparsi del figlio…

  3. michela bi Rispondi

    9 giugno 2012 at 12:05

    …Certo che quelli che cancellano i PROPRI post con tanto di commenti contrari, sono proprio forti, eh?! I due commenti sopra sono stati scritti in risposta a qualcuno che ha pensato bene prima di attaccare, poi di “ritirarsi” dalla discussione in maniera alquanto vile…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

[gp-comments]