Informare per Resistere

Informare Per Resistere

Voli low-cost: sono davvero cosi’ convenienti?

Voli low-cost: sono davvero cosi’ convenienti?
settembre 26
14:20 2012

- Carmela Giambrone -

Chi di voi non ha mai usato un volo low cost? Probabilmente nessuno e allo stesso modo sono certa che facendolo la vostra testa sia stata pressoché immediatamente invasa da mille dubbi.

Se ora è diventata un’abitudine per il week-end prendere un volo che da Milano ci porta a Londra e riprenderlo dopo 36 ore per tornare a casa, fino a qualche anno fà la cosa non solo era impensabile, ma anche impossibile per la maggior parte delle persone.

Dallo sbarco sul mercato delle compagnie low cost i viaggi aerei sono quintuplicati e questo è stata solo una logica conseguenza.

Qui uno scatto preso dal sito planefinder che ci indica in questo preciso momento 4867 aeroplani e guardate la maggior concentrazione dove è posta in cartina.

Certo fa riflettere.

voli low cost

Quante persone, infatti, si sarebbero potute permettere così spesso i costi di un biglietto aereo anche solo 10 anni fa’? Probabilmente poche, così le mete da week-end o scelte per viaggi dagli adolescenti più gettonate di una volta erano quelle raggiungibili in auto o in treno.

Ma alla nascita di compagnie come Ryanair, Easyjet o Vueling le cose sono decisamente cambiate e il mercato, oltre che l’ambiente, ha subito uno stravolgimento.

All’inizio si sentivano strane voci sul fatto che i voli costavano poco perché le compagnie usavano aerei vecchi e il risparmio stava nel non fare revisioni e manutenzione, ma nel giro di poco tempo si è capito che il risparmio non stava lì ma in cose ben più alla luce del sole.

Le compagnie lowcost, infatti, adottano preferibilmente un singolo modello di aeroplano in modo da abbassare i costi di manutenzione e di formazione del personale, vige il multiruolo dei dipendenti, viene attuato un utilizzo della flotta più intenso e molto altro.

Gli aerei delle compagnie che volano in Europa devono soddisfare dei requisiti minimi di sicurezza, altrimenti sarebbero banditi dai cieli europei finendo nella fruibilissima lista nera quindi dove sta il risparmio?

Innanzitutto il risparmio sta nell’aeroporto.

Molti Stati hanno aeroporti costruiti ad hoc per queste compagnie, sono decisamente fuori raggio se confrontati ad aeroporti già esistenti nelle città o capitali europee, ma certamente creano posti di lavoro dove prima non ce n’erano.

Se infatti per raggiungere Barcellona da El Prat basta una corsa di 15/20 minuti in bus, da Girona, aeroporto prettamente costruito per compagnia low cost, di minuti per raggiungere la città ( e di euro spesi per il biglietto della navetta) ce ne vogliono più del doppio, e così il risparmio diventa anche qui un po’ meno.

Ma ancora, mai sentito parlare delle tasse? e delle sovrattasse? e costo del check-in? che ormai per molte è diventato obbligatorio farlo on-line ma con un sovrapprezzo e costi per il pagamento con carta di credito?

Non è finita qui: parliamo del bagaglio.

Tutte le compagnie hanno chiaro espresso un range di peso che il bagaglio, in stiva o a mano, non deve superare. Bene , con le compagnie questo tasto è il tasto magico.

Superare anche di un solo chilo la soglia potrebbe costare decisamente caro.

A conti fatti queste compagnie possono certamente essere un mezzo comodo, ma anche decisamente poco lowcost se non si sta bene attenti all’organizzazione.

Low cost infatti deve essere simbolo di spartano, insomma niente snack, niente assicurazione extra, niente bagaglio più pesante o troppo grande in caso di bagaglio a mano, niente extra di nessun tipo e allora, solo allora, forse un po’ di risparmio (esclusivamente economico) lo si può trovare (facendo bene i conti anche con le spese di trasporto per e dall’aeroporto!)

Se poi vogliamo parlare dei costi ambientali che flotte di boing hanno creato in questi ultimi 10 anni c’è poco da stare allegri.

Le compagnie lowcost infatti sono responsabili in maniera decisiva dell‘aumento di emissione di C02 nell’atmosfera e così, qui da noi la comunità europea ha creato un tetto alle emissioni che possono esser prodotte ed immesse.

Un sistema di pagamento basato sulle emissioni è cioè un sistema che chiede alle compagnie di inquinare meno e pone loro un tetto di emissione che se sforato impone ai soggetti il pagamento di una tassa. Subentra poi la cosiddetta “Direttiva “Emission Trading cioè la direttiva 2003/87/CE” che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità.

Ma questo è ovvio che non può rappresentare una soluzione, ma solo un palliativo.

La cosa che dovremmo fare? Ripensare all’utilità di prendere un aereo per 2 giorni e magari riscoprire il nostro paese in treno, come si faceva una volta, ed infine sì scegliere di visitare le capitali europee ma con tempo, quel tempo necessario per amarle e scoprirle e non trasformare un viaggio in un fast-travel dove proprio come si farebbe in un fast-food ci si ingozza di schifezze senza gustarne il vero sapore.

Insomma a volte rinunciare non significa perdere un’occasione ma guadagnarne una migliore.

http://www.greenme.it/muoversi/trasporti/8639-voli-low-cost-convenienza

Related Articles

Powered by Google+ Comments

12 Comments

  1. Federica Fede
    Federica Fede settembre 26, 12:31

    Peccato che vivo in un'isola :(

    Reply to this comment
  2. Marco Puddu
    Marco Puddu settembre 26, 12:36

    quante fesserie

    Reply to this comment
  3. Andrea Galli
    Andrea Galli settembre 26, 12:39

    Lei faccia come le pare però io sono Andato a Stoccolma con 140 euro AR più 14 per navetta AR….per centro città……Se volgio posto assegnato lo pago sennò non mi interessa e sopratutto meglio scendere dall'aereo e fare due passi a piedi che aspettare il pulman anche per fare 20 metri…….

    Reply to this comment
  4. Alessandro Zuncheddu
    Alessandro Zuncheddu settembre 26, 12:58

    Sembra il tema di un ragazzino delle medie.

    Reply to this comment
  5. Andrea Divizia
    Andrea Divizia settembre 26, 12:59

    ahahahah! eh sì il treno in italia costa proprio poco eh.. quante cagate!

    Reply to this comment
  6. Marco Puddu
    Marco Puddu settembre 26, 13:00

    meno male che c'è questo articolo a dirmi che devo visitare le capitali europee "con tempo". che scoperta

    Reply to this comment
  7. Alessandro Uccheddu
    Alessandro Uccheddu settembre 26, 13:03

    O.o uuuuu

    Reply to this comment
  8. Angela Russo
    Angela Russo settembre 26, 13:07

    Le Compagnie low cost sono una risorsa e un vantaggio the non sottovalutare per chi ha voglia di evadere per un fine settimana….. o per vedere qualche volta in più un figlio che sta lontano, un amico che è espatriato….. Con I voli di linea delle grandi Compagnie, se li possono solo scordare! Allora? Solo un controllo più stringente the parte dell'Aviazione Civile! Controllo! Controllo!

    Reply to this comment
  9. nicola
    nicola settembre 26, 16:52

    Le solite stupidaggini.Volo praticamente solo Ryanair,altrimenti avrei fatto un decimo dei voli che ho fatto e visitato di conseguenza un decimo delle città che ho visitato.Non posso portare più di 10 kg e non posso portare più di una valigia con dimensioni ben precise ed è quello che faccio senza nessun problema.Ultimo volo:Bergamo Fuerteventura A/R TUTTO COMPRESO 91euros.E si devono continuare a sentire ‘ste baggianate…..

    Reply to this comment
  10. Matteo Secci Aerografia
    Matteo Secci Aerografia settembre 26, 16:12

    in sardegna I treni non funzionano e l'unico mezzo è l'auto, si proprio l'auto che sommata x le persone che prendono uno di questi aerei… penso inquini di più e non solo è anche più elevato il rischio di incidendti, e le navì come la tirrenia è meglio che le mandino allo sfascio…. xkè lì l'inquinamento è in ogni sua parte….. meglio l'aereo e un'evoluzione verso combustibili sempre meno inquinanti.

    Reply to this comment
  11. Sandro Cannatella
    Sandro Cannatella settembre 27, 14:19

    Innanzitutto spesso col treno si finisce per pagare di più ed è necessario molto più tempo per spostamenti che richiederebbero anche giorni.
    Poi non è affatto vero che gli aeroporti per le compagnie aeree low cost sono più lontani, visto che per fare un esempio, Ryanair fa scalo a El Prat, così come Easyjet e tante altre. A Milano Malpensa ci sono diverse compagnie aeree anche low cost.
    Le regole delle compagnie aeree low cost sono sempre chiarissime e se si vuole davvero risparmiare, che le si applichi senza fiatare, oppure rivolgersi a chi fa pagare il prezzo pieno.
    Oltretutto ho anche scoperto che queste compagnie aeree low cost hanno sviluppato molto il turismo, al punto che far arrivare un visitatore "costa" all'amministrazione solo 5€, cifra che già si può recuperare appena si prende un taxi ad esempio.

    Reply to this comment
  12. Sandro Cannatella
    Sandro Cannatella settembre 27, 14:19

    Alessandro Zuncheddu: anche a me.

    Reply to this comment

Write a Comment

Add Comment Register



Your email address will not be published.
Required fields are marked *

Unisciti alla resistenza

facebooktwitterRSSyoutubeGooglePlusIcon

Gli articoli più letti

Informare Per Resistere TV

Vigili del fuoco contro Polizia 2010/2013

Il manganello alzato dall'agente in tenuta antisommossa è puntato contro un vigile del fuoco. E' l'immagine divenuta in poche ore simbolo di una crisi profon...

Un mondo di automobili elettriche automatiche

AUDIO E VIDEO MIGLIORATI: http://www.youtube.com/watch?v=uCd3skmj-b4.

Impressionante esplosione notturna di fumi e polveri dall'ILVA di Taranto

MI COMUNICANO: "A MEZZANOTTE RIPRISTINIAMO LA LINEA "D" DELL'AGGLOMERATO..." MI APPOSTO CON LA MIA TELECAMERA AD INFRAROSSI E FILMO UNA LUNGA ED IMPRESSIONAN...

Cani e Cina. Il video presenta contenuti cruenti

di Fabio Balocco - Il video che potete vedere in fondo a questo post fa venire i brividi e francamente non so se consigliarvi di vederlo. Magari limitatevi a...

Chi controlla le redini? ENI, Nestlè, Unicredit Banca, Goldman Sachs. La sovranità monetaria?

Intervento di Carlo Sibilia sulle politiche bancarie che si nasconderebbero dietro la cosiddetta Unione europea che costringe all'unione monetaria Paesi euro...

Senato: No salvataggio Disoccupati ma spendiamo 53 Miliardi per CacciaBombardieri

Beppe Grillo: Al senato PD e PDL hanno votato NO al reddito di cittadinanza ma sono riusciti ad approvare l'acquisto degli F-35 cacciabombardieri per un cost...

La macchina per hamburger da galline vive

Se non avete interesse a diventare vegetariani rispettiamo la vostra scelta, ma quanto meno acquistate SOLO UOVA BIO! ..poichè nelle scelte differenti sarest...

Quando comprare un cellulare provoca la morte!

Culture In Decline | Episodio #3 - 'CVD - Disturbo da Vanità Consumistica'' di Peter Joseph http://www.zeitgeistitalia.org | http://www.cultureindecline.com ...

25 Leoni salvati da un Circo senza pietà

TRASFERITI DA ADI IN UN SANTUARIO PER ANIMALI (VIDEO) Dal "carcere" alla libertà. E' la storia di 25 leoni che, dopo essere stati strappati ad un circo della...

Il diritto al delirio [Eduardo Galeano]

Licenza CreativeCommons: Scarica e ri-carica questo video su tuo canale! Fonte: http://t.co/rJ3pRgyF Facebook: http://t.co/vPGNjPFS Daily: http://t.co/Pe345x...