Informare per Resistere

Informare Per Resistere

La marcia del 17 novembre “per i bambini siriani” ha sfruttato abusivamente il simbolo dell’Unicef

La marcia del 17 novembre “per i bambini siriani” ha sfruttato abusivamente il simbolo dell’Unicef
novembre 10
12:00 2012

La marcia del 17 novembre “per i bambini siriani” ha sfruttato  abusivamente il simbolo dell’Unicef

 

Marinella Correggia

 

E’ stata reclamizzata come una marcia mondiale per i bambini siriani promossa dall’Unicef, agenzia Onu, sotto la bandiera verdebiancanera con tre stelle dell’opposizione armata, un vessillo non riconosciuto dall’Onu. Strano, no?

La tappa italiana della “Marcia internazionale di solidarietà con i bambini della Siria”, del 17 novembre, è prevista a Bologna. Organizza il “Comitato 17 Novembre 2012” il quale si definisce “organismo creato ad hoc da un gruppo di siriani e amici della Siria in Italia, che aderiscono ad associazioni, enti e partiti diversi e che si sono uniti sotto la bandiera dell’indipendenza siriana per garantire il successo dell’evento e rompere il muro di silenzio che circonda il genocidio dei bambini siriani”. Campeggia infatti nella locandina dell’evento la bandiera adottata durante il mandato francese (1920-1946), anziché quella ufficiale della Siria, rappresentata all’Onu.

 

Il Comitato precisa che la marcia si terrà in 47 città del mondo (in realtà concentrate in: Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Germania, Ungheria, Italia, Australia, Svezia, Danimarca, Canada quanto a Occidente; e Libia, Tunisia, Egitto quanto ai paesi arabi; poi i campi profughi in Turchia). Sempre secondo la locandina, la manifestazione mondiale è “promossa dall’Unicef e dalla Syrian American Alliance” (la pagina facebook – consultata ancora nel pomeriggio del 6 novembre) è http://it-it.facebook.com/Comitato17Novembre2012).

 

Il sito dei promotori internazionali, cioè la Syrian American Alliance (basata negli Usa) è http://walk4childrenofsyria.org. Lì, sempre con il corredo delle bandiere dell’opposizione, si spiega: “La marcia vuole creare consapevolezza sulla catastrofe umanitaria in Siria e procurare fondi vitali per i bambini che soffrono sotto la dittatura di Bashar al-Assad che sopprime una rivoluzione per la libertà, la dignità e la democrazia. Migliaia di bambini sono stati vittime degli attacchi indiscriminati che caratterizzano la sanguinosa repressione del regime. Crimini brutali hanno ucciso oltre 2.500 bambini”, dando a intendere – al di là della cifra non verificata – che siano stati i pro governativi a fare tutti i morti. Del resto una delle organizzazioni che formano la Syrian American Alliance, il Syrian American Council, in un video sostiene che “il regime uccide chiunque si opponga” e non parla mai di gruppi armati. Altre osservazioni sul sito statunitense sono ovvie: “La escalation della violenza, la distruzione dei servizi e dei mezzi di sussistenza minacciano di peggiorare la situazione dei bambini”.  Già in luglio gli organismi dell’Onu stimavano in 1,5 milioni i siriani bisognosi di assistenza; metà di loro sono bambini e ragazzi.  Il sito, all’insegna anch’esso della bandiera “precedente”, specifica che “il ricavato dell’evento sarà usato per sostenere le vittime della violenza in cooperazione con l’Unicef”.

Qualche giorno fa sul sito campeggiava il simbolo dell’Unicef, a corredo di questa dichiarazione. Adesso non più.

Gli  organizzatori in Italia, invece, continuano a parlare di “Unicef che promuove”, e il noto simbolo della mamma e del bambino campeggia tuttora.

Ma finalmente l’Unicef si è accorto dell’uso del suo simbolo e ha reagito. Sapendo anche bene che, almeno ufficialmente, un organismo onusiano non può sostenere iniziative che fin dai simboli operano per un cambio di regime, a mano armata oltretutto.

 

Ed ecco allora il comunicato internazionale dell’agenzia dell’Onu, da Ginevra.  Ginevra, 6 novembre 2012 - L’Unicef è a conoscenza del fatto che in diversi Paesi del mondo si sta organizzando per sabato 17 novembre una Marcia internazionale di solidarietà per i bambini della Siria. Gli organizzatori di questa iniziativa hanno usato il nome e l’emblema dell’Unicef nella loro attività promozionale. L’Unicef desidera precisare che non patrocina né promuove in alcun modo questo evento, non ha autorizzato l’impiego del proprio nome e logo e ha proceduto a richiedere agli organizzatori della marcia di rimuovere nome e logo dell’Unicef  da tutti i loro materiali. L’Unicef sta prestando assistenza umanitaria a centinaia di migliaia di bambini siriani in diverse aree del Paese, e ai rifugiati siriani presenti nei Paesi confinanti. Il nostro sostegno è fornito sulla base delle necessità, senza alcuna valutazione politica odi altro ordine”.

Dunque gli organizzatori della Marcia, soprattutto quelli in Italia, stanno strumentalizzando a fini politici lo stesso simbolo dell’Unicef. E, ancor peggio, le sofferenze dei bambini siriani. La marcia italiana è che non cita la guerra in corso come causa del “genocidio”. Non chiede la fine degli scontri perché non si ammette che ci siano scontri. Eppure è la guerra a fare la disgrazia dei bambini siriani. E nel “chi uccide chi e quanti”, bambini o adulti, il ruolo delle bande armate non è contemplato…Fra i sostenitori della marcia che si terrà a Bologna c’è il gesuita Paolo Dall’Oglio, che in un video invita a partecipare “contro il fascismo”. Del resto ormai egli si schiera apertamente con l’Esercito siriano libero e in più occasioni ha chiesto sostegno esterno per i gruppi armati, sostenendo che questi difendono i civili. Un’affermazione che si scontra con la realtà riportata ormai anche dai media: attentati kamikaze, uccisioni mirate, stragi. E’ così che si appoggia la prosecuzione delle ingerenze e della violenza. Anche sui bambini.

 

PS.  Riportiamo, fra i siti sostenitori della Marcia, il link http://www.you-ng.it/blog/3858-in-47-citt%C3%A0-del-mondo,-il-17-novembre,-in-marcia-per-i-bambini-siriani.html. Perché? Perché riassume gli argomenti della propaganda fortissima gridata dai sostenitori fuori Siria dei gruppi armati, sotto il vessillo dell’umanitarismo e dei bambini.  Ecco qui: “Dai tempi della Guernica rasa al suolo da Hitler mai si era registrata una simile ferocia contro la popolazione civile da parte dell’esercito che avrebbe il compito di difenderla”.  Ignorando bellamente la presenza in Siria di gruppi armatissimi appoggiati da mezzo mondo, il sito parla tuttora di “popolo inerme lasciato disperatamente solo dal mondo che vuole mantenere un dittatore al potere”, e poi dà cifre in libertà: “oltre 200.000 prigionieri politici, più di mille morti sotto tortura; 75.000 sono gli scomparsi e si teme di ritrovarli in futuro in fosse comuni”.

 

 

 

A proposito di bambini e Siria.

Un video, segnalatoci dal vulcanico Rustam, sull’uso militare dei bambini da parte dei “ribelli”

http://www.youtube.com/watch?v=Gc-yG9KXQyE

http://www.sibialiria.org/wordpress/?p=1114

Related Articles

Powered by Google+ Comments

1 Comment

  1. alberto
    alberto novembre 13, 12:29

    Onestamente non capisco il senso dell’articolo, nè la “verve” polemica, quello è chiaro è lo “scontro” tra le due fazioni (diciamo così). Ma il tono polemico su un evento che mi sembra assolutamente pacifico (la marcia per i bambini no?)no lo comprendo.
    Mi è chiara la mancanza di simpatia della signora Correggia (l’articolista) nei confronti degli organizzatori, ma ostracizzare in questo modo un evento pacifico mi sembra eccessivo, sopratutto da parte di chi, per mesi, ha partecipato alle manifestazione a favore di Assad, dove si gridava Allah Suryah Bashar u bes (solo Dio la Siria e Assad) e ancora “Bashar siamo i tuoi shebbiha” (a Bologna). Ora se sono palesi i crimini di cui si sono macchiati di recente alcuni gruppi dell’ESL, altrettanto palesi sono i 25-30.000 morti in due anni, gli arrestati e i torturati, come le bombe dell’esercito che cadono indiscriminatamente sui centri abitati. Ed è sbagliato a mio avviso continuare con questo attacco monodirezionale (come fa anche Rustam), se è presente un ESL in Siria è per la violenta repressione di Assad su una rivolta che è stata pacifica per 8 mesi!
    La faziosità dell’articolista per me è palese, anche perchè “fa il pelo” sul logo Unicef utilizzato da questa marcia, ma poi ignora (conoscendolo) l’articolo dell’IRIB: http://italian.irib.ir/notizie/politica5/item/115816
    (ONU: A.Saudita, Qatar e Turchia responsabili delle violenze in Siria) in cui si attribuiscono all’ONU tramite il loro inviato Haisam abu Saed, le parole di accusa del titolo. Falso, Haisam abu Saed non è come dice l’articolo, l’inviato dell’Alto Commissario ONU sui diritti umani (come si legge anche nei post). Ma dalla Correggia nessuna smentita su queste notizie, ma invece perde tempo a smentire il logo Unicef associato ad una marcia pacifica, questo si che è gran giornalismo.
    Infarcisce inoltre l’articolo, come spesso fa, di notizie palesemente false, come quella della bandiera usata durante il mandato francese. La bandiera verde-bianco-nera con le 3 stelle rosse non è quella del mandato (1920-46), che era azzurra con la mezzaluna bianca e la bandiera francese in piccolo; la bandiera utilizzata ora dai rivoluzionari fece la sua comparsa durante il periodo del mandato (1932) e divenne la bandiera della Siria libera (post-mandato) rimanendo in vigore fino al 1963, quando venne sostituita dai golpisti baatisti con l’attuale bandiera siriana.
    Infine per correttezza di informazione, se è informazione quella che vuole fare l’articolista, oltre a postare il video di Rustam Chehayed sull’uso strumentale dei bambini (pessimo!), andava postato anche il video apparso quel giorno su quello che gli aerei di Assad fanno a quei bambini strumentalizzati (Attenzione video molto forte!): http://www.youtube.com/watch?v=E_kylaEA_mA&feature=share&oref=http%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fgroups%2F224929794222125%2F%3Ffref%3Dts&has_verified=1

    Reply to this comment

Write a Comment

Add Comment Register



Your email address will not be published.
Required fields are marked *

Unisciti alla resistenza

facebooktwitterRSSyoutubeGooglePlusIcon

Gli articoli più letti

Informare Per Resistere TV

La Bayer sta sterminando le API nell'intero pianeta

vsw id="U4Uup9---Ms" source="youtube" width="560" height="344" autoplay="no"] Le api stanno scomparendo davvero, è un danno incalcolabile per l'ecosistema "...

M5S: On. Carlo Sibilia parla di Signoraggio, Moneta debito e MES

Intervento di Carlo Sibilia sulla visita che il presidente del Consiglio Enrico Letta ha in programma al parlamento europedo di Bruxelles Licenza CreativeCom...

Calciatore lancia un cane contro le reti dello stadio (Argentina)

CIRCONDATO DAGLI AVVERSARI E BECCATO DAL PUBBLICO (VIDEO) Ha preso un cane per il collo e l'ha lanciato contro le recinzioni dopo essere stato sostituito. Mo...

TTIP - Transatlantic Trade And Investment Partnership

Licenza CreativeCommons: Scarica e ri-carica questo video su tuo canale! Fonte: http://t.co/rJ3pRgyF Facebook: http://t.co/vPGNjPFS Daily: http://t.co/Pe345x83 YouTube: http://t.co/fWVRmBUPLa.

Cane-eroe spinge l'uomo in carrozzina nella strada allagata

L'ANIMALE SPINGE L'UOMO NELLA STRADA ALLAGATA (VIDEO) La generosità degli animali non ha confini. In questo video, girato da un'automobilista a Lida, in Biel...

La difesa mediatica Russa contro le azioni USA

Licenza CreativeCommons: Scarica e ri-carica questo video su tuo canale! Fonte: http://t.co/rJ3pRgyF Facebook: http://t.co/vPGNjPFS Daily: http://t.co/Pe345x...

Vigili del fuoco contro Polizia 2010/2013

Il manganello alzato dall'agente in tenuta antisommossa è puntato contro un vigile del fuoco. E' l'immagine divenuta in poche ore simbolo di una crisi profon...

Ridere nella metropolitana: più che un consiglio, un video cult che sta spopolando sul web

Lachen in der U-Bahn, ridere nella metropolitana appunto, è stato girato in una fredda serata novembrina a Berlino: le carrozze della linea 12 della metropol...

Spot AGIP ENI: 2 min sfacciataggine menzogne

Licenza CreativeCommons: Scarica e ri-carica questo video su tuo canale! Fonte: http://www.youtube.com/watch?v=lUncWZFhLoc Facebook: http://t.co/vPGNjPFS Dai...

Marionetta Papademos, avete portato i greci alla rivoluzione [Nigel Farage]

"Se i greci non tornano alla dracma, sarete responsabili di qualcosa di veramente terribile". "Se io fossi greco andrei in strada a protestare contro le auto...