Informare per Resistere

Informare Per Resistere

Il TAV e la Val di Susa: le notti delle trivelle

Il TAV e la Val di Susa: le notti delle trivelle
novembre 13
12:00 2012

Marco Cedolin

L’Osservatorio presieduto da Mario Virano aveva fatto il proprio dovere, consistente nel partorire un nuovo progetto di TAV fra Torino e Lione che, sia pur ad obtorto collo, venisse approvato dalla maggioranza delle amministrazioni comunali interessate (e non) dalla futura opera, ma il redivivo TAV continuava comunque a restare una linea di pennarello tracciata sulla carta.

Alla fine del 2009 la Val di Susa era ancora quella sorta di “territorio inviolabile” che quattro anni prima aveva respinto l’alta velocità attraverso una sommossa popolare e da allora nessuno aveva più osato mettere in campo azioni che fossero in qualche modo collegate al TAV.

Mario Virano aveva fatto ripartire il progetto Torino – Lione sotto l’aspetto procedurale e burocratico, ma doveva sapere come realmente avrebbe reagito nei fatti la popolazione della Val di Susa ad un ritorno del TAV.

Per raggiungere questo scopo, nei primi giorni del 2010 venne avviata una campagna di sondaggi che avrebbe interessato vari comuni della Valle e della cintura torinese.

 

La dinamica fu in tutti i casi la stessa. Nel cuore della notte una trivella, scortata da centinaia di agenti antisommossa veniva trasportata nel luogo deputato al sondaggio, dove i militari la difendevano con le unghie e con i denti fino all’imbrunire, quando la trivella veniva smantellata in tutta fretta, per poi ricomparire a pochi km di distanza qualche notte dopo.

 

I Valsusini presero l’abitudine di dormire vestiti, pronti a trascorrere la notte al gelo, le trivelle vennero posizionate generalmente sotto ai viadotti dell’autostrada o in discariche abbandonate, dove sicuramente non c’era nulla da sondare ma potevano venire difese agevolmente.

La campagna di sondaggi che avrebbe dovuto durare anni terminò bruscamente già nel mese di febbraio, quando nel corso di un pestaggio selvaggio praticato dai poliziotti vennero feriti seriamente alcuni manifestanti.

 

Mario Virano non aveva certo incrementato le proprie conoscenze per quanto riguarda l’aspetto geologico del territorio valsusino, ma in compenso aveva ricevuto la conferma che sarebbe stata dura ma ce la poteva fare.

Dopo 5 anni aveva violato il territorio valsusino con quelle stesse trivelle che scatenarono la rivolta nel 2005 e tutto sommato ne era uscito indenne. La contestazione continuava a rimanere pesante, molte centinaia e talvolta anche miglia di persone avevano assediato i luoghi dei sondaggi, l’autostrada e le statali erano state bloccate occasionalmente, oltre 40mila valligiani avevano sfilato con le bandiere a Susa. Ma a differenza del 2005 (anche in virtù della tattica mordi e fuggi adottata) la protesta non era sfociata in una rivolta popolare ed era stato possibile trivellare all’interno di un territorio dove fino a qualche mese prima sarebbe stato impensabile anche solo organizzare un convegno che promuovesse il TAV.

La strada per il futuro era dunque tracciata.

Marco Cedolin

Related Articles

Powered by Google+ Comments

1 Comment

  1. Reho Emanuele
    Reho Emanuele novembre 13, 11:17

    l' alta velocità è una cosa che si deve fare; ho fatto servizio the Carabiniere proprio in quelle terre nel 1985 e 1986, hanno la sovversione antropologizzata; in paesini di 5.000 abitanti c' erano 8 / 10 di 'prima linea' the controllare. Questa gentaglia deve capire che quando Roma la Capitale ordina, devono obbedire.

    Reply to this comment

Write a Comment

Add Comment Register



Your email address will not be published.
Required fields are marked *

Unisciti alla resistenza

facebooktwitterRSSyoutubeGooglePlusIcon

Gli articoli più letti

Informare Per Resistere TV

Ridere nella metropolitana: più che un consiglio, un video cult che sta spopolando sul web

Lachen in der U-Bahn, ridere nella metropolitana appunto, è stato girato in una fredda serata novembrina a Berlino: le carrozze della linea 12 della metropol...

Chi controlla le redini? ENI, Nestlè, Unicredit Banca, Goldman Sachs. La sovranità monetaria?

Intervento di Carlo Sibilia sulle politiche bancarie che si nasconderebbero dietro la cosiddetta Unione europea che costringe all'unione monetaria Paesi euro...

Kayapo espulsi con violenza dalle loro case. Invaderanno 400.000 ettari di foresta amazzonica

"Siamo contro l'invasione delle nostre terre. Siamo gli abitanti originari. L'uomo bianco ci sta costuendo intorno. Non ci piace questo. Vogliamo rispetto"" ...

Cane-eroe spinge l'uomo in carrozzina nella strada allagata

L'ANIMALE SPINGE L'UOMO NELLA STRADA ALLAGATA (VIDEO) La generosità degli animali non ha confini. In questo video, girato da un'automobilista a Lida, in Biel...

IL BANCHIERE: Lavoro di merda

Video realizzato da Yann di Télé Bien [ http://www.youtube.com/user/telebien1 ], tradotto e sottotitolato dal team "Lo sai...tradurre?": http://www.losai.eu ...

Venti euro a botta. In viaggio per le periferie del sesso a pagamento

Giugliano in Campania, provincia di Napoli. La strada che vedete nel video si chiama Circonvallazione esterna. Una lingua di asfalto lunga cinque chilometri ...

Renzi: Presidente del Consiglio solo dopo elezioni

"La #coerenzi" Informarsi è già resistere, unisciti alla resistenza: http://www.facebook.com/informarexresistere.

25 Leoni salvati da un Circo senza pietà

TRASFERITI DA ADI IN UN SANTUARIO PER ANIMALI (VIDEO) Dal "carcere" alla libertà. E' la storia di 25 leoni che, dopo essere stati strappati ad un circo della...

La difesa mediatica Russa contro le azioni USA

Licenza CreativeCommons: Scarica e ri-carica questo video su tuo canale! Fonte: http://t.co/rJ3pRgyF Facebook: http://t.co/vPGNjPFS Daily: http://t.co/Pe345x...

Indonesia: Produzione di carta e legno per le nostre case

L'olio di palma viene usato in diversi prodotti sia alimentari che cosmetici....Se avete la pazienza di vederlo tutto il video, le immagini parlano da sole.....