Informare per Resistere

Informare Per Resistere

Scarabocchi digitali per dare un futuro al Paese

Scarabocchi digitali per dare un futuro al Paese
dicembre 07
20:40 2012

- Guido Scorza -

A navigare nel sito del Senato per capire cosa stia accadendo nella tormentata conversione in legge dell’ex Decreto Digitalia, oggi Crescita bis, vien da pensare di trovarsi di fronte ad un ben riuscito programma di satira.

Se così fosse, confusione, approssimazione, imprecisione e, soprattutto, tanti scarabocchi di inchiostro digitalizzato ne sarebbero gli indiscussi protagonisti.

Il testo del maxi-emendamento sul quale, alla fine, il Governo ha messo la fiducia è pubblicato in due versioni una definita “corretta” ed una non definita affatto e, probabilmente, da considerarsi quella originale, poi corretta [n.d.r. vien da chiedersi quale sia il senso della pubblicazione di una versione dell’emendamento non corretta].

Ma il punto non è questo, nonostante il comprensibile smarrimento che tanta ambiguità produca in chi non abbia altro legittimo obiettivo che capire quale sia il testo della legge di conversione del decreto legge Crescita bis che sa per essere approvato.

Il punto è un altro.

Se si apre il file “corretto” contenente il maxi-emendamento ci si ritrova davanti a cinquanta fogli di carta scarabocchiata, scansionati e pubblicati online senza alcuna meta informazione né strumento di indicizzazione.

Costretti a cimentarsi in un’opera di impossibile decifrazione di geroglifici che varrebbero un’insufficienza grave in qualsiasi scuola elementare della Repubblica.

Possibile che l’Italia digitale ovvero il futuro del Paese debba davvero passare da qui?

E’ accettabile che il Senato della Repubblica non disponga di mezzi e processi in grado di garantire al cittadino di accedere ai propri atti con forme e strumenti diversi rispetto a quelli che si utilizzavano il giorno della sua istituzione?

Senza parlare del fatto che al posto della firma del Capo del Governo o del Ministro da questi delegato, in fondo al testo del provvedimento si ritrova un ennesimo scarabocchio sotto la dizione in stampatello dell’espressione “il Governo”, quasi che si trattasse di una persona in carne ed ossa titolare dell’indecifrabile geroglifico sottostante.

E’ un modo di fare le leggi semplicemente preistorico ed inaccettabile in un Paese moderno e democratico.

La questione, naturalmente, non è di forma [n.d.r. anche se, probabilmente, da parte della seconda più alta istituzione del Paese sarebbe legittimo attendersi qualcosa di più anche sotto il profilo estetico e formale] ma di sostanza.

La pubblicazione di scarabocchi analogici digitalizzati, infatti, non garantisce al cittadino l’accesso ai documenti ed alle informazioni cui, per contro, ha il sacrosanto diritto di accedere in forma chiara, intellegibile e – anche se in Italia sembra fantascienza – in formato digitale ed aperto.

Ma non basta.

Anche un bambino capirebbe – perché glielo hanno insegnato alla scuola elementare – che dietro a tanta confusione ed ambiguità, si nasconde inesorabilmente il rischio di errori anche gravi o gravissimi visto che, tra uno scarabocchio e l’altro, Governo e Senato stanno discutendo dell’impiego di centinaia di milioni di euro di risorse pubbliche e, soprattutto, del futuro del Paese.

Sembra una barzelletta o forse un colmo pensare che un provvedimento sulla digitalizzazione del Paese nasca da tanti scarabocchi ad inchiostro ma, sfortunatamente, c’è ben poco da ridere.

Con tanta cialtronaggine ed approssimazione così saldamente e pervicacemente annidiata anche nelle più alte istituzioni della Repubblica è difficile sperare in un futuro diverso dal presente.

http://scorza.blogautore.espresso.repubblica.it/2012/12/06/scarabocchi-digitali-per-dare-un-futuro-al-paese/

http://www.guidoscorza.it/?p=3671

 

Related Articles

Powered by Google+ Comments

1 Comment

  1. Giacomo Cogliandro
    Giacomo Cogliandro dicembre 07, 19:55

    così si fanno le leggi e I decreti… in brutta copia!

    Reply to this comment

Write a Comment

Add Comment Register



Your email address will not be published.
Required fields are marked *

Unisciti alla resistenza

facebooktwitterRSSyoutubeGooglePlusIcon

Gli articoli più letti

Informare Per Resistere TV

Ridere nella metropolitana: più che un consiglio, un video cult che sta spopolando sul web

Lachen in der U-Bahn, ridere nella metropolitana appunto, è stato girato in una fredda serata novembrina a Berlino: le carrozze della linea 12 della metropol...

Vigili del fuoco contro Polizia 2010/2013

Il manganello alzato dall'agente in tenuta antisommossa è puntato contro un vigile del fuoco. E' l'immagine divenuta in poche ore simbolo di una crisi profon...

Quando comprare un cellulare provoca la morte!

Culture In Decline | Episodio #3 - 'CVD - Disturbo da Vanità Consumistica'' di Peter Joseph http://www.zeitgeistitalia.org | http://www.cultureindecline.com ...

4 anni di progetti in 4 minuti: L'ecologia open-source

Licenza CreativeCommons: Scarica e ri-carica questo video su tuo canale! Fonte: http://t.co/rJ3pRgyF Facebook: http://t.co/vPGNjPFS Daily: http://t.co/Pe345x...

Indonesia: Produzione di carta e legno per le nostre case

L'olio di palma viene usato in diversi prodotti sia alimentari che cosmetici....Se avete la pazienza di vederlo tutto il video, le immagini parlano da sole.....

Aulin tossico. Ma in Italia si vende ancora

Ritirato dal commercio in mezza Europa, il principio attivo dell'aulin, la nimesulide, comporta gravissime disfunzioni epatiche. In Italia se ne consuma anco...

Mi Seguirai?

Licenza CreativeCommons: Scarica e ri-carica questo video su tuo canale! Fonte: http://t.co/rJ3pRgyF Facebook: http://t.co/vPGNjPFS Daily: http://t.co/Pe345x...

Mac Donald tra le 10 multinazionali più pericolose del mondo

Ogni anno migliaia di bambini consumano il fast food ("cibo veloce") di un'impresa responsabile della deforestazione dei boschi, dello sfruttamento dei lavor...

La famiglia a rifiuti zero

PRODUCE SOLO UN LITRO DI SPAZZATURA ALL'ANNO (VIDEO) Una famiglia di quattro persone che praticamente non produce rifiuti. C'è davvero ed è quella di Bea Joh...

La Bayer sta sterminando le API nell'intero pianeta

vsw id="U4Uup9---Ms" source="youtube" width="560" height="344" autoplay="no"] Le api stanno scomparendo davvero, è un danno incalcolabile per l'ecosistema "...