Informare per Resistere

Informare Per Resistere

Superimperialismo e democrazia totalitaria

Superimperialismo e democrazia totalitaria
dicembre 12
17:40 2012

- Stefano Zecchinelli -

1. In questo intervento cercherò di fissare alcune basi teoriche riguardanti lo studio del (neo)imperialismo. Partirò, quindi, dalla analisi classica leninista, mettendo poi a fuoco le nuove forme di sfruttamento capitalistico.
Lenin spiegò (in polemica con Rosa Luxemburg e Bukarin) che ‘’ Monopoli, oligarchia, tendenza al dominio anziché alla libertà, sfruttamento di un numero sempre maggiore di nazioni piccole e deboli per opera di un numero sempre maggiore di nazioni più ricche o potenti: sono le caratteristiche dell’imperialismo, che ne fanno un capitalismo parassitario e putrescente’’. (Lenin, Imperialismo, Ed. Lotta Comunista)
In questo modo la borghesia imperialistica, da un lato, deruba i popoli coloniali delle loro risorse impedendogli di autodeterminarsi con le rivoluzioni democratiche (ed anticoloniali), dall’altro, a causa della esportazione dei capitali, sfibra il tessuto industriale del proprio Stato nazionale ponendo le basi per lo smantellamento di questo.
Dal dopoguerra fino ad oggi, in Italia, il Partito ‘’comunista’’ del revisionista Togliatti, ha rappresentato l’anello di congiuntura fra le borghesie filo-atlantiche italiane (figlie della ideologia azionista) e le borghesie burocratiche (figlie del fascismo e del capitalismo monopolistico degli anni ’30).
Questo ha permesso al blocco governativo (filo-americano) di gestire il conflitto di classe ricorrendo allo Stato sociale, ed alternare politiche riformistiche socialdemocratiche a grosse concessioni ai capitali privati stranieri (quindi favorendo i grandi capitalisti anglo-americani).
Da un punto di vista politico e militare, a poco a poco, tutti i paesi europei sono stati integrati nella NATO, ossia nel sistema di comando americano e sionista.
Caduto il blocco sovietico la situazione ha subito ulteriori cambiamenti:
(1)   Gli Stati nazionali sono stati trasformati in cinghie di trasmissione delle direttive sociali ed economiche dell’imperialismo più forte: il duo Usa – Sionismo.
(2)  La politica degli Stati viene dettata da organizzazioni sopranazionali come il FMI, la BCE, la Trilaterale, il Rotary, le grandi massonerie anglosassoni e sioniste.
(3)  Le borghesie nazionali partoriscono un personale politico di tecnici totalmente alieno alla società civile (inteso, in senso borghese, come una amalgama di più classi sociali).
I meccanismi della riproduzione capitalistica quindi portano: (1) ad una nuova modifica della soprastruttura dello Stato capitalistico; (2) ad una fase ulteriore, più brutale, del neo-colonialismo.
2. Andiamo per ordine: modifica della soprastruttura dello Stato capitalistico.
Le nuove democrazie autoritarie non sono fasciste ma risolvono in sé elementi propri del fascismo.
Gli organi di rappresentanza popolare (tipici delle democrazie liberale e sociali, classiche) vengono svuotati, mentre gli esecutivi, da un lato, centralizzano nelle loro mani un potere immenso in materia di repressione e sospensione delle libertà civili (e politiche), mentre in materia economica e sociale ratificano le direttive del FMI (debito pubblico, liberalizzazioni, investimenti nella industria bellica).
Alla subordinazione militare del capitalismo italiano all’imperialismo Usa, segue una progressiva militarizzazione della società civile.
Su questo secondo punto penso che dovrebbero essere distinti due piani: (1) abolizione delle libertà democratiche da parte dello Stato imperialistico; (2) guerra psicologica attraverso l’utilizzo dei mass-media.
La privatizzazione delle squadracce (post)fasciste di polizia (fino ad arrivare – cosa che gli Usa ed Israele già fanno – alla privatizzazione degli eserciti) rende la politica repressiva sempre più incontrollata ed arbitraria: questo, necessariamente, è da collegare alle politiche neo-liberistiche che rendono reiette ampie fasce sociali (distruzione degli ammortizzatori sociali, dei servizi pubblici, e di qualsiasi forma di sostegno e sussidio).
La compagna Ulrike Meinhof, al processo di Stammheim, il 21 agosto 1975, così descrive la situazione del proletariato occidentale ‘’il proletariato nelle metropoli imperialista, organizzato schedato e controllato in tutte le manifestazione della sua vita, dal capitale attraverso gli apparati ideologici dello Stato, dei sindacati e dei partiti – non può costituirsi in classe per sé entro un quadro nazionale’’.
Ed ancora la grande rivoluzionaria tedesca ‘’ … nella completa compenetrazione di tutti i rapporti dell’imperialismo attraverso il mercato e del processo di statalizzazione della società, attraverso gli apparati statali repressivi ed ideologici non esiste nessun luogo e nessun tempo dove tu potresti dire di qui io parto’’.
La lotta contro il capitalismo neo-liberista inizia nelle metropoli capitalistiche nazionali ma deve mirare a creare delle reti su scala internazionale. Reti antimperialistiche nei paesi a capitalismo maturo e comitati di sostegno alle lotte di liberazione nazionale.
Nella ‘’zona di tempesta’’ del mondo arabo si sono articolate importanti resistenze antimperialistiche che potrebbero colpire Israele, un anello importantissimo della catena di comando imperialistica.
Le priorità sono:
(1) Il sostegno incondizionato alla Resistenza palestinese ed alla Resistenza libanese contro lo Stato nazista di Israele (che deve essere distrutto).
(2) La difesa incondizionata della Siria baathista e dell’Iran (soprattutto con il governo socialdemocratico dell’antisionista Ahmadinejad) dalle minacce degli imperialismi occidentali.
(3) Il sostegno alle Resistenze afghana ed irakena. La creazione di comitati di sostegno per la Resistenza libica in funzione antiamericana ed anti-sionista.
Per ciò che riguarda l’Europa, procedono le eroiche resistenze del Fln corso e del Fln bretone contro il vile capitalismo francese: appoggiare le rivendicazioni del popolo corso e del popolo bretone, significa dare un colpo mortale ad una delle principali forze capitalistiche del vecchio continente.
La stessa cosa vale per l’Eta basca (che negli anni ’70 ha colpito mortalmente i vertici dello Stato franchista) e l’Ira (i cui militanti, in passato, hanno quasi messo con le spalle al muro l’esercito inglese). Le lotte armate per l’indipendenza nazionale, in questa fase, non posso che trascendere verso formazioni economico sociali anticapitalistiche.
3. Israele rappresenta una Forma Atipica di Stato Imperialistico. Personalmente considero l’entità sionista uno Stato Post-Nazista, Neo-Militaristico. Definirò, seppur brevemente, questi tre concetti (Imperialismo Atipico, Post-Nazista, Neo-Militaristico).
Israele è un IMPERIALISMO ATIPICO perché – come dice giustamente James Petras – la sua estensione territoriale e la sua economia sono ridotte rispetto ad una potenza imperiale che dispone dalle 200 alle 400 bombe atomiche, inoltre la lobby ebraica condiziona fortemente le politiche imperiali degli Usa.
La lobby sionista è riuscita a sottomettere le elite dei tecnici di importanti Stati capitalistici (Francia, Italia, Germania). Ha condizionato le relazioni estere di questi Stati, e creato gravi disagi a livello interno (condizionamento del sistema mass-mediatico, prima di tutto).
Israele è uno STATO (POST)NAZISTA perché rappresenta un ulteriore passo in avanti rispetto alla repressione (etnica, classista, e sessista) attuata nella Germania hitleriana.
Le parole del rabbino Yossef Ovadia superano la perversione di un Himmler ‘’ Possa il Nome Divino diffondere il castigo sulla testa degli Arabi, e far disperdere la loro semenza e annichilirli definitivamente! È proibito avere pietà di loro! Noi dobbiamo scagliare loro addosso dei missili e sterminarli con gioia. Sono malefici e dannati!’’, ed ancora ‘’ Il sangue ebraico e il sangue dei goys (non-ebrei) non è lo stesso sangue,” e che “ammazzare non è un crimine se le vittime non sono ebrei’’.
In questo lo Stato Sionista è una Ideocrazia: la Germania nazista aveva delle forti e coraggiose dissidenze (di matrice comunista, socialista, ed anarchica) che lottavano contro di essa; Israele, invece, è riuscita ad ‘’hitlerizzare’’ (o meglio sionizzare) gran parte della sua popolazione civile.
Il 42% degli Israeliani si rifiuta di abitare nello stesso edificio con Arabi israeliani e non vuole che i propri figli vadano a scuola con i bambini di origine araba.
Il 33% vorrebbe che lo Stato introducesse una legge per vietare ai cittadini arabi di votare alle elezioni legislative.
Il 69% si opporrebbe all’idea del diritto di voto per i Palestinesi, una qual volta Israele annettesse la Cisgiordania.
Il 74% è a favore di strade separate per Israeliani e Palestinesi in Cisgiordania
Il 58% è a conoscenza del regime di apartheid in vigore contro gli Arabi, ma comunque lo approva. (Fonte: Rudi Barnet)
Le caratteristiche del regime sionista sono la (1) militarizzazione educativa e la (2) sistematizzazione ideologica di un messianesimo colonialistico.
Per finire il NEO-MILITARISMO SIONISTA riprende il progetto originario di Cecil Rhodes (fondatore della Rhodesia) di conquista del continente africano. Su questo punto le pressioni del Mossad sull’imperialismo Usa sono molto forti.
4. L’imperialismo contemporaneo risponde alle necessità dei capitalismi occidentali di de-popolare vaste aeree della terra.
In questo, il duo Usa – Israele, crea dei teatri dove sperimentare le sue politiche genocide.
Già Orlando Letelier, consulente del governo Allende (poi ucciso dalla DINA di Pinochet), accusò Milton Friedman di essere il responsabile di un vero e proprio genocidio sociale in Cile. Ma cediamo la parola al nobile dissidente cileno: ‘’ Il piano economico andava imposto, e nel contesto cileno ciò si poteva fare solo uccidendo migliaia di persone, costruendo campi di concentramento in tutto il Paese, imprigionando più di 100.000 mila persone in tre anni (…) La regressione  per la maggioranza  e la libertà economica per piccoli gruppi privilegiati, sono, in Cile, due facce della stessa medaglia’’. (cit. da Naomi Klein, Shock economy, Ed. BUR)
Le stesse accuse si potrebbero lanciare verso l’uomo del Gruppo Bilberbeng Mario Monti, qui in Italia: se ieri i laboratori dell’impero, per ciò che riguardava l’applicazione delle misure economiche neo-liberistiche, erano il Cile e l’Indonesia, oggi questi laboratori si chiamano Italia, Grecia e Spagna.
La cosa è agghiacciante: Italia e Spagna hanno un passato da potenze imperialistiche ma ora, il Superimperialismo Usa (con la reggenza del sionismo), può trattarle al pari del Cile pinochetista (Stato vassallo nelle mani di Kissinger e dei Chicago boys).
Del resto, nei paesi dell’ ex Unione Sovietica, la distruzione del sistema sanitario ha causato la morte di dieci milioni di persone. Giusto per avere una idea di che cosa significa perdere la sovranità nazionale e cadere in mano al capitale privato finanziario straniero (detto questo non voglio fare nessuna concessione alle fracide borghesie nazionali).
Nelle periferie invece si procede direttamente con lo sterminio sistematico (e pianificato) delle popolazioni locali.
Manuel Freytas ci comunica che ‘’ In Sri Lanka, nella fase finale contro il terrorismo “tamil” come lo ha definito il governo burattino degli USA e delle potenze occidentali, sonio stati assassinati in sole quattro settimane più di 20.000 civili, come rivela un’indagine del quotidiano britannico “The Times” di questa settimana’’. (Manuel Freytas, La soluzione finale: come funziona lo sterminio militare di massa, pubblicato nel sito come donchisciotte)
Ed ancora: ‘’ Nell’ultima fase della “soluzione finale” in Sri Lanka 50.000 persone sono rimaste bloccate – come successe a Gaza – in una piccola fascia di territorio per 24 ore sotto il fuoco incrociato di batterie terrestri, carri armati ed aeroplani del governo alleato degli USA e “dell’asse occidentale.”’’ (Ibidem)
L’imperialismo procede con la pratica genocida impunita, mutuando, in nome della esportazione dei capitali, la teoria della conquista degli spazi vitali di Hitler.
Inoltre questi scenari possono moltiplicarsi nei prossimi anni, in vista dello scontro del Superimperialismo Usa contro il blocco capitalistico emergente capeggiato da Russia e Cina, un futuro poco roseo se le classi lavoratrici, nel nord del mondo, non si organizzeranno per dare il giusto supporto ai movimenti di liberazione nazionale ed antimperialistici che operano nelle periferie.
5. Compendierei così questa mia breve analisi:
(1)  La catena di comando imperialistica ha al vertice il duo Usa – Sionismo: tutte le principali offensive antimperialistiche, di classe o nazional-popolari, devono prendere di mira, prima di tutto, queste due potenze.
(2)  La democrazia dei paesi occidentali è una inedita forma di oppressione classista: non siamo più davanti una democrazia borghese classica che lascia margini di manovra di classe o di riformismo socialdemocratico. La nuova democrazia autoritaria è totalitaria perché ha alla base quella che Ulrike Meinhof ha chiamato la statizzazione della società civile.
(3)  Lo scontro fra il Superimperialismo Usa ed il blocco capitalistico emergente (Russia – Cina) aprirà nuovi margini di azione per organizzazioni antimperialistiche, nei paesi coloniali, e riaccenderà il conflitto di classe nei paesi occidentali. In questo i marxisti rivoluzionari devono stare attenti a non fare concessioni a movimenti neo-populisti che possano vincolare il fronte antimperialistico alle potenze capitalistiche emergenti (magari attraverso il ricorso al geopoliticismo).

Il modello capitalistico neo-liberista non reggerà ancora per molto quindi (1) o le forze di classe si compatteranno per un governo popolare e socialista, (2) oppure l’alternativa scelta dalle nuove classi dirigenti sarà il capitalismo di stato e dei rapporti geo-politici mediati fra est ed ovest. In questo caso sarebbe tutto da rifare.

 

http://zecchinellistefano.blogspot.it/2012/12/superimperialismo-e-democrazia.html

Related Articles

Powered by Google+ Comments

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Add Comment Register



Your email address will not be published.
Required fields are marked *

Unisciti alla resistenza

facebooktwitterRSSyoutubeGooglePlusIcon

Gli articoli più letti

Informare Per Resistere TV

Renzi: Presidente del Consiglio solo dopo elezioni

"La #coerenzi" Informarsi è già resistere, unisciti alla resistenza: http://www.facebook.com/informarexresistere.

Aumento della produttività toglie posti di lavoro [Art 18]

Licenza CreativeCommons: Scarica e ri-carica questo video su tuo canale! Fonte: http://t.co/rJ3pRgyF Facebook: http://t.co/vPGNjPFS Daily: http://t.co/Pe345x...

Guerra tra poveri [...e coglione chi ci casca]

Ho letto fiumi di parole dopo il post di Grillo, ma nessuno che abbia detto le cose come stanno. "Democratizziamo" paesi a suon di bombe e rivoluzioni contro...

Sibilia e Bernini alla "3 giorni del club Bildeberg" di Londra

Licenza CreativeCommons: Scarica e ri-carica questo video su tuo canale! Fonte: http://www.youtube.com/watch?v=PRw-h0ksnKU Facebook: http://t.co/vPGNjPFS Dai...

IL BANCHIERE: Lavoro di merda

Video realizzato da Yann di Télé Bien [ http://www.youtube.com/user/telebien1 ], tradotto e sottotitolato dal team "Lo sai...tradurre?": http://www.losai.eu ...

La verità sul debito e sulla crisi

Una semplice spiegazione del debito pubblico e della crisi che sta travolgendo il mondo intero. Tratto dal film Zeitgeist Moving Forward, da vedere e riveder...

Cibo spazzatura, kebab, grassi, sale e zucchero

Grassi, sale e zucchero. Sono i tre ingredienti base che l'industria alimentare usa nelle merende e in altri prodotti di largo consumo, che creano dipendenza...

Love police: Polizia ti amo

Londra. Quando un uomo con il megafono riesce a mettere in crisi il sistema delle menzogne....video da vedere assolutamente. Licenza CreativeCommons: Scarica...

Si butta davanti un treno per salvare il suo smartphone

Ringraziamo Fede Roperen per la comunicazione: Ragazza cade sulla metropolitana. La stazione della metropolitana in Itaquera a San Paolo e subito dopo l'inci...

Senato: No salvataggio Disoccupati ma spendiamo 53 Miliardi per CacciaBombardieri

Beppe Grillo: Al senato PD e PDL hanno votato NO al reddito di cittadinanza ma sono riusciti ad approvare l'acquisto degli F-35 cacciabombardieri per un cost...