Informare per Resistere

Informare Per Resistere

15 dicembre, Salvatore Borsellino: “Tutti in piazza a fianco del pool di Palermo”

15 dicembre, Salvatore Borsellino: “Tutti in piazza a fianco del pool di Palermo”
dicembre 13
16:00 2012

- di Salvatore Borsellino –

“Chiamiamo tutti i cittadini che hanno il coraggio, come Antonio Ingroia, di dichiararsi ‘partigiani della Costituzione‘, a scendere in piazza a fianco dei magistrati del pool di Palermo per gridare la nostra voglia di Giustizia, di Verità e di Resistenza”. Pubblichiamo l’appello di Salvatore Borsellino per la manifestazione “Noi sappiamo” di sabato 15 dicembre a Roma (Piazza Farnese, ore 15), promossa dal movimento delle Agende Rosse in collaborazione con MicroMega e il Fatto quotidiano.

Ci sono dei momenti nella vita di una nazione in cui non si può stare alla finestra a guardare quello che succede fuori sperando che qualcosa cambi, che le cose vadano nella maniera in cui noi desidereremmo che vadano. Ci sono momenti in cui è necessario mettersi in gioco e dare, ciascuno di noi, il nostro contributo nella difesa dei valori in cui crediamo e che vogliamo trasmettere ai nostri figli.

Stiamo attraversando un momento particolare della nostra storia, e non soltanto per quella crisi economica che sta lasciando a terra migliaia di famiglie, che sta inghiottendo nel gorgo della disoccupazione, dell’indigenza, della povertà centinaia di migliaia di persone, che sta ponendo davanti agli occhi dei nostri giovani lo scenario di un incerto futuro di precarietà, ma perché, per la prima volta nella storia del nostro paese, ad opera di alcuni magistrati coraggiosi che per questo rischiano quotidianamente la propria vita, lo Stato sta trovando il coraggio di processare se stesso.

C’è un peccato originale alla base di questa che chiamano “seconda repubblica”, una scellerata “trattativa” tra pezzi dello Stato e quello che dovrebbe essere l’antistato, la criminalità organizzata, e che invece, come un tumore lasciato crescere senza contrasto, sta alterando il DNA della nostra società corrompendola fino ad uno stadio che ha, ormai da tempo, superato il livello di guardia.

Sull’altare di questa trattativa è stata immolata la vita di Paolo Borsellino, è stato versato il sangue dei ragazzi che gli facevano da scorta, sono stati sacrificati, per alzarne il prezzo, i martiri di Via dei Georgofili e di via Palestro.
Per mantenere su di essa il segreto, per impedire che venisse alla luce, c’è stata una congiura del silenzio che è durata vent’anni e che ha coinvolto centinaia di personaggi della politica e delle istituzioni, da ministri a più o meno oscuri funzionari, che, o vi hanno partecipato, o sapevano ed hanno taciuto diventandone quindi complici.

C’è stato un depistaggio, scenario ricorrente nei processi di tante stragi che, a buon diritto, possono essere chiamate “stragi di Stato”, che ha falsato, in successivi gradi di giudizio fino a quello definitivo, il processo sulla strage di via D’Amelio.
Quando finalmente l’opera instancabile di alcuni magistrati, le rivelazioni di nuovi collaboratori di giustizia, hanno cominciato a squarciare il velo di questo mai posto e per questo più ferreo “segreto di Stato”, sono cominciati i muri di gomma, gli attacchi concentrici, la vera e propria guerra scatenata contro i componenti di quel pool di magistrati che hanno dedicato anni della loro vita al raggiungimento della Verità e della Giustizia.

Dalle più alte istituzioni della nostra Repubblica io mi sarei aspettato che a questi magistrati arrivassero incoraggiamenti, auspici a che questa strada continuasse a essere percorsa e nella maniera più rigorosa e diretta possibile che venissero spianati gli ostacoli che si frapponevano sulla difficile strada della Verità.

Al contrario ho dovuto leggere con raccapriccio sulla stampa di intercettazioni in cui ad un indagato in questo processo, un indagato che si lamentava al telefono per essere stato lasciato solo, l’ex ministro Mancino, veniva, non so se a torto o a ragione, promessa la benevolenza e l’attenzione della più alta Istituzione del nostro Stato.
Fino all’ultimo atto, quello in cui, per impedire la paventata divulgazione delle intercettazioni che, in maniera casuale riguardavano lo stesso Presidente della Repubblica, a cui lo stesso Mancino si era in più di un’occasione rivolto, viene sollevato un conflitto di attribuzione contro la Procura di Palermo, che per le sue possibili conseguenze, rischia di essere il più grave ostacolo sull’iter di un processo dal quale ci aspettavamo quella Verità finora attesa invano per venti anni.

Perché questa ansia, quasi questo panico sul contenuto di queste intercettazioni e sulla possibilità che l’opinione pubblica ne venga a conoscenza? Forse contengono dei giudizi di merito su dei magistrati, su dei parenti di vittime che a voce troppo alta continuano a gridare la loro rabbia per una verità occultata? Giudizi che sono accettabili da parte di un comune cittadino ma che sarebbero censurabili se provenienti dal Presidente di tutti gli italiani?
Io non credo, non voglio credere e non posso credere che sia così, ma è proprio per poterne dissipare anche soltanto il sospetto che potrebbe restare nell’animo di un solo cittadino italiano che la stessa Presidenza della Repubblica dovrebbe chiedere la divulgazione del testo di queste intercettazioni.

Anche perché per quanto riguarda direttamente me, fratello di Paolo Borsellino, mi è già sufficiente essere stato escluso, insieme con mia sorella Rita, dal novero dei parenti di Paolo nel messaggio inviato dalla Presidenza della Repubblica all’ANM il giorno 19 luglio di quest’anno, nel ventennale della strage. Ma questa stessa sorte forse toccherà ora, per le sue manifestazioni di sdegno nei confronti dell’imputato Nicola Mancino, anche ad Agnese, la moglie di Paolo, alla quale, insieme con il figlio, quel messaggio era stato rivolto.

E adesso è arrivata anche la decisione della Consulta su questo conflitto di attribuzioni, sentenza della quale non si conoscono ancora le motivazioni, ma che sembra non colmare il vuoto legislativo o indicare una corretta interpretazione della Costituzione riguardo alle casuali intercettazioni riguardanti il Presidente della Repubblica.

Sempre che di un vuoto si tratti e non di un esplicito silenzio per confermare l’eguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge.
E mentre fa riferimento ad un inapplicabile, in tale caso, articolo 271 del codice di procedura penale, a meno che in quelle telefonate Mancino non pensasse di rivolgersi al suo avvocato o al suo confessore, la sentenza non manca di censurare pesantemente l’operato della Procura di Palermo che invece ha agito applicando rigorosamente le leggi esistenti come dimostra il fatto, unico nel nostro paese per quanto riguarda le intercettazioni, che di queste non è venuta fuori neppure una riga.

A fronte di questa deriva, a fronte di queste continue invasioni di campo del potere legislativo ed esecutivo su quello giudiziario, per dimostrare a questa classe dirigente che non siamo tutti assopiti, neutralizzati, assuefatti, che abbiamo ancora la forza di reagire, noi non resteremo a guardare.
E lo facciamo come passo successivo e conseguente a quella plebiscitaria sottoscrizione che ha portato decine di migliaia di cittadini a scrivere il proprio nome sotto un appello a sostegno di questi magistrati.

Noi crediamo che un firma non sia sufficiente, noi chiamiamo tutti i cittadini che hanno il coraggio, come Antonio Ingroia, di dichiararsi “partigiani della Costituzione”, a scendere in piazza con noi e a gridare, sfidando anche la probabile inclemenza del tempo, la nostra voglia di Giustizia, di Verità e di Resistenza.
Insieme a me, ai giovani e ai sempre giovani delle Agende Rosse e a tutte quelle persone che, sin da ora hanno deciso di non tacere, di prendere una posizione e venire a portarci la loro voce e il loro cuore.

Insieme a Marco Travaglio, a Luigi De Magistris, a Ferdinando Imposimato, a Sonia Alfano, a Sabina Guzzanti, ad Aldo Busi, ad Antonio Padellaro, a Marco Lillo, a Vauro Senesi, a Moni Ovadia, a Silvia Resta, a Sandra Amurri, a Fabio Repici, a Daniele Silvestri, a Manuel Agnelli e a tanti altri, che sabato 15, a Roma, in Piazza Farnese hanno accettato con entusiasmo di essere insieme a noi.

Dimostriamo a questa classe dirigente, al paese, a noi stessi, che siamo ancora capaci di alzare la testa.
A fianco dei magistrati del pool di Palermo.

Contro una sentenza in-consulta “Noi sappiamo”

- di Movimento Agende Rosse –

Dopo la recente sentenza della Corte Costituzionale sul conflitto di attribuzioni sollevato dal Presidente Giorgio Napolitano nei confronti della Procura di Palermo è tempo di scegliere da che parte stare.

Vogliamo difendere la Costituzione e ribadire la piena e totale legittimità dell’azione della Procura di Palermo. Lo faremo tutti assieme sabato 15 dicembre in Piazza Farnese, a Roma, a partire dalle ore 15.30 con interventi di (in ordine di adesione, in corso di aggiornamento):

Salvatore BORSELLINO, Marco TRAVAGLIO, Ferdinando IMPOSIMATO, Luigi DE MAGISTRIS, Sabina GUZZANTI, Daniele SILVESTRI, Fabio REPICI, Silvia RESTA, Sonia ALFANO, VAURO, Manuel AGNELLI (AFTERHOURS), Moni OVADIA, Gianluca MANCA, Giorgio BONGIOVANNI, Benny CALASANZIO BORSELLINO, Aldo BUSI, Antonio PADELLARO, Marco LILLO, Sandra AMURRI, Paolo FLORES D’ARCAIS (video), Don Andrea GALLO (video), Giovanna MAGGIANI CHELLI (video), Fiorella MANNOIA (VIDEO)

“Per tutti gli aggiornamenti sull’organizzazione e sulle adesioni clicca 19luglio1992.com

PULLMAN: Stiamo organizzando dei Pullman con fermate probabili a Torino, Milano, Palermo, Messina, Villa San Giovanni (RC), Galdo di Lauria (Potenza), Napoli, Caserta. RISPONDETE AL PIU’ PRESTO!!!

Per info per partenze da Torino e Milano:
Social Network: http://www.facebook.com/events/123327504493901
E-mail: marchinafamily@alice.it
Tel: 3336080815

Per info per partenze dalle altre città:
Social Network: https://www.facebook.com/events/436246903095943
E-mail: simonecappellani@gmail.com
Tel: 3284629110

Per info generali chiamare il numero della redazione del sito: 02 45077753;
EVENTO FB per confermare la presenza alla manifestazione: https://www.facebook.com/events/199570553501294/

SCARICA: Volantino in ALTA RISOLUZIONE

Prime Adesioni:
Associazione Familiari Vittime di Mafia
Associazione Familiari Vittime di via dei Georgofili
Associazione “I cittadini contro le mafie e la corruzione”
ANTIMAFIADuemila
Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza
Marco Tullio Giordana
Carlo Freccero
Claudio Caldarelli direttore di Stampa Critica

Tratto da: 19luglio1992.com

Tratto da: temi.repubblica.it

http://www.antimafiaduemila.com/2012121240220/primo-piano/15-dicembre-salvatore-borsellino-tutti-in-piazza-a-fianco-del-pool-di-palermo.html

http://www.antimafiaduemila.com/2012121140191/am-duemila/roma-15-dicembre-2012-manifestazione-nazionale-di-sostegno-alla-procura-di-palermo.html

Ti potrebbero interessare

Powered by Google+ Comments

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Add Comment Register



Your email address will not be published.
Required fields are marked *

Unisciti alla resistenza

facebooktwitterRSSyoutubeGooglePlusIcon

Gli articoli più letti

Informare Per Resistere TV

Quando comprare un cellulare provoca la morte!

Culture In Decline | Episodio #3 - 'CVD - Disturbo da Vanità Consumistica'' di Peter Joseph http://www.zeitgeistitalia.org | http://www.cultureindecline.com ...

La Bayer sta sterminando le API nell'intero pianeta

vsw id="U4Uup9---Ms" source="youtube" width="560" height="344" autoplay="no"] Le api stanno scomparendo davvero, è un danno incalcolabile per l'ecosistema "...

La famiglia a rifiuti zero

PRODUCE SOLO UN LITRO DI SPAZZATURA ALL'ANNO (VIDEO) Una famiglia di quattro persone che praticamente non produce rifiuti. C'è davvero ed è quella di Bea Joh...

Scoppia incendio in un allevamento di galline. E' una strage!

CINA, ALMENO 119 OPERAI MORTI. MOLTI DI PIù GLI ANIMALI E' di almeno 119 morti e circa 54 feriti il bilancio di un'esplosione e di un incendio avvenuti in un...

Guerra tra poveri [...e coglione chi ci casca]

Ho letto fiumi di parole dopo il post di Grillo, ma nessuno che abbia detto le cose come stanno. "Democratizziamo" paesi a suon di bombe e rivoluzioni contro...

Love police: Polizia ti amo

Londra. Quando un uomo con il megafono riesce a mettere in crisi il sistema delle menzogne....video da vedere assolutamente. Licenza CreativeCommons: Scarica...

Calciatore lancia un cane contro le reti dello stadio (Argentina)

CIRCONDATO DAGLI AVVERSARI E BECCATO DAL PUBBLICO (VIDEO) Ha preso un cane per il collo e l'ha lanciato contro le recinzioni dopo essere stato sostituito. Mo...

25 Leoni salvati da un Circo senza pietà

TRASFERITI DA ADI IN UN SANTUARIO PER ANIMALI (VIDEO) Dal "carcere" alla libertà. E' la storia di 25 leoni che, dopo essere stati strappati ad un circo della...

Il latte pastorizzato è legato al cancro [Università di Harvard]

Dott.ssa Valeria Crea e Dioni Uno studio dell'Università di Harvard afferma che il latte pastorizzato prodotto a livello industriale è associato nel causare ...

Spot AGIP ENI: 2 min sfacciataggine menzogne

Licenza CreativeCommons: Scarica e ri-carica questo video su tuo canale! Fonte: http://www.youtube.com/watch?v=lUncWZFhLoc Facebook: http://t.co/vPGNjPFS Dai...