Informare per Resistere

Informare Per Resistere

Cucchi, la superperizia spegne la luce sul caso

Cucchi, la superperizia spegne la luce sul caso
dicembre 14
20:00 2012

- Checchino Antonini -

Sarebbe morto di fame e non di botte, secondo i consulenti della Corte. Ma non tutti sono d’accordo. Sarà scontro in aula il 19 dicembre

(immagine tratta da NON MI UCCISE LA MORTE graphic novel di Moretti e Bruno sul caso Cucchi, edito da Castelvecchi)

Morì per le botte prese, Stefano Cucchi, e l’abbandono nel repartino del Pertini oppure morì di fame e sete, immobilizzato per via di una caduta? Morì per un cocktail di malapolizia e malasanità (innsecato dal proibizionismo forsennato) oppure si vuole semplificare il composto velenoso scaricando tutto sull’incuria dei dottori? Sarà certo scontro tra periti dal 19 dicembre nell’aula bunker di Rebibbia perché le versioni restano due anche dopo la superperizia che è stata appena depositata. Tra gli esperti ci sarebbe chi avrebbe evidenziato la presenza di sangue sui frammenti ossei prelevati da alcuni segmenti di vertebre che, a dire della famiglia, sarebbero state fratturate durante il pestaggio. Un elemento che confermerebbe l’ipotesi di lesioni contestuali ai giorni dell’arresto e poi della morte. In contrasto con quanto avevano sostenuto i consulenti del pubblico ministero. Le fratture sui segmenti L3 ed L5 della colonna vertebrale risulterebbero molto prossime all’orario in cui il trentunenne romano, arrestato il per il possesso di una minima quantità di hashish, è morto il 22 ottobre del 2009. Il geometra di Torpignattara è stato pestato prima di arrivare in ospedale? Se le fratture fossero di un periodo diverso si sarebbe visto solo un callo osseo.

Il “piano”, però, sarebbe quello di affibbiare alle pessime condizioni ospedaliere l’intera operazione ma questo non dà conto delle ragioni del ricovero di Stefano Cucchi. Una tesi cui il pm sembra essere particolarmente affezionato visto che ha passato l’estate a cercare tracce di una frattura antica, risalente al 2004, di Cucchi e che su quella frattura “per sbaglio” si sono concentrate per un po’ le attenzioni dei periti nonostante le fratture diverse e nuove fossero a una manciata di millimetri da lì. Perché è stato nascosto in quel reparto carcerario dell’ospedale? Cucchi stava in un reparto adatto a pazienti stabili e non con patologie acute in corso. Chi ce l’ha inviato non poteva non sapere. Così almeno la pensa il sostituto procuratore presso la Corte di appello Eugenio Rubolino che con queste motivazioni, e con un ricorso di 15 pagine, ha impugnato davanti alla Cassazione la sentenza di assoluzione di Claudio Marchiandi, l’alto funzionario del Prap (Provveditorato regione dell’amministrazione penitenziaria), che ha sollecitato di persona il ricovero di Cucchi. Il pg, convinto della colpevolezza di Marchiandi, punta all’annullamento della sentenza d’appello per riportare l’imputato in aula davanti a un altro collegio. Perché il funzionario è l’unico dei tredici imputati del caso Cucchi a essere già stato processato. Per gli altri dodici coimputati – 3 guardie penitenziarie, 6 medici e 3 infermieri, il processo riprenderà, appunto, il 19. Sarebbe proprio il funzionario del Prap, per il pm, ad essersi agitato per tenere il detenuto «lontano da occhi e orecchie indiscrete» «consapevole che con quelle patologie era impossibile altrimenti ricoverare Cucchi in quel posto».

Ma la superperizia di 195 pagine, anziché districare i nodi, sembra rendere di nuovo opaca la scena del calvario di Cucchi. Le agenzie battono da stamattina stralci della perizia: «La causa della morte di Stefano Cucchi, per univoco convergere e dei dati anamnestico-clinici e delle risultanze anatomopatologiche, va identificata in una sindrome di inanizioni (atrofia da malnutrizioni, ndr)». «Il quadro traumatico osservato si accorda sia con un’aggressione, sia con una caduta accidentale, nè vi sono elementi che facciano propendere per l’una piuttosto che per l’altra dinamica lesiva». «I riscontri clinici riferibili alle lesioni alle lesioni risalgono al pomeriggio del 16 ottobre 2009 non contrastano con un’epoca di produzione di poco anteriore». «Nel caso di Stefano Cucchi i medici del reparto di medicina protetta dell’ospedale Pertini non si sono mai resi conto di essere (e fin dall’inizio) di fronte ad un caso di malnutrizione importante, quindi non si sono curati di monitorare il paziente sotto questo profilo, nè hanno chiesto l’intervento di nutrizionisti (o altri specialisti in materia) e, non trattando il paziente in maniera adeguata, ne hanno determinato il decesso». La sera del 17 ottobre 2009 «presentava uno stato di denutrizione importante che, di fronte alla di lui manifesta volontà di digiunare e di astenersi dal cibo, doveva immediatamente allertare i medici curanti. Anche pochi giorni di ulteriore astensione da alimenti e liquidi costituivano rischio concreto di un irreversibile aggravamento delle di lui condizioni. Il pericolo di vita del paziente si rende poi manifesto il 19 ottobre: in questo momento un trattamento terapeutico appropriato avrebbe consentito probabilmente il di lui recupero». In ogni caso «tutti i sanitari della medicina protetta del Pertini ebbero una condotta colposa, a titolo sia di imperizia, sia di negligenza, quando non di mancata osservanza di disposizioni comportamentali codificate».

Ma non si deve dimenticare, ricostruendo il quadro, che Stefano il giorno dell’arresto, s’era allenato in palestra e il giorno successivo, alla scandalosa udienza di convalida cui arrivò con le carte sbagliate (risultava essere un albanese di sei anni più anziano e senza fissa dimora), era già messo male, parlava a fatica e aveva segni che parevano di percosse, che diverse testimonianze riferiscono che si sarebbe lamentato del trattamento subìto, che dal Pertini tentò di mettersi ripetutamente in contatto con l’esterno. Non sapeva che fuori un muro di gomma di burocrazia impedì ai suoi familiari non solo di vederlo ma perfino di conoscere le sue esatte condizioni.

 

http://popoff.globalist.it/Detail_News_Display?ID=44023&typeb=0

Related Articles

Powered by Google+ Comments

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Add Comment Register



Your email address will not be published.
Required fields are marked *

Unisciti alla resistenza

facebooktwitterRSSyoutubeGooglePlusIcon

Gli articoli più letti

Informare Per Resistere TV

Indonesia: Produzione di carta e legno per le nostre case

L'olio di palma viene usato in diversi prodotti sia alimentari che cosmetici....Se avete la pazienza di vederlo tutto il video, le immagini parlano da sole.....

Impressionante esplosione notturna di fumi e polveri dall'ILVA di Taranto

MI COMUNICANO: "A MEZZANOTTE RIPRISTINIAMO LA LINEA "D" DELL'AGGLOMERATO..." MI APPOSTO CON LA MIA TELECAMERA AD INFRAROSSI E FILMO UNA LUNGA ED IMPRESSIONAN.

Kayapo espulsi con violenza dalle loro case. Invaderanno 400.000 ettari di foresta amazzonica

"Siamo contro l'invasione delle nostre terre. Siamo gli abitanti originari. L'uomo bianco ci sta costuendo intorno. Non ci piace questo. Vogliamo rispetto"" ...

La riserva frazionaria è il cuore del problema

Durante una arringa dell'europarlamentare Bloom contro le banche centrali, un difensore dell'Euro ha scelto di fare la domanda sbagliata. Licenza CreativeCom...

TTIP - Transatlantic Trade And Investment Partnership

Licenza CreativeCommons: Scarica e ri-carica questo video su tuo canale! Fonte: http://t.co/rJ3pRgyF Facebook: http://t.co/vPGNjPFS Daily: http://t.co/Pe345x83 YouTube: http://t.co/fWVRmBUPLa.

Chi controlla le redini? ENI, Nestlè, Unicredit Banca, Goldman Sachs. La sovranità monetaria?

Intervento di Carlo Sibilia sulle politiche bancarie che si nasconderebbero dietro la cosiddetta Unione europea che costringe all'unione monetaria Paesi euro...

Si butta davanti un treno per salvare il suo smartphone

Ringraziamo Fede Roperen per la comunicazione: Ragazza cade sulla metropolitana. La stazione della metropolitana in Itaquera a San Paolo e subito dopo l'inci...

Vigili del fuoco contro Polizia 2010/2013

Il manganello alzato dall'agente in tenuta antisommossa è puntato contro un vigile del fuoco. E' l'immagine divenuta in poche ore simbolo di una crisi profon...

Senato: No salvataggio Disoccupati ma spendiamo 53 Miliardi per CacciaBombardieri

Beppe Grillo: Al senato PD e PDL hanno votato NO al reddito di cittadinanza ma sono riusciti ad approvare l'acquisto degli F-35 cacciabombardieri per un cost...

M5S: On. Carlo Sibilia parla di Signoraggio, Moneta debito e MES

Intervento di Carlo Sibilia sulla visita che il presidente del Consiglio Enrico Letta ha in programma al parlamento europedo di Bruxelles Licenza CreativeCom...