Informare per Resistere

Unisciti alla resistenza

  • RSS
  • youtube
  • GooglePlusIcon

I più letti della settimana

Informare Per Resistere TV

Gli ultimi articoli di questa categoria

Informare Per Resistere

Era meglio lavorare nel Medioevo

Era meglio lavorare nel Medioevo
giugno 03
11:03 2015
I servi, nel Medioevo, lavoravano al massimo nove ore. E facevano delle pause, che persino secondo i loro padroni, erano dovute. I nostri antenati possono, in realtà, non essere stati ricchi, ma avevano abbondanza di tempo libero. E grazie al capitalismo siamo molto più schiavi di loro, da ‘The Overworked American: The Unexpected Decline of Leisure’  (Lo statunitense oberato di lavoro: l’inatteso declino del tempo libero).

“Il lavoratore si prenderà un lungo riposo al mattino; buona parte del giorno sarà trascorsa prima che venga al suo lavoro; poi deve fare colazione, come se non l’avesse fatta alla sua ora solita o altrimenti ci sono musi lunghi e mugugni; quando scocca l’ora abbandonerà il suo carico in mezzo alla strada e qualsiasi cosa stia facendo l’abbandonerà al suo stato, anche se molte volte si è guastata prima che torni; non può trascurare il suo pasto, qualsiasi pericolo incomba sulla sua opera. A mezzogiorno deve fare la pennichella, poi la sua bevutina nel pomeriggio, che consuma gran parte del giorno; e quando a sera arriva l’ora, al primo tocco dell’orologio getta i suoi arnesi e lascia il lavoro in qualsiasi stato o necessità si trovi.James Pilkington, Vescovo di Durham, circa 1570

Uno dei miti più duraturi del capitalismo è che avrebbe ridotto la fatica umana. Questo mito è solitamente difeso paragonando la moderna settimana lavorativa di quaranta ore con la sua omologa di settanta o ottanta ore nel diciannovesimo secolo. Il presupposto implicito – ma raramente espresso chiaramente – è che per secolo era prevalso lo standard di ottanta ore. Il paragone evoca la triste vita del contadino medievale, all’opera dall’alba al tramonto. Ci viene chiesto di immaginare l’artigiano specializzato in una soffitta fredda e umida che si alza prima del levar del sole e lavora alla luce di candela fino a tardi la notte.

lavoricontadi01Queste immagini sono proiezioni nel passato di modelli di lavoro moderni. E sono false.Prima del capitalismo la maggior parte delle persone non lavorava per nulla molto a lungo. Il ritmo della vita era lento, persino tranquillo; il ritmo del lavoro rilassato. I nostri antenati possono non essere stati ricchi, ma avevano abbondanza di tempo libero. Quando il capitalismo ha aumentato i loro redditi, si è anche preso il loro tempo. In realtà ci sono buoni motivi per ritenere che le ore lavorative a metà del diciannovesimo secolo costituiscano lo sforzo lavorativo più prodigioso dell’intera storia del genere umano.

Dobbiamo, perciò, assumere una prospettiva più a lungo termine e guardarci indietro non di soli cento anni, ma di tre, quattro, persino sei o settecento anni. Si consideri l’ordinaria giornata di lavoro nel periodo medievale. Andava dall’alba al tramonto (sedici ore in estate e otto in inverno), ma, come ha osservato il vescovo Pilkington, il lavoro era intermittente; prevedeva una sosta per colazione, per pranzo e per il consueto sonnellino pomeridiano, e per cena. A seconda del tempo e del luogo, c’erano anche pause per spuntini di metà mattina e metà pomeriggio. Questi periodi di riposo erano diritti tradizionali dei lavoratori, di cui godevano anche al picco dell’epoca del raccolto. Nei periodi di rallentamento, che costituivano gran parte dell’anno, il rispetto di orari regolari di lavoro non era usuale. Secondo il professore di Oxford James E. Thorold Rogers [1], la giornata lavorativa medievale non durava più di otto ore. I lavoratori che parteciparono al movimento per le otto ore alla fine del diciannovesimo secolo non fecero che “semplicemente battersi per recuperare l’orario di lavoro dei loro antenati di quattro o cinque secoli addietro”.

Un elemento importante di prova a proposito della giornata lavorativa è che era molto insolito che ai lavoratori servili fosse chiesto di lavorare una giornata intera per un signore. Una giornata di lavoro era considerata metà di un giorno e se un servo lavorava un giorno intero ciò era conteggiato come “due giorni di lavoro” [2]. Sono disponibili resoconti dettagliati della giornata lavorativa degli artigiani. Dai dati di Knoop e Jones sul quattordicesimo secolo risulta una media annua di nove ore (esclusi pasti e le pause) [3]. I dati di Brown, Colwin e Taylor relativi ai muratori suggeriscono una giornata lavorativa media di 8,6 ore [4].

1877_Sozarch_F_Fb-0016-02_GANZIl contrasto tra i modelli lavorativi capitalista e precapitalista sono assolutamente impressionanti riguardo all’anno lavorativo. Il calendario medievale era pieno di festività. Le feste ufficiali – cioè religiose – includevano non soltanto lunghe “vacanze” a Natale, Pasqua e a mezza estate, ma anche numerosi giorni dei santi e di riposo. Erano trascorsi sia in sobrie frequentazioni della chiesa sia in festeggiamenti, bevute e divertimenti. In aggiunta alle celebrazioni ufficiali , c’erano spesso settimane di astensione dal lavoro, per segnare eventi importanti della vita (nozze e funerali) così come eventi di minore importanza (inaugurazione di taverne, feste di Pentecoste, feste della birra [l’autrice utilizza qui termini, probabilmente medievali, di cui non ho potuto rintracciare il significato; la traduzione è largamente intuitiva – n.d.t.). Tutto considerato, il tempo libero per le feste nell’Inghilterra medievale occupava probabilmente un terzo dell’anno.  Dell’ancien régime francese è riferito che garantiva cinquantadue domeniche, novanta giorni di riposo e trentotto festività. In Spagna viaggiatori segnalarono che le feste coprivano in totale cinque mesi ogni anno [5].

Il tempo libero del contadino si estendeva oltre le feste sanzionate ufficialmente. Esistono prove considerevoli di quella che gli economisti la curva retrograda della domanda di lavoro, l’idea che quando i salari aumentano i lavoratori offrono meno lavoro. Durante un periodo di salari insolitamente alti (la fine del quattordicesimo secolo) molti lavoratori si rifiutarono di lavorare “per un anno, un semestre o per qualsiasi altro periodo consueto, ma solo a giornata”.  E lavoravano soltanto per i giorni necessari a guadagnare il loro reddito abituale, che in questo caso corrispondeva a circa 120 giorni di lavoro l’anno, per un totale probabile di sole 1.440 ore l’anno (questa stima presume una giornata di dodici ore, perché le giornate lavorate erano probabilmente quelle primaverili, estive e autunnali). Una stima del tredicesimo secolo rileva che intere famiglie contadine non dedicavano alla loro terra più di 150 giorni l’anno. Dati feudali dell’Inghilterra del quattordicesimo secolo indicano un anno lavorativo estremamente breve – 175 giorni – per i lavoratori servili. Evidenze successive relative a coltivatori-minatori, un gruppo che aveva il controllo del proprio orario lavorativo, indicano che lavoravano solo 180 giorni l’anno.

FONTI

[1] James E. Thorold Rogers, Six Centuries of Work and Wages (London: Allen and Unwin, 1949), 542-43.

[2] H.S. Bennett, Life on the English Manor (Cambridge: Cambridge University Press, 1960), 104-6.

[3] Douglas Knoop and G.P. Jones, The Medieval Mason (New York: Barnes and Noble, 1967), 105.

[4] R. Allen Brown, H.M. Colvin, and A.J. Taylor, The History of the King’s Works, vol. I, the Middle Ages (London: Her Majesty’s Stationary Office, 1963).

[5] Edith Rodgers, Discussion of Holidays in the Later Middle Ages (New York: Columbia University Press, 1940), 10-11. Vedasi anche C.R. Cheney, “Rules for the observance of feast-days in medieval England”, Bulletin of the Institute of Historical Research 34, 90, 117-29 (1961).

OTTO SECOLI DI ORE LAVORATIVE ANNUALI

TREDICESIMO SECOLO: Contadino maschio adulto, Inghilterra: 1620 ore.

[Calcolate dalla stima di Gregory Clark di 150 giorni per famiglia; presume 12 ore il giorno, 135 giorni l’anno per il maschio adulto (“Impatience, Poverty and Open Field Agriculture”, mimeo, 1986]

QUATTORDICESIMO SECOLO: Lavoratore generico, Inghilterra: 1440 ore.

[Calcolate dalla stima di Nora Ritchie di 120 giorni l’anno. Presume giornate lavorative di 12 ore. (“Labour conditions in Essex in the reign of Richard II”, in “Essays in Economic History”, a cura di E.M. Carus-Wilson, vol. II, Londra: Edward Arnold, 1962].

MEDIO EVO: Lavoratore inglese: 2309 ore.

[Stima di Juliet Schor di un lavoratore medievale medio che lavorava due terzi dell’anno per 9,5 ore il giorno].

1400-1600: Coltivatore-minatore, maschio adulto, Inghilterra: 1980 ore.

[Calcolate dalla stima di Ian Blanchard di 180 giorni l’anno. Presume giornate lavorative di 11 ore (“Labour productivity and work psychology in the English mining industry, 1400-1600”)  Economic History Review, 31, 23 (1978).]

1840: Lavoratore medio, Inghilterra: 3105-3188 ore.

[Sulla base di una settimana di 69 ore: ore da W.S.Woytinsky “Hours of labor”, in Encyclopedia of the Social Sciences, VOL III (New York: Macmillan, 1935); la stima inferiore assume 45 settimane l’anno; la stima superiore assume 52 settimane l’anno.]

1850: Lavoratore medio, USA: 3150-3650 ore.

[Sulla base di settimane di 70 ore; ore da Joseph Zeisel, “The workweek in American industry, 1850-1956”, Monthly Labor Review 81, 23-29 (1958). La stima inferiore assume 45 settimane l’anno; la stima superiore assume 52 settimane l’anno.]

1987: Lavoratore medio, USA: 1949 ore.

[Da “The Overworked American: The Unexpected Decline of Leisure”, di Juliet B. Schor, tabella 2.4.]

1988: Operai dell’industria, Inghilterra: 1856 ore.

[Calcolo da dati del Servizio Statistiche del Lavoro, Ufficio della Produttività e della Tecnologia.

 

Fonte : www.znetitaly.org

Tratto da: comune-info.net

 

Fonte articolo originale: groups.csail.mit.edu traduzione di Giuseppe Volpe per Z Net

 

Share

Pubblicato da

Informare per resistere

Informare per resistere

La vera libertà di stampa è dire alla gente ciò che la gente non vorrebbe sentirsi dire

Ti potrebbero interessare

Powered by Google+ Comments

3 Comments

  1. Vanurak Innizir
    Vanurak Innizir giugno 03, 21:15

    Mi pare una discreta cazzata, queste stime sono del tutto faziose e non tengono conto di una bella serie di cose.
    Inoltre, mai sentito che il medioevo è terminato nel 1492?
    Giusto per precisare. Se il capitalismo vi fa tanto schifo, perché scrivete su internet? Andate a vivere con gli Amish, loro lo rifiutano.

  2. Alberto Bagnoli
    Alberto Bagnoli giugno 06, 03:17

    un commento assolutamente fazioso…. questo vescovo Pilkington era sicuramente un amico di Renzi

  3. Antony Green
    Antony Green giugno 06, 10:31

    Se ci si informasse adeguatamente, si potrebbe scoprire che le tendenze generali odierne sono l’intensificazione del lavoro, l’introduzione di orari atipici(straordinari e notturni), il blocco della riduzione del tempo di lavoro abbinato alla necessità capitalistica di allungamento degli orari. La produttività del lavoro è ampiamente cresciuta, ma la durata settimanale e giornaliera del tempo di lavoro è rimasta inalterata da mezzo secolo ad oggi. Risultati sono l’aumento di disturbi nervosi, stati depressivi, ansie, dipendenze da droghe e alcolismo in un gran numero di lavoratori. Questa resistenza a ridurre l’orario di lavoro e la tendenza ad allungarlo da parte del Capitalismo è dovuta ad un accresciuta difficoltà nel processo di valorizzazione del capitale poiché vi è una riduzione del lavoro vivo e un aumento della parte tecnologica. Questo porta alla necessità del capitale di spremere al massimo il lavoro vivo residuo(fonte di profitto) in intensità e durata. Poi se inserisci anche gli straordinari, i doppi lavori, il lavoro notturno, il lavoro al sabato e domenica, i lavori a turni e quelli part-time noterai ancora meglio come il tempo di lavoro è cresciuto in intensità, oltre al fatto che orari instabili, variabili, incerti sono destrutturanti per i ritmi naturali del corpo e della mente. Non ho vissuto nel medioevo, ma so di certo che le condizione del lavoro attuali sono terrificanti. “Giusto per precisare” anche se il capitalismo mi facesse schifo posso benissimo scrivere su internet, vivere dove mi pare e magari cercare di cambiare un mondo che va a pezzi.

Only registered users can comment.