Informare per Resistere

Unisciti alla resistenza

facebooktwitterRSSyoutubeGooglePlusIcon

I più letti della settimana

Informare Per Resistere TV

Gli ultimi articoli di questa categoria

Informare Per Resistere

La scoperta delle onde gravitazionali del Big Bang conferma quella che fu l’intuizione del fisico gesuita Lemaitre

La scoperta delle onde gravitazionali del Big Bang conferma quella che fu l’intuizione del fisico gesuita Lemaitre
febbraio 11
16:46 2016

L’eco del Big Bang: il trionfo della ‘abominevole’ fisica della Genesi

Ma ormai la falsa contrapposizione tra fede e scienza è così diffusa che resiste anche alle smentite più documentate.

 

Come era giusto che fosse la notizia della rilevazione delle onde gravitazionali seguite al Big Bang ha avuto la massima visibilità, per avere una rapida idea di cosa siano le onde gravitazionali si può vedere un breve filamato realizzato dall’INFN:

Della notizia se ne sono occupati un po’ tutti i media, riportiamo su tutti l’articolo pubblicato su Le Scienze online “L’impronta delle onde gravitazionali sull’eco del big bang” che così presenta la scoperta:

Annunciata oggi ad Harvard la rilevazione degli effetti diretti delle onde gravitazionali sulla radiazione cosmica di fondo, l’eco fossile del big bang. La scoperta, effettuata grazie all’osservatorio BICEP in Antartide, conferma dal punto di vista sperimentale l’esistenza di questo tipo di onde previste dalla teoria della relatività generale di Einstein e rafforza la teoria cosmologica dell’inflazione, secondo cui l’universo appena nato avrebbe subito una rapidissima espansione

 

Si tratta della seconda conferma sperimentale dell’ipotesi sull’origine dell’Universo conosciuta col nome di Big Bang (la prima si ebbe nel 1964 con la scoperta della radiazione cosmica di fondo da parte di Wilson e Penzias) e proposta dall’astronomo gesuita George Lemaitre col nome originale di “teoria dell’atomo primordiale” che nel 1931 la propose per spiegare l’allontanamento delle galassie rilevato grazie al fenomeno del red shift. La teoria fu rigettata come “abominevole” da Einstein che vide in essa uno sfacciato tentativo di proporre in fisica il racconto della Genesi.

lemaitre-einstein

Parole non meno dure furono usate dal fisico  Arthur Eddington che definì “ripugnante” l’idea che l’Universo avesse avuto un inizio, per finire con l’astronomo Fred Hoyle che proprio in opposizione alla teoria di Lemaitre coniò in un ciclo di trasmissioni sulla BBC il termine derisorio di teoria del “grande botto” (Big Bang) che per ironia della sorte fu quello che poi passò alla storia.

Le onde gravitazionali sono insieme il trionfo di Lemaitre ed Einstein che le aveva previste nella teoria della Relatività Generale,  eppure, nonostante  il clamoroso esempio di Lemaitre, ci sarà ancora chi sosterrà che fede e scienza sono incompatibili e lo farà sulla base di vecchie leggende, nonostante quelle leggende siano ormai smontate anche da parte di ambienti che davvero non sono accusabili di simpatie verso il cristianesimo. Il riferimento è all’articolo pubblicato proprio nelle stesse ore sul National Center for Science Education (che ha come fine quello di difendere negli USA l’insegnamento dell’evoluzionismo contro i creazionisti)  intitolato “Why Did Cosmos Focus on Giordano Bruno?“.

L’articolo è ricco di riferimenti a documenti e citazioni che smontano il falso mito che Giordano Bruno sia stato condannato per le sue idee copernicane e che addirittura si possa annoverare tra gli uomini di scienza, eppure nei commenti i lettori del NCSE sono più realisti del re e si rifiutano di pensare che tra fede e scienza non vi sia conflitto.

Mentre Lemaitre trionfa (senza venire in genere ricordato) paradossalmente resta ancora lunga la strada per riportare la verità sul rapporto tra fede e scienza.

 

Fonte: www.enzopennetta.it

Share

Pubblicato da

Informare per resistere

Informare per resistere

La vera libertà di stampa è dire alla gente ciò che la gente non vorrebbe sentirsi dire

Ti potrebbero interessare

Powered by Google+ Comments

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Only registered users can comment.