Informare per Resistere

Unisciti alla resistenza

  • RSS
  • youtube
  • GooglePlusIcon

I più letti della settimana

Informare Per Resistere TV

Gli ultimi articoli di questa categoria

Informare Per Resistere

“Autistico dopo l’esavalente”: la famiglia chiede 4 milioni all’Asl di Teramo

“Autistico dopo l’esavalente”: la famiglia chiede 4 milioni all’Asl di Teramo
novembre 30
10:12 2016

E’ morto a 11 anni per una crisi respiratoria, due giorni dopo che l’avvocato aveva presentato in tribunale la denuncia contro la Asl. Il legale: “La battaglia prosegue”

– di Diana Pompetti per Il Centro

TERAMO. Le polemiche non danno mai risposte. Lo sanno bene i genitori che annaspano nel mare informe di notizie e sentenze sui vaccini. Lo sanno bene i genitori di Michele (useremo un nome di fantasia), morto ad 11 anni nel marzo scorso per una crisi respiratoria, due giorni dopo che la sua famiglia aveva presentato una denuncia contro la Asl di Teramo chiedendo un risarcimento danni di 4 milioni di euro. Perchè Michele aveva solo sei mesi quando – sostengono i familiari – dopo il secondo richiamo del vaccino esavalente “Infanrix Hexa” e quello anti morbillo, rosolia e meningite, gli venne diagnosticata un’encefalite post vaccinale caratterizzata dalla sindrome autistica.

«Quando il bambino ha iniziato a mostrare i primi sintomi è stato sottoposto ad innumerevoli esami e ricoveri ospedalieri che però non sono riusciti a trovare la causa della patologia da cui era affetto», racconta l’avvocato Dario Di Pietropaolo, legale della famiglia teramana, «è stato possibile giungere alla diagnosi solo dopo oltre quattro anni di pellegrinaggi tra diversi ospedali e dopo alcuni esami clinici molto specifici. Il nesso causale tra la patologia e i vaccini è stato poi confermato dalla commissione medica ospedaliera a cui i familiari si erano rivolti per chiedere l’indennizzo riconosciuto dalla legge 210 del 1992». Lo stesso indennizzo che, appena qualche giorno fa , una sentenza del tribunale di Milano ha riconosciuto a un bambino di 9 anni affetto da autismo e a cui nel 2006 fu iniettato il vaccino esavalente.

Lo stesso di Michele. «L’effetto sul piccolo e sulla famiglia è stato devastante», continua l’avvocato, «so che la somma richiesta può sembrare ad alcuni molto alta, ma nessuna somma potrebbe mai risarcire i danni subiti. Il risarcimento è stato calcolato sulla base delle tabelle di risarcimento usate dai tribunali e nel calcolo venivano previsti anche i danni futuri del minore che non avrebbe mai potuto lavorare e che avrebbe avuto necessità di cure costanti e continue 24 ore al giorno, anche per via delle gravi crisi respiratorie di cui era affetto. So che in alcune regioni è stata fortemente ripensata la politica vaccinale in età pediatrica e forse sarebbe il caso di ripensarla anche in Abruzzo. Io non sono un medico, ma voglio dire una cosa: sul foglietto che accompagna il vaccino viene sconsigliata la somministrazione se un bambino è allergico ad alcune di queste sostanze, ma non si possono conoscere le allergie di un bambino di appena tre mesi».

 

Fonte: Il Centro

Ti potrebbero interessare

Powered by Google+ Comments

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Only registered users can comment.