Il parroco di Scampia attacca Saviano: “Ci hai stancato, l’antimafia a tavolino non serve”

1
731

Don Aniello Manganiello, già parroco di Scampia, contro Roberto Saviano.

“Riconosco a Saviano –dice il sacerdote- il merito di aver raccontato in modo sistematico e chiaro le attività criminali che infestano la Campania, ma ha sempre ignorato il bene che comunque esiste nelle nostre terre. L’opinione pubblica preferisce le storie che aumentano l’adrenalina, le trame violente e criminali. E lo scrittore preferisce ignorare gli uomini le donne che rischiano ogni giorno per contrastare la cultura mafiosa e il degrado del territorio napoletano”.Watch Full Movie Online Streaming Online and Download

“Caro Saviano – continua il sacerdote- a Scampia ci sono stato come parroco e so di cosa parlo. Ti dico che non basta scrivere libri, fare antimafia a tavolino, ma occorre lottare per creare nuove condizioni di vita. Caro Saviano, siamo stanchi dei tuoi romanzi, delle produzioni cinematografiche e televisive. Siamo stanchi di Gomorra, vogliamo un’anticamorra delle opere. Anch’io sono stato minacciato di morte dai Lo Russo e ho rifiutato la scorta per stare in mezzo alla mia gente. Non chiedo altrettanto a Saviano, ma abbiamo bisogno di testimoni e non di maestri”.

Fonte: ArticoloTre

  • Manente

    Il coraggioso ed onesto Parroco di Scampia ha dato voce al pensiero ed al disgusto di milioni di italiani che ormai hanno compreso che Saviano è un “prodotto di laboratorio” della propaganda mondialista uscito dalle stesse officine che hanno creato le Femen, le Pussy-Riot, le “rivoluzioni colorate” ed il terrorismo jihadista: Le Ong del “guru” delle finanza criminale globalizzata George Soros che mentre manda Saviano in televisione per recitare i suoi sgangherati sermoni contro la camorra di Scampia, continua ad incamerare enormi profitti attraverso le sue banche offshore che sono il massimo collettore finanziario del traffico di stupefacenti di tutto il Sud America !