11 alimenti simili agli organi a cui fanno bene

0

Nella società di oggi, basata sulla scienza e sull’industria medica, ignoriamo spesso l’importanza per la nostra salute del cibo che consumiamo. Ippocrate disse:

“Fa che il cibo sia la tua medicina e la tua medicina sia il tuo cibo”

E si da il caso che molti alimenti freschi e naturali siano molto simili a organi e a parti del corpo specifici. Le credenze antiche, sulla base di ciò che oggi viene spesso definita come Scienza Intuitiva, stanno ritornando nuovamente alla ribalta e anche chi crede nella “Dottrina delle Firme” viene preso di nuovo sul serio.

La Signatura Rerorum (firma delle cose) affonda le sue radici nei tempi più antichi, quando guaritori, erboristi e maghi mettevano in correlazione le “firme” degli alimenti naturali e specifiche parti del corpo umano. Questa filosofia afferma che quei prodotti che assomigliano a determinate parti, possono essere utilizzati per il trattamento dei disturbi che affliggono quelle stesse parti.

Queste firme possono basarsi sul colore, la consistenza, la forma, l’aroma e l’ambiente in cui vengono coltivati. Le piante che crescono vicino o dentro l’acqua, venivano associate a patologie “bagnate” come tosse e raffreddore, mentre quelle che crescono in zone fangose o paludose venivano collegate alle escrezioni del sistema riproduttivo e respiratorio. La dottrina delle firme include un elenco di frutta e verdura che, se introdotte quotidianamente nella dieta, sono in grado di alleviare una serie di disturbi. Ecco alcune sorprendenti somiglianze tra alimenti e organi del nostro corpo.

POMPELMO – SENO

Pompelmi, arance e altri agrumi assomigliano molto alle ghiandole mammarie femminili e non a caso si prendono cura del movimento della linfa dentro e fuori dal seno. Il pompelmo contiene delle sostanze chiamate limonoidi, che hanno dimostrato di inibire lo sviluppo del cancro negli animali da laboratorio e nelle cellule del seno umano.

NOCI – CERVELLO

Le noci presentano una straordinaria somiglianza con il cervello umano, tanto da ricordare perfettamente i due emisferi, e sono riconosciute come uno dei migliori alimenti per il nostro cervello. Le noci sono un’ottima fonte di omega-3 e contengono a livelli elevati antiossidanti, acido folico (vitamina B9) e vitamina E. Prima di consumarle è importante immergerle e poi risciacquarle bene, per rimuovere i fitati e attivare gli enzimi utili all’assorbimento ottimale dei nutrienti.

CAROTE – OCCHI

Una fetta di carota risulta molto simile ad un occhio, con gli stessi modelli di linee che si irradiano dal centro, che fanno ricordare la pupilla e l’iride. Il beta-carotene, che dona alle carote il loro vivace colore arancione, aiuta a mantenere la vista in buona salute, protegge contro la degenerazione maculare e lo sviluppo della cataratta. Un consumo regolare di carote aumenta il flusso sanguigno diretto agli occhi, rafforzandoli e agendo come un tonico per la vista.

SEDANO – OSSA

Un gambo di sedano ricorda molto un osso. Questo vegetale è ottimo per la salute del nostro scheletro: contiene infatti il silicio, che contribuisce a rafforzare le nostre ossa. Un altro fatto curioso è che le ossa contengono il 23% di sodio, la medesima percentuale che si trova nel sedano. Se il corpo non riceve abbastanza sodio dall’alimentazione, allora utilizzerà quello immagazzinato nelle ossa. Questo può comportare un indebolimento e futuri problemi come l’osteoporosi.

POMODORO – CUORE

I pomodori assomigliano al cuore più di qualunque altro frutto e sono ricchi di licopene, ottimo nutriente per il cuore e per il sangue. Il consumo di licopene ha dimostrato di contribuire alla riduzione del rischio di sviluppare malattie cardiache. I pomodori rappresentano inoltre una grande fonte di vitamina C, fondamentale per la salute del cuore.

FUNGHI – ORECCHIE

Un fungo affettato presenta la forma di un orecchio umano e non è un caso che i funghi siano benefici per la salute dell’orecchio. Rappresentano anche un’ottima fonte di vitamina D, essenziale per la prevenzione della perdita dell’udito.

AVOCADO – UTERO

L’avocado ricorda la forma dell’utero e della cervice ed è in in grado di bilanciare gli ormoni e prevenire il cancro al collo dell’utero. E’ sorprendente come, se per un bambino ci vogliono esattamente 9 mesi affinché si sviluppi nel grembo materno, occorre lo stesso tempo all’avocado per trasformarsi in un frutto maturo.

ZENZERO – STOMACO

Lo zenzero si presenta molto simile allo stomaco e aiuta la digestione. Da secoli lo zenzero viene utilizzato come rimedio naturale per la salute dello stomaco. Il gingerolo, l’ingrediente che dà allo zenzero il profumo e il sapore forti, viene considerato come sostanza fitochimica con la proprietà di prevenire nausea e vomito.

UVA – POLMONI

Diversi tipi di uva assomigliano agli alveoli dei polmoni. Questi ultimi permettono all’ossigeno di passare dall’organo al flusso sanguigno. Una dieta ricca di uva fresca ha dimostrato di ridurre il rischio di sviluppare il cancro ai polmoni. Inoltre, i semi dell’uva contengono delle sostanze chimiche note come proantocianidine, che riducono la gravità dei sintomi dell’asma allergico.

PATATE DOLCI – PANCREAS

Le patate dolci presentano una sorprendente somiglianza con il pancreas e sono efficaci nel miglioramento delle sue funzionalità. Questo avviene poiché contribuiscono a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue. Le patate dolci sono anche naturalmente ricche di vitamina B6, che gli studi hanno dimostrato essere in grado di inibire la crescita del cancro pancreatico.

FAGIOLI – RENI

I fagioli hanno la stessa forma dei reni e un loro regolare consumo è in grado di aiutare a mantenere una buona funzione renale.

Fonte: Generazione Bio