Ecco cosa succede se mangi anacardi non salati tre volte alla settimana

0
anacardi

Anacardi: consumarli regolarmente fa bene anche alla salute

  • di Elle

Gli anacardi (o noci di anacardio), semi originari del Brasile, devono questo nome alla loro forma, che ricorda quella di un cuore.
Appartenenti alla categoria della cosiddetta frutta secca, si presentano come piccole noci con il seme, racchiuso all’interno del guscio, dal sapore dolce e oleaginoso.

Oltre ad essere degli snack gustosi, sebbene estremamente calorici, gli anacardi sono alimenti portentosi per le proprietà nutrizionali e per i benefici che sono in grado di apportare al nostro organismo.

Anacardi proprietà

Essi contengono una prevalenza di acidi grassi di tipo monoinsaturo (come quelli presenti nell’olio di oliva) per cui sono del tutto privi di colesterolo. Anzi, è proprio grazie agli acidi grassi monoinsaturi (come l’acido oleico e l’acido palmitico), che gli anacardi permettono di ridurre la percentuale di colesterolo cattivo (HDL) aumentando il tasso del colesterolo buono (LDL).

Ti potrebbe interessare anche Colesterolo alto

Presentano elevate quantità di sali minerali, in particolare ferro, potassio, magnesio e fosforo; più ridotto, invece, è l’apporto vitaminico, che comprende soprattutto vitamine del gruppo B e K.

Di seguito la tabella nutrizionale per 100 grammi:

Calorie                      554 Kcal
Proteine                      18 g
Carboidrati                  31 g
Zuccheri                       6 g
Grassi                         44 g
Fibra alimentare          3,3 g
Sodio                          12 g
Potassio                     660 mg

Per quanto riguarda gli acidi grassi, 100 grammi di anacardi contengono 8g di acidi grassi saturi, sempre 8g di acidi grassi polinsaturi e ben 24g di acidi grassi monoinsaturi.

I benefici degli anacardi

Come anticipato, inserire questo alimento nel nostro regime alimentare può assicurare diversi benefici. Vediamo quali sono.

Aiutano a tenere il cuore in forma

Diversi studi dimostrano che l’assunzione regolare di anacardi ha l’effetto di ridurre il cosiddetto colesterolo cattivo, ammesso che ci si trovi nel contesto di una dieta sana ed equilibrata.

Per assunzione regolare si intende comunque non più di tre/quattro volte alla settimana, con un prodotto di qualità e possibilmente non salato: l’assunzione eccessiva di questo tipo di frutta secca può infatti avere anche controindicazioni, visto che gli anacardi sono piuttosto ricchi di calorie.

Inoltre, gli anacardi contengono anche un acido oleico, che rende questa frutta secca particolarmente indicata per salvaguardare la salute del cuore e dei vasi sanguigni.

Ti potrebbe interessare anche Cuore: ecco perché devi stare molto attento a questi 6 sintomi

Utili per la salute degli occhi

Si tratta di un beneficio importante soprattutto per chi vive in ambienti urbani, con bassa qualità dell’aria. In questi contesti, infatti, i nostri occhi tendono a soffrire più frequentemente di infezioni.

Gli anacardi contengono un potente pigmento antiossidante chiamato Zeaxantina. Questo pigmento è assorbito prontamente e direttamente dalla nostra retina. In questo modo si forma uno strato protettivo sulla retina che previene i raggi UV dannosi e li protegge da agenti esterni. Piccole quantità di Zeaxantina contribuiscono a prevenire la degenerazione maculare senile negli anziani e mantenere la salute degli occhi.

Buoni per la pelle

L’olio ricavato dagli anacardi fa benissimo alla nostra pelle.  Si tratta di un olio ricco di selenio, zinco, magnesio, ferro e fosforo. Inoltre, sono grandi fonti di sostanze fitochimiche, proteine e antiossidanti.

Queste proprietà degli anacardi hanno anche altri effetti benefici. Ci si riferisce in particolare all’azione di contrasto che svolgono contro i dolori articolari e l’attività dei radicali liberi.

Ti potrebbe interessare anche Pelle liscia e levigata: ecco come ottenerla ogni mattina

Anacardi in cucina

In cucina si presentano a numerosi utilizzi: si possono consumare sia crudi che tostati, da soli o come ingrediente per la preparazione di ricette dolci o salate.

Suggerimento: si consiglia di limitarne l’assunzione a 3-4 volte a settimana all’interno di una dieta povera di grassi, di cui questi alimenti (che rientrano nella categoria della frutta secca) sono ricchi.

Questo articolo non si sostituisce in alcun modo al rapporto tra paziente e medico, esso ha una funzione divulgativa e non intende rappresentare una guida per automedicazione, diagnosi o cura. I suggerimenti e i consigli generali mirano esclusivamente a favorire nuove e migliori abitudini alimentare ed uno stile di vita salutare. Le patologie e alcuni stati fisiologici richiedono l’intervento diretto di un professionista, e la collaborazione del medico curante. E’ sempre opportuno il parere del medico prima di intraprendere cambiamenti sostanziali nelle abitudini quotidiane.

Fonte: Tutto Green