Australia: cyberbullismo, suicida a 14 anni. Il padre ai bulli: “Venite al suo funerale”

0
Kate Everett, supported by family after speaking to media at Casuarina Street primary school after Dolly Everett's memorial service in Katherine, Northern Territory.

Era una star della pubblicità. Drammatico post del padre ai bulli: “Venite al suo funerale”

Si è tolta la vita a 14 anni, ennesima vittima di cyberbullismo. L’Australia è sotto shock per il suicidio Ammy “Dolly” Everett, volto noto della pubblicità per essere stata all’età di sei anni la testimonial di una nota azienda produttrice di cappelli tipici, la Akubra.

Il padre Tick Everett, che ha rivelato i motivi del suicidio della figlia, in un post su Facebook ha invitato i bulli che hanno spinto l’adolescente a compiere il gesto estremo a venire domani al suo funerale per “assistere alla completa devastazione che hanno creato”. “Non saprete mai cosa avete fatto finché non sarete venuti – ha scritto – Dolly ha avuto la forza di fuggire da quello che lei pensava fosse il male di questo mondo, purtroppo non saprà mai il dolore e il vuoto immenso che ha lasciato“.

Everett ha sottolineato anche come “questa settimana sia stata un esempio di come i social media dovrebbero essere utilizzati e anche di come non dovrebbero” quindi ha aggiunto che “se possiamo aiutare altre vite preziose dallo smarrimento e dalla sofferenza allora l’esistenza di Doll non sarà stata inutile”.

L’adolescente, prima di suicidarsi, ha lasciato il disegno di una ragazza che danza, con la scritta “Balla, anche se la tua voce trema”.

La famiglia di Ammy ha lanciato la campagna #stopbullyingnow, che si è diffusa rapidamente sui social media, e vuole creare un fondo – il “Dolly’s Dream” – per aumentare la consapevolezza su bullismo, ansia, depressione e suicidio giovanile. Anche la storica azienda di cappelli, nata nel 1874, si è detta “scioccata e angosciata” dalla morte della ragazza. “Il bullismo di qualsiasi tipo è inaccettabile”, si legge in una nota. Secondo i dati del National Centre Against Bullying, in Australia un ragazzino su 7 è vittima di episodi di bullismo.

Fonte: interris