Bicarbonato di sodio: ecco cosa succede alle emorroidi quando lo usi così

0
bicarbonato di sodio per le emorroidi

Ecco in che modo possiamo trarre beneficio dalle infinite proprietà del bicarbonato di sodio per le emorroidi

Emergenza emorroidi? Cominciamo con psillio e bicarbonato articolo da SoluzioniBio

Non di rado, alcuni di noi sono affetti da emorroidi esterne. Prurito, gonfiore, dolore sono alcuni dei fastidi che condizionano negativamente la nostra routine quotidiana.

Gestire il problema non è sempre facile, un disagio altamente invalidante. Eppure la patologia emorroidale è frequente e diffusa tra molti di noi.

Contestualmente a una terapia mirata, possiamo seguire alcuni semplici consigli, e adottare rimedi per contrastare il disagio delle emorroidi esterne, alleviandone i sintomi e migliorando la nostra quotidianità.

Ecco in che modo possiamo trarre beneficio dalle proprietà del bicarbonato di sodio per le emorroidi.

Ti potrebbe interessare anche Ecco cosa fanno ansia e stress al nostro intestino e i 9 modi per rimediare

Bicarbonato di sodio per le emorroidi

Semicupi o bagni derivativi. Sfruttiamo la proprietà detergente del bicarbonato di sodio per le emorroidi.

Se le emorroidi esterne sono soprattutto causa di prurito anale, possiamo tenere in ammollo il sedere in acqua tiepida con due cucchiai di bicarbonato.

Premuriamoci di immergere completamente la zona anale infiammata, in modo da attenuare il fastidio pruriginoso e dare una sensazione di sollievo e freschezza. Possiamo effettuare questo semicupio un paio di volte al giorno.

Bevanda astringente. Rimedio utile in caso di emorroidi esterne causate da dissenteria.

Possiamo bere un composto di acqua e limone, sfruttando le proprietà astringenti di quest’ultimo, a cui aggiungeremo due cucchiaini di bicarbonato.

Qualora la diarrea avesse un’origine patologica dovuta a batteri, il bicarbonato fungerà da regolatore dell’intestino, ripristinando il nostro naturale equilibrio.

Se al contrario le emorroidi sono date da una stitichezza ricorrente ci viene in soccorso lo psillio, una pianta erbacea originaria del bacino del Mediterraneo e del Medio Oriente.

I suoi semi, a contatto con l’acqua, producono una mucillagine che aiuta a regolarizzare l’intestino e a rendere meno fastidiosa l’evacuazione in caso di emorroidi. Da prendere una volta al giorno, preferibilmente la sera.

Lavaggi quotidiani di prevenzione

Una soluzione di acqua e bicarbonato è indicata non solo nella fase acuta della patologia emorroidale, per via delle proprietà decongestionanti del bicarbonato, ma anche per una corretta igiene intima quotidiana.

Il bicarbonato è un sale debolmente alcalino. Per mantenere equilibrati i livelli di acidità delle mucose, ricordiamo di alternare i lavaggi con acqua e bicarbonato all’utilizzo di un detergente intimo delicato, emolliente e lenitivo.

Ecco dunque come un vecchio rimedio casalingo possa contrastare il disagio dovuto al rigonfiamento delle emorroidi: bicarbonato di sodio e relative proprietà contribuiranno ad attenuare dolore e infiammazione.

Queste indicazioni non vogliono e non possono sostituire il rapporto medico – paziente: se non funziona nel giro di qualche giorno, andate comunque dal vostro medico curante. Fonte: SoluzioniBio