Casalinga stipendiata, ecco perché pagare chi cresce figli migliora il mondo

0
casalinga

Casalinga e madre, non meriterebbe uno stipendio? di Dolors Massot, tratto da Aleteia

La preoccupazione per il calo demografico potrebbe diminuire se la società valorizzasse di più la donna che sceglie di dedicarsi alla famiglia

La donna che sceglie di portare avanti i compiti domestici e allo stesso tempo di essere madre viene in genere considerata inferiore a quella che lavora fuori casa.

Questo pregiudizio, diffuso in tutti i continenti, fa sì che molte donne rinuncino alla maternità anche se, come hanno verificato vari studi recenti, non è un impedimento reale per il suo lavoro, ha spiegato Consuelo León, direttrice dell’Osservatorio per le Politiche Familiari dell’Universitat Internacional de Catalunya.

Il “valore” di una mamma casalinga

“Alcuni studi sulla condivisione dei compiti in famiglia mostrano che il peso della decisione di essere madre e allo stesso tempo di lavorare non deriva dal carico di lavoro in casa, ma proprio dal riconoscimento e dalla valorizzazione sociale di questo lavoro”, ha indicato la León in una giornata sulla natalità svoltasi mercoledì scorso a Barcellona (Spagna).

La docente e ricercatrice crede che si dovrebbe dare valore sociale al compito di prendersi cura della famiglia, e che il miglior metodo per fargli acquisire l’importanza che merita è “dargli un valore economico”.

Viene chiamato il “conto satellite” degli Stati, perché è un pagamento pendente che riguarda milioni e milioni di donne.

In questo modo, guarderemmo forse le casalinghe con occhi diversi. Non avrei preparato il pranzo, ma avrei guadagnato 90 euro. Calcolando tutto in denaro ci sembrerebbe più importante?

Secondo la León sì, anche se ritiene pregiudizievole questo approccio e crede che non ci sia il pagamento di uno stipendio per le casalinghe perché una cosa è la cultura sociale e un’altra ciò che valorizziamo con i fatti.

Consuelo León sottolinea che ciò che conta è che ci si renda conto che nella società “è importante prendersi cura sia degli anziani che dei bambini. Per gli anziani ci sono politiche pubbliche o alla fine è la persona stessa che deve organizzare l’assistenza, mentre per i più piccoli non c’è nulla di stabilito o di previsto, per cui il peso ricade sulla moglie-madre”.

Per questo motivo, non è una sciocchezza cercare misure che valorizzino il lavoro della casalinga e madre, perché è verificato che è il fattore che determina di più se si vogliono figli o meno.

Lo studio di Delgado

“Lo studio sulla fecondità di Margarita Delgado, del 1999, lo colloca al di sopra dell’uso di anticoncezionali, dell’interruzione volontaria di gravidanza, dell’indice di nuzialità o delle convinzioni religiose”, afferma.

In conclusione, afferma l’esperta, se la donna percepisse un salario per i lavori in casa e per il fatto di essere madre, le preoccupazioni demografiche scomparirebbero perché lei avrebbe un’altra valutazione sociale.

Esistono esempi di buone pratiche statali al riguardo? “La Francia è uno di questi”, ha dichiarato.

“Ha avuto uno degli indici di natalità più bassi d’Europa, ma ha promosso consapevolmente una serie di aiuti e servizi pubblici che hanno invertito la tendenza”. Fonte: Aleteia