Clamoroso autogol di Striscia: il servizio a favore dei vaccini mostra tutto il contrario VIDEO

27

Il servizio è di Luca Abete. L’inviato di Striscia la notizia inizia parlando con una mamma che racconta di essersi recata, alla ventottesima settimana di gravidanza, in un centro vaccinale per fare un vaccino.

La signora riferisce che i medici l’hanno guardata “attoniti” e l’hanno rimandata a casa senza vaccinarla. La madre è dovuta tornare una seconda volta nel centro vaccinale e solo per le sue “insistenze“, i medici hanno deciso di vaccinarla.

Già qui dovrebbe sorgere una domanda: perché i medici si sono rifiutati di vaccinare una donna incinta? Invece Luca Abate si chiede: si tratta di un caso isolato o di un fenomeno diffuso? E così il servizio continua con una complice di Striscia che, munita di una videocamera nascosta, si reca in diversi centri vaccinali e, affermando di essere incinta, chiede di farsi un vaccino.

La prima dottoressa risponde: “no, noi non pratichiamo vaccini alle donne incinte“. La seconda: “non facciamo vaccinazioni a donne in gravidanza“.

Un terzo medico: “alle persone che già stanno in gravidanza, l’ok lo deve dare il ginecologo. Parte da lui la responsabilità“.

Secondo voi Luca Abete si chiede a quale responsabilità si riferisca il medico? Assolutamente no.

Quarto medico: “è in stato interessante e deve fare i vaccini? È strano“. La complice risponde: “strano? Quindi in gravidanza non si fa?” e il medico: “no“.

Al quinto la complice dice che il suo ginecologo le ha detto che il vaccino è un suo “diritto” ma il medico le risponde: “non è un diritto! Io come medico dico no, per me non va bene. Perché se tu ti vuoi esonerare dalla responsabilità, non me la prendo io… Quando un ginecologo si permette di dire una cosa, certificalo! Lui non scrive… e perché dovrei scrivere io? Cioè io sono un vaccinatore, non sono un esperto in ginecologia e di nascituro“.

Ancora una volta torna la parola “responsabilità” ma l’inviato neanche adesso si chiede il motivo… Invece prende la parola per dire che il medico vaccinatore “dovrebbe essere un esperto di vaccinazioni!”.

E infatti lo è, caro Abete. Sarà per questo che si rifiuta di vaccinare una donna incinta? Oppure ci dobbiamo fidare più di te che sei un giornalista e non di cinque medici che finora, all’unanimità, sono d’accordo nel non vaccinare donne in gravidanza?

Il servizio continua con un altro medico, il sesto, che dice: “il richiamo del vaccino, se la donna è incinta, come glielo faccio? Non lo può fare, no no no no no, non si può fare proprio“.

Poi il settimo, che usa un tono genitoriale: “non glielo faccio, no. Ma è incinta, figlia mia“. Allora la complice chiede quali siano i rischi. E il medico risponde: “i rischi di una malformazione al bambino, di una trasmissione di una malattia infettiva“.

L’ottavo medico: “io faccio il ginecologo da 30 anni ma io non mi sono mai permesso di dire a una donna che si deve fare in gravidanza il vaccino difto tetano pertosse“.

Il nono: “ma con tanto tempo disponibile, proprio in gravidanza si deve fare questa cosa?“.

Alla fine un medico accetta di fare il vaccino alla donna incinta. Uno su dieci. E Luca Abete conclude il servizio parlando di “vaccini contro la disinformazione”. Grazie Luca, tuo malgrado, con questo servizio, avrai aiutato tante mamma (e non solo) a riflettere bene prima di vaccinarsi. E complimenti pure a Striscia, che non si è resa conto di mandare in onda un clamoroso autogol.

AL CENTRO VACCINALE… il vaccino non si può fare!??

AL CENTRO VACCINALE… il vaccino non si può fare!??Nei CENTRI VACCINALI in provincia di Napoli e Caserta ignorano il piano nazionale emanato dal Ministro.Sentite cosa dicono ad una donna in gravidanza che vorrebbe proteggere il bimbo in arrivo dalla pertosse!#serveUNvaccinoCONTROľignoranza》》》GUARDA & CONDIVIDI《《《

Posted by Luca Abete – official page on Monday, December 4, 2017

  • Signor Carunchio

    Mutatis mutandis… mai avrei pensato che un giorno mi sarebbe toccato spezzare una lancia in favore di Striscia… vabbè, facciamolo:

    Tanto per cominciare questo articolo non dice che la signora del servizio di Striscia è alla 28° settimana: è importante specificarlo perché, essendo oltre il primo trimestre, ha superato la fase di embriogenesi durante la quale è preferibile evitare farmaci e può tranquillamente, salvo controindicazioni specifiche, procedere alla vaccinazione. Poi bisogna dire che in gravidanza sono sempre sconsigliati i vaccini con virus vivi attenuati (o, in alcuni inderogabili casi vanno somministrati sotto stretta sorveglianza), mentre il vaccino DPT (come anche l’antinfluenzale) di cui tratta il servizio è addirittura consigliato. Soprattutto per quanto riguarda la pertosse, il vaccino effettuato dalla madre ha una grandissima efficacia anche per il nascituro, a tal punto che è preferibile, meno rischioso e più economico vaccinare la madre durante la gestazione, che non il bimbo.
    Sulla sicurezza ed utilità di queste ed altre vaccinazioni in gravidanza ci sono prove ormai più che consolidate:
    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23713104
    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24794369
    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25173476

    Qui si trovano anche le tabelle, a cura dell’ISS, con i vaccini raccomandati e sconsigliati durante la gravidanza.

    • antonietta Gatti

      Bene, ma fino a ieri inmedici non erano i guru ai quali affidarsi senza fare domande? Adesso non sono al passo coi tempi e con la scienza? Insomma quando uno vuole portare acqua al suo mulino riesce a cambiare la corrente a piacimento. Sono gli stessi medici che raccontano che le vaccinazioni ai neonati sono innocue e sicurissime?

      • Signor Carunchio

        Signora Gatti, credo che i medici siano come tutte le altre categorie di lavoratori: ci sono quelli capaci, quelli incapaci, quelli che si attengono a giuste regole e norme, quelli che credono di essere dei padreterni e non lo sono, quelli che si mantengono aggiornati e quelli che non ricordano bene in cosa sono laureati.
        Quelli incappati nel servizio di Striscia hanno fornito prove più che sufficienti di che cosa sia l’analfabetismo di ritorno.
        E d’altronde non tutti possono essere così “avanti” da occuparsi persino di malattie misteriose.

        • Elia Marin

          La sfinge pone sempre tre quesiti. Il primo è quanti litri di acqua formano una mole, il secondo è quali vaccini sono costituiti da proteine di membrana e il terzo è quanto Wolframio si ottiene da un’oncia di Tungsteno

          • Signor Carunchio

            Solo poche ore fa concordavamo sul fatto che è meglio essere pacati, esplicativi, non sarcastici… quasi un fioretto.
            E ora? Come si fa?
            Finiremo all’inferno…

          • Elia Marin

            Sotto Natale poi, che figuraccia… Dev’essere tutto quell’alluminio…

      • Signor Carunchio

        Se lei me lo consente, approfitterei della sua presenza anche per chiederle un parere autorevole sulla vicenda che vede protagonisti il Codacons ed il Ministero della salute, e magari un commento sulle dichiarazioni che la riguardano, rilasciate da Anna Tampieri, direttrice dell’Istec.
        http://www.repubblica.it/salute/2017/12/04/news/vaccini_il_ministero_della_salute_querela_il_codacons_per_procurato_allarme-183031764/
        http://www.ilpost.it/2017/12/05/ministero-salute-querela-codacons-vaccini/

        • Elia Marin

          Ma non sai che è all’estero? Screanzato

        • antonietta Gatti

          grazie per le sue segnalazioni. sono in sudafrica a ritirare un premio. appena torno sconfesso Anna Tampieri.

      • Dott. Gatti lei parla a dei negazionisti foraggiati di partito… Il suo interlocutore è un famoso Sockpuppet di Butac, famoso sito della propaganda un tanto al chilo. A testtimonianza: https://www.google.it/search?q=Signor+Carunchio+butac&oq=Signor+Carunchio+butac&aqs=chrome..69i57.631j0j1&sourceid=chrome&ie=UTF-8 Guardi come nascondono la verità: Sperimentano nuovi vaccini anti-HPV su diverse migliaia di vittime inconsapevoli: 30.000 bambine indiane. Secondo Butac: Abbiamo cercato questa Sama, ma abbiamo trovato solo due ONG con questo nome, una che si occupa di giovani tossicodipendenti ed un’altra che riguarda bambini handicappati. Inoltre, ci colpisce il fatto che prendere le impronte digitali a persone, magari, analfabete e quindi incapaci di mettere la propria firma sia considerato offensivo, mentre è prassi comune in quei Paesi dove l’analfabetismo è diffusissimo. http://www.butac.it/il-bieco-bill-gates-e-le-vaccinazioni/ Miservoli, non esiste vero?
        http://www.samawomenshealth.in/memorandum-on-concerns-around-hpv-vaccines/ Questi negherebbero anche l’olocausto, se qualcuno li foraggiasse. http://www.dailymail.co.uk/news/article-2908963/Judges-demand-answers-children-die-controversial-cancer-vaccine-trial-India.html

        Li ho smascherati in queste discussioni dove cito anche lei è suo marito stimati professionisti a livello internazionale: https://disqus.com/home/discussion/ixr/burioni_criticato_giustamente_a_modena/#comment-3631749164
        https://disqus.com/home/discussion/gioialocati/vaccini_si_obblighi_no/#comment-3632231877
        Per tutta risposta il team si è organizzato per bloccare il mio profilo: Ecco come fanno: https://help.disqus.com/customer/en/portal/articles/1774987-user-flagging Miserevole vero? Lotto da mesi solo contro questi disagiati.
        Lei deve sapere che: Il Ministero della salute e l’Istituto Superiore di Sanità sponsorizzano un sito Internet chiamato VaccinarSì il cui scopo dichiarato dovrebbe essere quello di informare sulle vaccinazioni. Il Ministero della Salute versa a VaccinarSì la somma di 494.500,00 per fare propaganda e monitorarne il risultato. Assurdo, considerato che ci pensa già l’industria farmaceutica‬‬ (Farmindustria n.d.r.) http://www.vaccinarsi.org/patrocini.html Michelangelo Coltelli (maicolengel) che gestisce il sito BUTAC è l’autore del logo della rete TeamVaxItalia, mentre Alice Pignatti fondatrice dell’associazione “IoVaccino” si è occupata della grafica web.VaccinarSì ed IoVaccino di cui sopra fanno parte della rete TeamVaxItalia come il CICAP: https://www.sip.it/wp-content/uploads/2017/09/Le-risorse-social-per-la-promozione-delle-vaccinazioni.pdf “Bufale UnTantoAlChilo Mod dario • 5 mesi fa
        Ehi ragazzi, volevo avvertirvi, non è che per questo quantitativo extra d’informazioni che state inserendo sotto all’articolo poi sperate in un ritocco all’assegno del mese di giugno, eh? Che lo sapete che d’estate dobbiamo irrorare vaccini sulla penisola e i fondi solo al lumicino per gli straordinari. Conoscete la regola intervenire solo quando c’è un antivax in zona cesarini… Vi adoro, tutti! ” https://disqus.com/home/discussion/butac/il_dottor_jim_meehan_oftalmologo_8211_antivaccinista/#comment-3388804889 Praticamente dei spartani da tastiera foraggiati per seminare disinformazione provax. Legga questo articolo le si aprirà un mondo https://www.facebook.com/theCancerluigitosti/posts/1790929237587955
        Cordialmente

      • Hydra Viridis

        Bene, ma fino a ieri inmedici non erano i guru ai quali affidarsi senza fare domande?

        Direi proprio di no.

        ? Insomma quando uno vuole portare acqua al suo mulino riesce a cambiare la corrente a piacimento

        Diciamo che il risultato non è deterministico, ma certo uno può sempre provarci e vedere cosa succede. Cosa ne pensa ad es. dei risultati ottenuti con la campagna pro acquisto microscopio elettronico ?

        Sono gli stessi medici che raccontano che le vaccinazioni ai neonati sono innocue e sicurissime?

        Chi può dirlo se non si fanno nomi e cognomi precisi ?

    • Alberto Mastrogiovanni

      Io consiglio di vaccinare gli spermatozoi tu che ne dici ?

      • Questi darebbero il thiomersal ai neonati al posto del latte e il sale di alluminio al posto dei biscotti……. Sulla rivista del Journal of the American Medical Association JAMA è stato pubblicato nel 2014 uno studio a firma di Elyse O. Kharbanda, per verificare se la nuova pratica di vaccinare con il Tdap, le future mamme in gravidanza, comporta qualche esito negativo. Dal momento che questo vaccino contiene una grande dose di alluminio [0,5 mg] e un sostanza sterilizzante come il polisorbato 80 [≤100 mcg], gli effetti negativi dovrebbero presentarsi prevalentemente dopo l’infanzia. https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/1930817
        Questo vaccino inoltre contiene ben 25.000 volte in più il livello di mercurio rispetto a quello che legalmente dovrebbe essere contenuto nell’acqua,come dichiarato dall’ istituito dalla Environmental Protection Agency (EPA). https://www.naturalnews.com/045705_flu_vaccine_mercury_heavy_metals.html# Il dott. Jean Pilette membro del E.F.V.V. (European Forum for Vaccine Vigilance) il quale ci spiega che la dose massima ammissibile di metallo Al+++ nel plasma totale in un bambino di due mesi, è di 3,72 microgrammi e che nel Infanrix Hexa ne sono presenti ben 820 di microgrammi. Il dott. Pilette ha verificato che le dosi di alluminio che un neonato di 2 mesi riceve nel siero, tramite il suo primo vaccino esavalente risulterebbero:
        827 volte la dose di alluminio considerata normale;
        330 volte la dose di alluminio considerata come limite superiore;
        220 volte la dose di alluminio considerata come limite massimo;
        55 volte la dose di alluminio capace di provocare dei danni al sistema nervoso e
        33 volte la dose di alluminio capace di generare una encefalopatia.
        Questi vaccini sono prodotti dal gigante farmaceutico britannico GlaxoSmithKline (GSK) condannata in mezzo mondo ( https://it.wikipedia.org/wiki/GlaxoSmithKline#Condanna_per_frode_nel_2012 ). Dovrebbero solo vergognarsi per la loro propaganda gli ho fatto un bel ritratto in questa discussione se vuole ammirarlo: https://disqus.com/home/discussion/ixr/burioni_criticato_giustamente_a_modena/#comment-3631749164

      • Signor Carunchio

        Io consiglio di vaccinare gli spermatozoi tu che ne dici ?

        Io non dico nulla: sono un profano in merito. Però la dottoressa intervenuta qui sopra di spermatozoi ne sa parecchio: chiedi a lei.
        Spermatozoi infuocati: una scoperta italiana

        • Elia Marin

          Ti scrivo qui una cosa, tu sai benissimo dove avrei voluto postarla: “Mi sorge un dubbio da eretico: è deontologicamente corretto riportare un contenuto da una fonte senza sincerarsi che sia corretto? E non intendo “citare”, perché l’uso che ne è stato fatto differisce dal semplice testo riportato, è stata usata come fonte. Una competenza seppur minima sull’argomento trattato avrebbe evitato questa situazione e soffocato molti dubbi sorti sulla professionalità.

          Lo dico da scienziato, quindi da persona sottoposta a diverso iter: quello che scrivo io deve superare una revisione tra pari, una dichiarazione di conflitti di interesse, controlli incrociati sul copyright, l’approvazione di un editorial board e l’eventuale richiesta motivata di ritiro da parte dei coautori (prima) e dei colleghi (negli anni a venire).”

          • Signor Carunchio

            La tua domanda ha solo una possibile risposta:
            NO, non è corretto.
            Ed il fatto che tu lo dica da scienziato, obbligato ad un preciso iter, non esime chi scienziato non è dal comportarsi con similare correttezza ed attenzione alle fonti.

          • Elia Marin

            E dire che pensavo fossi io fuori dal mondo 😉

          • Hydra Viridis

            Stando dall’altra parte del mondo un pò è così eh..

          • Hydra Viridis

            OT lo sai che tirando in ballo l’opinione di Montanari a proposito dell’Innocenzi adesso Cikagiuro avrà un cortocircuito di quelli la cui puzza di bruciato l’avvertiranno sino in Mongolia e che tenterà di mostrarsi sveglio esibendosi in uno spettacolo pirotecnico di insulti ad libitum ? :DDD

          • Signor Carunchio

            Considerando la reazione, credo che la prima ad andare in corto sia stata proprio la padrona di casa.

          • Hydra Viridis

            E’ stata la mia prima impressione, si è stufata Carunchio, sei
            inopportuno, sempre a fare il precisino e pure OT, dillo che sei un
            troll prezzolato e falla finita :DD
            L’argomento del suo ultimo sforzo
            è “la Innocenzi è stata, porastella, accusata ingiustamente sì o no di
            aver confuso farmaci con vaccini ” ?
            (“ingiustamente” si suppone
            perchè essendo una giornalista, giustamente non è che ci si possa
            aspettare che di vaccini e farmaci ne capisca molto)
            Che c’entra il Montanari che della Innocenzi dice peste & corna ?
            E’ chiaro che uno poi si stufa, l’argomento è vaccini e conflitto di interessi, prendi esempio e cerca di rimanere in tema:
            1. “un futuro cupo ci attende: i robot sono alle porte (e la Chiesa tace) ” (cikagiuro)
            2.”.speriamo almeno che alle future coppie-robot-di-fatto sia vietato adottare bambini veri* (Marco L.)
            3. “chissà se daranno loro anche il diritto di voto…” (Idmone)
            4. “questo è il regno del principe delle tenebre” (Zelig)
            5.”Ps le ho cancellato il commento sulla terza bambina morta al Bambin Gesù di Roma 24 giorni dopo il vaccino” (la moderatrice)

          • Signor Carunchio

            Sbagli: mi ama. Sono sicuro.
            Mi viene a cercare alla prima occasione, mi nego dicendole che non sono documentato/interessato, insiste, mi presto, non la soddisfa il mio impegno, mi caccia.
            Un classico.
            Me la figuro in lacrime nella sua cameretta a domandarsi perché non può avermi.

            P.S.
            Ho apprezzato molto quel “Zelig “.

          • Hydra Viridis

            è deontologicamente corretto riportare un contenuto da una fonte senza sincerarsi che sia corretto?

            No, e di piu’ il codice deontologico prevede che il giornalista corregga il tiro qualora venisse a conoscenza da fonti affidabili che ciò che aveva inizialmente scritto era errato.

            Es. tu intervisti un tale che dice di essere un medico che applica il Metodo Bertoldo, divenuto noto per essere una bufala, a Boavista ma poi qualcuno scopre e ti fa notare che medico non è…il codice deontologico vorrebbe che tu correggessi ciò che hai scritto e ti scusassi per l’errore, ma tu che sei il giornalista che lo ha intervistato per non fare la figura del babbèo piagnucoli un “è colpa sua, è lui che mi ha mostrato i certificati” e però, affinchè ai tuoi affezionati lettori non sorgano dubbi sul fatto che tu bischero lo sia per davvero perchè ti sei fidato senza controllare le fonti, dai cotanta risposta per giustificarti e non correggi nulla di ciò che avevi scritto.

  • Chiedetevi come mai questa legge impone un obbligo, solo ai bambini? Come mai Medici o Professori non sono obbligati? Ottimo articolo, la verità i medici sono informati che i vaccini sono farmaci che comportano rischi per reazioni avverse con esiti di vario genere, fino alla morte. I dati, sconfortanti, li fornisce la Simpios, Società scientifica per la prevenzione delle infezioni nelle organizzazioni sanitarie, che ha interpellato un campione dei professionisti della nostra sanità pubblica. Tra i quali uno su tre «non ritiene certi i benefici dei vaccini e teme la possibilità di effetti avversi gravi dopo la vaccinazione». http://www.lastampa.it/2017/05/25/italia/cronache/e-ora-anche-i-camici-bianchi-dovranno-immunizzarsi-nILSPbdtD5eGuTx3rHH1hO/pagina.html

  • Ivana Riccio

    La gravidanza umana ha un termine di 40 settimane e la ventottesima non credo proprio rientri tra le “ultime settimane”, così come specificato. Un servizio di disinformazione, un giornalista che avrebbe potuto avere la scaltrezza di informarsi sullo sviluppo del feto e di passare il messaggio provaccinale in maniera piú convincente.

  • Sono assolutamente d’accordo con l’autore dell’articolo. Quei medici hanno sicuramente degli ottimi motivi per dire che la vaccinazione ad una donna incinta è pericolosa!!!! Luca Abete alla fine del video parla di “vaccino per la disinformazione”, ma quello dovrebbe farselo la Lorenzin, la ministra della salute diplomata, portatrice insana di fake news!!!