Conte alla Camera: “Rivendichiamo orgogliosamente di essere populisti”

0
CAMERA

“Se populismo significa restituire al popolo la sovranità, rivendichiamo orgogliosamente di essere populisti”. Giuseppe Conte durante il discorso alla Camera

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ha pubblicato sulla sua pagina Facebook il video delle comunicazioni alla Camera in vista del Consiglio Europeo che si terrà il 13 e 14 dicembre.

Conte all’interno del discorso si rivolge al Parlamento italiano per condividere alcune considerazioni in vista dell’incontro di martedì 12 dicembre a Bruxelles con la commissione europea:

“L’interlocuzione con l’Unione Europea in questa fase così significativa per la vita politica economica sociale del nostro paese è fondamentale”

Conte prosegue spiegando che i dialoghi non sono mai stati interrotti e che ha lavorato per avvicinare le posizioni e per spiegare in tutte le sedi la coerenza della manovra economica.

“Non andrò dunque a Bruxelles con un libro dei sogni, ma presenterò uno spettro completo del progetto riformatore dell’esecutivo”

Continua Conte rivolgendosi ai colleghi della Camera: “Mi confronterò sui numeri nella consapevolezza di essere in possesso dei dati macroeconomici per dimostrare che la manovra economica del governo è stata concepita conoscendo bene la realtà economica italiana ed è stata strutturata nei suoi contenuti per rispondere alle esigenze del Paese”.

Il presidente sottolinea come la manovra è strettamente legata ai vincoli imposti dall’unione europea e all’adesione da parte dell’Italia alla zona euro.

La conclusione del discorso alla Camera con una frase storica

Continuando il discorso alla Camera afferma che gli italiani hanno dato, dopo le elzioni, un mandato preciso al governo: quello di combattere l’impoverimento causato dalla crisi economica.

Accusa il processo di globalizzazione affermando che esso è la causa dell’impovermimento della popolazione.

Con il programma di governo abbiamo quindi individuato responsabilmente le misure concrete per invertire con decisione questa tendenza.

Il programma accanto alle misure a sostegno delle imprese e dei lavoratori, propone interventi di equità sociale necessari e anche sostenibili.

Si avvia alla conclusione del discorso con questa frase: “Questo non è populismo e se populismo significa ridurre lo iato tra popolo ed elite restituendo al popolo la sovranità, la pienezza della sovranità e rendendo il compito della rappresentanza realmente aderente alla tutela degli interessi rappresentati rivendichiamo di essere populisti

Se populismo significa restituire al popolo la sovranità, rivendichiamo orgogliosamente di essere populisti

Posted by Giuseppe Conte on Tuesday, December 11, 2018