Costituzione: il PD scende in piazza per difenderla, dopo averla smantellata. Ecco come e quando

0
Costituzione

Il PD che vuole difendere (adesso) la Costituzione fa ridere. Quella stessa Costituzione di cui ne ha fatta carta straccia?di Giuseppe Palma

Da Graziano Del Rio a Maurizio Martina, tutti gli esponenti del Partito Democratico stanno invocando il rispetto della Costituzione.

Lo hanno fatto sulle prerogative del Capo dello Stato (dimenticandosi però cosa dicevano – sul punto – quelli che la Costituzione l’hanno scritta) e lo fanno oggi al cospetto del Governo Conte che si è presentato in Parlamento per ottenere la fiducia.

Ma siamo proprio così sicuri che il PD possa ergersi a paladino della Costituzione? Vediamo i dati oggettivi che non possono essere contestati:

1. nel 2012, nel giro di appena una settimana (dal 12 a 19 luglio), il Pd espresse voto favorevole alla ratifica del famigerato Fiscal Compact, cioè quel Trattato intergovernativo (detto anche “Patto di bilancio europeo”) che prevede l’obbligo per gli Stati di fare ZERO spesa a deficit, di perseguire il pareggio di bilancio e di ridurre a ritmini serrati il rapporto deficit/Pil nella misura di un ventesimo ogni anno della parte eccedente il 60% del PIL.

In pratica una gabbia che castra definitivamente ogni possibilità di adottare politiche economiche espansive e che uccide le speranze non solo delle generazioni future ma anche di quelle attuali;

2. Sempre nel 2012, siamo nel mese di aprile, il Pd espresse (in seconda votazione) voto favorevole alla revisione costituzionale con la quale fu costituzionalizzato il vincolo del pareggio di bilancio, cioè – in altre parole – il Fiscal Compact fu fatto entrare in Costituzione (Legge costituzionale n. 1/2012) con la conseguenza che l’Italia ha cessato di essere uno Stato sovrano condannando a povertà perenne cittadini e imprese;

3. Tra la fine del 2011 e l’estate del 2012 il PD espresse voto favorevole alle due riforme Fornero, l’una sulle pensioni (che innalzò il tetto dell’età pensionabile a 67 anni creando il dramma degli esodati), l’altra sulla normativa in materia di lavoro riducendo – tra le altre cose – le ipotesi di tutela reale per il lavoratore (cioè riducendo le possibilità per il lavoratore di essere reintegrato nel posto di lavoro in caso di licenziamento dichiarato illegittimo);

4. Verso la fine della XVIesima Legislatura, durante il Governo Monti, il Pd espresse voto favorevole all’inversione dell’onere della prova (che passava dall’organo accertatore al cittadino) in materia tributaria, contravvenendo al principio costituzionale della presunzione di non colpevolezza;

5. Nel 2014 il Pd espresse voto favorevole alla Legge n. 183/2014 che introdusse il cosiddetto Jobs Act (con ampie deleghe al governo), cioè quel pacchetto di norme in materia di lavoro con le quali fu smantellato l’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori, rendendo il rapporto di lavoro precario e sottopagato, tant’è che ad un aumento dei posti di lavoro ne è conseguita una eccessiva precarizzazione del rapporto, con conseguente contrazione dei salari (dopo essere stati per circa sei anni al governo, a seguito della nascita dell’esecutivo giallo-verde Martina & Co. hanno proposto il salario minimo garantito, come se fino a ieri non fossero stati al governo).

Inoltre, il Jobs Act ha reso del tutto residuale (cioè una mera eccezione) la reintegra nel posto di lavoro del lavoratore illegittimamente licenziato;

6. Nell’aprile 2016 il Partito democratico approvava in via definitiva, e in seconda votazione, la riforma costituzionale Renzi-Boschi che prevedeva – tra le altre cose – la costituzionalizzazione del vincolo esterno Ue all’interno della parte riguardante la potestà legislativa del Parlamento.

Una riforma voluta dalle banche d’affari (JPMorgan vi dice qualcosa?) che fortunatamente quasi 20 milioni di italiani hanno respinto al referendum costituzionale del 4 dicembre 2016. Sul punto, consiglio la lettura del documento presentato dal Governo Renzi in Senato l’8 aprile 2014… davvero illuminante;

7. Dicembre 2016, Governo Gentiloni. Facendo leva sulla parte in cui l’art. 81 della Costituzione consente una deroga al vincolo del pareggio di bilancio, Pd e alleati votavano in Parlamento (a maggioranza assoluta) lo stanziamento di circa 31 miliardi di euro per il salvataggio delle banche, senza prevedere nè la restituzione dei soldi ai risparmiatori rimasti fregati, nè utilizzando mai la medesima procedura per perseguire i diritti fondamentali di cui alla Costituzione che oggi vorrebbero difendere.

Mi sono limitato a riportare solo alcuni casi. Ce ne sono tantissimi altri di esempi che avrei potuto fare, ma ho preferito limitarmi a quelli più gravi.

Negli oltre sei anni che vanno dalla fine del 2011 agli inizi del 2018 il PD ha totalmente smantellato alcuni dei principi inderogabili della Costituzione primigenia, quella stessa Costituzione di cui negli ultimi giorni ha chiesto a gran voce il rispetto da parte del Governo Conte, un esecutivo nato appena sei giorni fa e che solo ieri sera ha ottenuto il voto di fiducia di entrambi i rami del Parlamento.

Ora, alla luce di quanto sopra, dica il Partito democratico quale Costituzione intende (adesso) difendere. Grazie. Fonte: scenarieconomici.it