Depressione infantile, ecco cosa la alimenta

0
depressione

La mancanza di gioco alimenta la depressione infantile

  • di Jennifer Delgado Suárez

Siamo tutti conformisti, che ci piaccia o no. Fa parte della natura umana. Non potremmo vivere in società se non avessimo un lato conformista. Perché tutto scorra, è necessario un certo grado di conformismo.

La psicologia sociale riconosce due ragioni principali per essere conformisti. Una ha un carattere pragmatico ed è correlata al dominio delle informazioni. Ad esempio, pensiamo che se molte persone attraversano il Ponte A ed evitano il Ponte B, potrebbero sapere qualcosa che non conosciamo.

Per essere sicuri, è meglio che anche noi attraversiamo il Ponte A. In effetti, uno dei grandi vantaggi del vivere in società è che non dobbiamo imparare tutto per tentativi ed errori. Non dobbiamo cercare di attraversare il Ponte B e rischiare di cadere per renderci conto che non avremmo dovuto farlo. Se vediamo che altre persone lo evitano e sopravvivono, noi semplicemente le imitiamo. Questa si conosce come influenza informativa.

L’altro motivo principale del conformismo si basa sulla coesione del gruppo e sul desiderio di essere accettati dagli altri. Che lo vogliamo o no, dipendiamo in larga misura dagli altri. I gruppi sociali non possono funzionare se non c’è un certo grado di coesione tra i membri, il che implica anche un certo grado di conformismo del comportamento e obiettivi comuni.

Il conformismo consente a un gruppo di agire come un’unità coordinata piuttosto che come una somma di persone separate. Ecco perché tendiamo ad assumere le idee, le tradizioni e le abitudini dei gruppi a cui apparteniamo. Ciò promuove l’accettazione e consente al gruppo di funzionare come un’unità.

In questo caso, pensiamo che se attraversiamo tutti il Ponte A, è perché siamo “quelli del Ponte A”. E siamo orgogliosi di esserlo! Se qualcuno attraversa il Ponte B, forse lo fa perché non vuole far parte del tuo gruppo, quindi ti sembrerà strano, possibilmente pericoloso, ed è probabile che lo eviterai. Questo tipo di conformismo è chiamato influenza normativa.

Le influenze sociali e il conformismo non sono fenomeni negativi, o almeno non completamente. Ma a volte, la nostra tendenza al conformismo può farci dire o fare cose che non hanno alcun senso, o che possono persino essere dannose. E tutto ciò influisce, che ci piaccia o no, nell’educazione dei nostri figli.

Una norma sociale dolorosa che durò mille anni

Ogni cultura ha le sue norme sociali e le seguiamo fondamentalmente a causa delle conseguenze negative che implica l’essere diversi. In generale, la maggior parte di queste norme è positiva, ma alcune sono dannose o addirittura crudeli, come l’abitudine cinese di fasciare i piedi delle ragazze, tradizione conosciuta anche come “piedi di loto”.

Per circa mille anni, a partire dal X secolo, alle ragazze cinesi venivano fasciati i piedi. Normalmente la pratica iniziava tra i 4 ei 6 anni, i piedi delle ragazze erano fasciati con bende sempre più strette. Il processo prevedeva la rottura deliberata delle ossa delle dita dei piedi e dell’arco, per piegare le dita verso il basso, in modo tale che i piedi fossero molto più piccoli e conformi agli standard di bellezza dell’epoca.

Oltre ad essere un processo estremamente doloroso, le donne avevano anche difficoltà a camminare normalmente per tutta la vita. Questo procedimento poteva anche causare infezioni e più di una ragazza morì di cancrena.

Gli storici ipotizzano che questa pratica iniziò nel decimo secolo, quando l’imperatore Li Yu rimase affascinato dalla seducente danza di una delle sue concubine, alla quale erano stati fasciati i piedi. Così, altre signore della corte iniziarono a fasciarsi i piedi, e gradualmente la pratica si diffuse al resto della popolazione e divenne sempre più estrema. A metà del diciassettesimo secolo, la fasciatura del piede era così diffusa che la maggior parte delle ragazze e delle donne in Cina aveva i piedi piccoli.

Le uniche che riuscirono a sfuggire a questa pratica erano le ultime figlie e quelle che provenivano da famiglie molto povere, perché avevano bisogno di piedi forti per lavorare come serve o nei campi. Così, i piedi grandi diventarono un segno di appartenenza alla classe bassa, mentre i piedi piccoli facilitavano il matrimonio alle donne.

Più tardi vennero realizzate delle campagne per cercare di eliminare questa pratica, ma la norma sociale era così radicata che non ebbero molto successo. Le madri continuavano a fasciare i piedi delle loro figlie, non perché fossero “cattive”, ma proprio perché avevano delle buone intenzioni credevano che fosse un male necessario per facilitare la loro vita in futuro.

Fu solo ne diciannovesimo secolo, con l’arrivo delle idee occidentali, che le donne della classe alta smisero progressivamente di fasciare i piedi delle loro figlie, così all’inizio del XX secolo questa pratica secolare scomparì.

Norme sociali che influenzano le attuali pratiche genitoriali

Oggi non bendiamo i piedi dei bambini, ma ci sono altri modi in cui interferiamo con il loro sviluppo. Per natura, i bambini devono svilupparsi fisicamente, socialmente, emotivamente e intellettualmente attraverso il gioco e l’esplorazione, insieme ad altri bambini. Infatti, durante quasi tutta la storia dell’umanità, eccetto nei periodi di schiavitù o di lavoro infantile intensivo, i bambini trascorrevano gran parte del loro tempo giocando ed esplorando con altri bambini, lontano dalla costante supervisione degli adulti. Il gioco libero era la loro principale fonte di gioia e il modo naturale per imparare a diventare persone indipendenti, responsabili e competenti.

Solo 30 o 40 anni fa, era ancora comune che i genitori lasciassero che i bambini giocassero fuori casa, dove potevano trovare altri bambini e giocare a ciò che volevano. Tuttavia, negli ultimi decenni si sono gradualmente sviluppate una serie di norme sociali che impediscono questo tipo di gioco. E il dato curioso è che ci sono buone ragioni per credere che queste regole che limitano la libertà dei bambini siano una delle principali cause dei livelli record di depressione, ansia e altri disturbi mentali che proliferano tra i giovani d’oggi.

Dal 1950 ad oggi, i sintomi della depressione e dell’ansia nei bambini e negli adolescenti sono saliti alle stelle. Attualmente, l’85% dei bambini e degli adolescenti mostrano livelli di depressione e ansia molto più elevati rispetto agli anni 50. Tra il 1938 e il 1955, solo l’1% dei bambini soffriva di depressione infantile, tra il 2000 e il 2007 questa cifra ha raggiunto l’8%. Tra il 1950 e il 2005, negli Stati Uniti il tasso di suicidi tra i bambini sotto i 15 anni è quadruplicato. Forse privare i bambini del gioco libero con i loro pari fuori dalle quattro mura di casa è crudele come legare loro i piedi.

In effetti, è curioso che molti genitori riconoscano che i loro figli giocano all’aperto con altri bambini molto meno di quanto lo facessero loro quando avevano la stessa età. Molti di loro sono consapevoli dell’importanza del gioco libero, lontano da casa e con altri bambini. Tuttavia, affermano anche che è impossibile, soprattutto perché gli altri genitori non lasciano uscire i loro figli a giocare. D’altra parte, spiegano che se gli altri vedono i loro figli da soli in diverse occasioni, ci sono buone probabilità che informino i servizi sociali e concludano che sono genitori negligenti. Nel caso di questi genitori, la paura di ciò che gli altri possono pensare e la conformità con le norme sociali imposte, gli impedisce di dare maggiore libertà ai loro figli.

Non c’è dubbio che le norme sociali possono diventare imperativi morali e, quando ciò accade, è particolarmente difficile violarle. I giudizi morali prevalgono sul buon senso. Se una pratica è percepita come immorale o sbagliata, anche se non vi sono prove contrarie e la logica impone che in realtà sia utile, il conformismo ci farà seguire l’imperativo morale.

Uno studio particolarmente allarmante condotto all’Università del Michigan ha rivelato come la distribuzione del tempo nei bambini tra i 6 e gli 8 anni sia cambiata in poco più di un decennio. I più piccoli dedicano il 25% di tempo in meno al gioco, che è fondamentalmente diretto e con dispositivi elettronici, mentre il tempo di gioco all’aperto diminuisce del 25%. Al contrario, trascorrono il 18% di tempo in più a scuola, dedicano il 145% di tempo in più a fare i compiti e il 168% di tempo in più a fare shopping con i loro genitori.

Sfortunatamente, l’attuale norma sociale di protezione estrema dei bambini non è solo una regola sociale, ma è diventata anche una norma morale. Se i genitori non vigilano continuamente i loro figli o li lasciano con qualcuno, vengono visti male ed etichettati come negligenti.

In questo senso, uno studio condotto presso l’Università della California ha rivelato come i giudizi morali possono offuscare il nostro ragionamento. La ricerca ha coinvolto più di 1.500 adulti di origini diverse. Tutti lessero delle storie in cui un bambino veniva lasciato solo per un certo periodo di tempo. Ad esempio, in una storia, un bambino di 8 anni rimaneva da solo per 45 minuti, leggendo un libro in una caffetteria a un isolato di distanza dal padre. Dopo ogni storia, le persone dovevano valutare il grado di pericolo a cui quei bambini erano esposti mentre il padre era assente.

Sorprendentemente, molte persone hanno ritenuto che il bambino si trovasse in una situazione di massimo pericolo. Ma la cosa più curiosa, che denota un giudizio morale di fondo, è che le persone erano più propense ad aumentare il grado di pericolo quando sapevano che il padre aveva lasciato il bambino da solo deliberatamente. Il grado di pericolo diminuiva se la storia diceva che il padre era stato costretto a lasciare il bambino da solo a causa di un inevitabile incidente.

Tuttavia, questa percezione va contro la logica, che ci indica che se un padre lascia deliberatamente suo figlio da solo, è perché ha già soppesato i rischi e lo lascia in un posto sicuro mentre, se dovesse partire a causa di un incidente improvviso, non potrà prendere le necessarie precauzioni. Ma anche così, i partecipanti giudicavano contro il buon senso, applicando una regola morale: i bambini devono essere costantemente monitorati.

Certo, è importante assicurarsi che i bambini vivano in un ambiente sicuro, ma forse la paura per la loro sicurezza sta causando che passiamo dalla protezione all’iperprotezione. Forse non sarebbe così male che i bambini socializzassero con i loro coetanei negli spazi aperti, dove possono anche giocare a ciò che vogliono e avere l’opportunità di sviluppare le abilità sociali e l’Intelligenza Emotiva essenziali per la loro vita da adulti.

Fonti:
Gray, P. (2017) Social norms, moral judgment and irrational parenting. Psychology Today.
Thomas, A. et. Al. (2016) No child left alone: Moral judgments about parents affect estimates of risk to children. Collabra; 21: 1-15.
Foreman, A. (2015) Why foot binding persisted in China for a millennium. Smithsonian Magazine.
Gray, P. (2011) The Decline of Play and the Rise of Psychopathology in Children and Adolescents. American Journal of Play; 3(4): 443-463.
Twenge et al. (2010) Birth Cohort Increases in Psychopathology Among Young Americans. Clin Psychol Rev; 30(2): 145-154.
Hofferth, S. L. & Sandberg, J. F. (2001) Changes in American Children’s Time, 1981–1997, in Children at the Millennium: Where Have We Come From? Where Are We Going? Advances in Life Course Research; 6: 193–229.
Twenge, J. M. et. Al. (2000) The Age of Anxiety? The Birth Cohort Change in Anxiety and Neuroticism, 1952–1993. Journal of Personality and Social Psychology; 79: 1007–1021.

Fonte: Angolo della psicologia