Dopo 77 anni di separazione, una madre ritrova la figlia concepita durante uno stupro

0

L’aveva data in adozione, ha mantenuto il segreto per quasi 80 anni ma non ha mai perso la speranza di ritrovarla

Minka Disbrow aveva solo 16 anni quando nel 1928 ha vissuto il momento peggiore della sua vita. Lei e un’amica vennero assalite da tre uomini e stuprate. Incinta, Minka ha superato le difficoltà, ha dato la bambina in adozione, si è sposata e ha avuto altri figli – e ha mantenuto il segreto per 77 anni. Solo a 94 anni ha raccontato la sua storia ai figli e ai nipoti ed è riuscita a riabbracciare la sua prima figlia.

Minka viveva in una fattoria del South Dakota (Stati Uniti). Nascose alla madre quello che le era accaduto finché non percepì alcuni cambiamenti nel suo corpo. Fu allora che la madre dovette spiegarle come nascevano i bambini, cosa che la ragazza ancora non sapeva. Minka venne mandata in una residenza luterana per adolescenti incinte per nascondere la gravidanza. Partorì una bambina, la chiamò Betty Jane e la destinò all’adozione.

La vita è andata avanti. Minka si è sposata, ha avuto due figli e mantenere il segreto sullo stupro e la figlia è diventata un’abitudine. Ha svolto vari lavori e ha vissuto in diverse città finché non si è stabilita a San Clemente, in California.

Nel corso degli anni Minka ha scritto segretamente decine di lettere all’agenzia di adozioni alla quale aveva affidato Betty Jane. È riuscita a ottenere qualche informazione sulla figlia, ma poi la direzione dell’agenzia è cambiata e si sono persi i contatti.

È stato solo nel 2006, quasi ottant’anni dopo i fatti, che ha raccontato ai figli e ai nipoti quanto era accaduto, mostrando ai parenti una fotografia in bianco e nero della bambina che aveva tenuta nascosta per tutti quegli anni. “Siamo rimasti completamente scioccati”, ha riferito Cathy LaGrow, nipote di Minka, al sito TheBlaze. “Non avremmo mai immaginato che alla nonna fosse successa una cosa del genere”.

Una cascata d’amore”  

“È stata la sua fede che in tutti questi anni le ha permesso di mantenere la speranza che Betty Jane stesse conducendo una vita felice e avesse una famiglia unita”, ha affermato Cathy. Di fatto Betty – che ora si chiama Ruth Lee – si era sposata e aveva avuto dei figli senza sapere nulla delle circostanze del suo concepimento. Minka ignorava tutto.

Anche Ruth, che abita nel Wisconsin, cercava notizie sul suo passato. Quando nel 2006 le sono stati diagnosticati problemi cardiaci e alla cistifellea aveva ben poche informazioni da fornire ai medici sui suoi precedenti familiari. Ha allora avviato delle ricerche, e nelle carte relative alla sua adozione ha trovato molte lettere di Minka, che per decenni aveva chiesto informazioni della figlia senza ottenere alcuna risposta.

“L’affetto che affiorava da quelle lettere è stato come una cascata d’amore”, ha detto Ruth parlando del momento in cui ha scoperto tutto. Solo allora ha saputo di essere stata concepita durante uno stupro. Ruth pensava che i suoi genitori fossero due ragazzi che non avevano i mezzi per allevarla.

“Ho pensato: ‘Mio Dio, all’epoca già c’erano degli stupri?’ Non riuscivo a crederci. Provavo molta rabbia per quello che le era successo”, ha riferito Ruth. “Dopo quell’esperienza avrebbe potuto diventare una persona amareggiata, e invece l’ha resa solo più forte e le ha dato più fede, e questo è meraviglioso”.

L’incontro

Con l’aiuto del figlio, Ruth ha scoperto il telefono e l’indirizzo di Minka, rimanendo sorpresa per il fatto che fosse ancora viva. Si è fatta coraggio e ha telefonato alla madre. “È stato molto emozionante. Voleva sapere se avevo avuto dei figli e le ho risposto: ‘Sì, ne ho sei’. Voleva sapere tutto di loro”.

Minka è rimasta stupita quando ha saputo che uno dei suoi sei nipoti è un astronauta ed è stato quattro volte nello spazio. Lei e Ruth hanno allora deciso di incontrarsi. “Abbiamo pianto molto”, ha confessato Ruth. “Mi ha dato il dono della vita e il dono dell’adozione”. Le due si sono tenute in contatto fino alla morte di Minka, avvenuta nel 2014, a 102 anni.

“È stata un’esperienza così incredibile e surreale che a volte penso ancora che mi sveglierò e non sarà stato altro che un bel sogno”, ha aggiunto Ruth. “Non ho mai visto mia madre così felice”, ha affermato Dianna Huhn, figlia di Minka.

La nipote Cathy ha scritto un libro raccontando la storia della famiglia. The Waiting: The True Story of a Lost Child, a Lifetime of Longing, and a Miracle for a Mother Who Never Gave Up (L’attesa: la storia vera di una bambina perduta, una vita intera di attesa e un miracolo per una madre che non ha mai gettato la spugna) è stato pubblicato appena un mese dopo la morte di Minka.

Ecco il trailer del libro con delle immagini dell’incontro tra Minka e Ruth:

Fonte: Aleteia