Ecco cosa succede alla nostra ghiandola pineale se usiamo lo smartphone prima di dormire

0

Ecco perché dovresti spegnere tablet e smartphone un’ora prima di andare a dormire

Prima di cadere in un sonno profondo ormai quasi tutti non rinunciano a dare un’ultima occhiata al cellulare o a sfogliare un eBook sul proprio tablet. Non ce la sentiamo proprio di staccarci dalla tecnologia, neanche nel momento più rilassante della giornata quale quello di andare a dormire.

Ma bisogna tener presente che il nostro organismo viene negativamente influenzato da quest’abitudine, risentendone il giorno dopo ed il giorno dopo ancora. In che modo?

Un gruppo di studenti dell’Università di Buenos Aires ha condotto una ricerca per capire in che modo l’utilizzo dei cellulari influisca sulla qualità del sonno. Dopo aver eseguito dei sondaggi coinvolgendo giovani tra i 18 e i 29 anni, gli studenti hanno riscontrato che, anche se i partecipanti al sondaggio dichiaravano di aver dormito tra le 6 e le 8 ore al giorno, si sentivano stanchi e fiacchi. Ma come mai?

Andando più in profondità nel sondaggio si è scoperto che il 90% degli intervistati ha asserito che dorme con il proprio telefono cellulare accanto e il 70% ha dichiarato di usarlo prima di andare a dormire. Il problema sta nel fatto che:

– il riflesso della luce dello schermo sul bulbo oculare inibisce la produzione della melatonina, responsabile della regolazione del sonno: quindi le persone colpite impiegano più tempo ad addormentarsi e l’efficacia del riposo non è adeguata;

– dormire, invece, con i cellulari accesi nelle vicinanze non è ideale anche se lo schermo è spento, perché il cervello rimane in uno stato di allerta permanente a causa della possibilità dell’arrivo di messaggi e chiamate.

Conclusione? Gli autori della ricerca consigliano di spegnere il cellulare almeno un’ora prima di andare a dormire. È un semplice cambio di abitudine, ma allo stesso tempo risulta cruciale per migliorare la qualità del sonno.

Tratto da: Buzz story

Fonte