Gaza: sciolto il governo di Hamas

0
  • di Simone Pellegrini

L’annuncio del leader Haniyeh: “Ora i rappresentanti dell’Anp sono i benvenuti”. Ancora non è stata fissata una data per la visita di Abu Mazen

Dopo i proclami dei giorni scorsi, è giunto ora un passo concreto di Hamas verso la riconciliazione con al-Fatah a Gaza. Il leader del movimento islamista, Ismail Haniyeh, ha infatti annunciato lo scioglimento del governo di Hamas che controlla la Striscia. Le parole di Haniyeh

”Non solo abbiamo emesso un comunicato per annunciare lo scioglimento del Comitato amministrativo a Gaza, ma abbiamo anche preso misure di fatto ed il Comitato amministrativo non opera più”. Queste le parole di Haniyeh, al ritorno a Gaza dopo intense consultazioni in Egitto che hanno spianato la strada ad una riconciliazione con al-Fatah. Lo stesso leader di Hamas ha comunque puntualizzato che la sua organizzazione continuerà ad occuparsi della sicurezza, mentre cederà all’Anp la gestione delle questioni civili.

Anp “benvenuti a Gaza”. Haniyeh ha quindi aggiunto che i rappresentanti del governo dell’Anp di Rami Hamdallah “sono i benvenuti a Gaza”. Con il termine di ‘Comitato amministrativo’ Haniyeh si riferiva al ‘governo ombra’ messo a punto a Gaza alcuni mesi fa da Hamas in aperta polemica con il presidente dell’Anp Abu Mazen, che aveva replicato a sua volta con una serie di sanzioni.

Secondo fonti locali, è previsto per l’inizio della prossima settimana l’arrivo dei rappresentanti del governo palestinese guidato da Hamdallah. Ancora non è stata fissata, invece, una data per l’arrivo nella Striscia di Abu Mazen. Quest’ultimo – riferiscono sempre fonti locali – ha espresso soddisfazione per la decisione di Hamas, sebbene non abbia ancora ordinato lo scioglimento di una serie di sanzioni attuate contro il “governo ombra” di Gaza. Haniyeh più gradito di Abu Mazen

Il Palestinian Center for Policy and Survey Research ha diffuso un sondaggio dal quale emerge che in un eventuale testa a testa elettorale tra tra Abu Mazen e Ismail Haniyeh sarebbe quest’ultimo a spuntarla, con il 50 per cento dei voti contro il 42. Ciò testimonia il calo dell’indice di gradimento verso Abu Mazen, il quale tre mesi fa era al 45 per cento. A Gaza il leader di Hamas vincerebbe con il 62% dei voti mentre in Cisgiordania i due sarebbero molto vicini: Abbas al 45 e Haniyeh al 42. Per quanto riguarda i partiti, invece, Fatah sarebbe avanti a Hamas di oltre 6 punti, 35,6 a 29,1.

fonte: interris