Volevano comprare del gin al Lidl ma trovano questa cassiera: finisce male

2
lidl

Provano a comprare gin da Lidl, cassiera chiama la polizia: “Avevano due figli minorenni” – di Biagio Chiariello

La famiglia Sprake si stava recando ad una festa e si è fermata in un supermercato della nota catena a Waterlooville, nell’Hampshire, per comprare un alcolico. La cassiera però si è rifiutata di vendergliela e poi ha chiamato gli agenti.

Una cassiera di un supermercato Lidl in Regno Unito si è rifiutata di servire una bottiglia di gin ad una coppia sposata perché in compagnia della figlia di 14 anni, finendo con l’intervento della polizia.

Jackie Chandler, 41 anni, e suo marito Gary Sprake, 43 anni, stavano facevano shopping con le loro figlie di 11 e 14 anni.

In procinto di recarsi ad una festa, hanno acquistato anche un alcolico. Al momento di pagare, la cassiera ha chiesto la carta d’identità alla loro figlia maggiore, Ella-May, e quindi si è rifiutata di vendere la bottiglia dato che non aveva più di 18 anni.

l signor Sprake avrebbe anche tentato di acquistare il gin separatamente, ma il personale si è di nuovo opposto alla vendita.

A quel punto l’uomo ha voluto parlare con un superiore che ha prontamente difeso la “politica di identificazione” di Lidl, prima di chiedere alla famiglia di lasciare il supermercato “altrimenti sarò costretto a chiamare la polizia”.

Acquistano l’alcolico da Lidl ma qualcosa va storto

E un agente è effettivamente arrivato presso il negozio di Waterlooville, nell’Hampshire. “Non riesco ancora a credere di essere stata cacciata fuori” perché “non stavamo facendo nulla di male” ha detto Jackie.

La donna ha detto di aver assicurato alla cassiera che “non avremmo mai permesso ad Ella di bere alcol”, ma la donna ha risposto: “non fa alcuna differenza, deve avere comunque un documento”.

Gary ha aggiunto: “Siamo stati vittime della stupidità”. E ancora: “Quelli di Lidl dovrebbero vergognarsi di loro stessi. Se avessi un bambino di quattro anni, non potrei prendere un drink? E se tornassi in quel negozio – cosa improbabile – non potrò comprare alcolici perché sanno che ho una figlia?” si chiede il 43enne.

Un portavoce di Lidl ha difeso la politica di identificazione del negozio. “Non è mai nostra intenzione che un cliente resti insoddisfatto in alcun modo, tuttavia ci impegniamo a vendere alcolici in modo responsabile. Sebbene queste azioni possano apparire eccessivamente caute, sosteniamo i nostri colleghi nell’usare il loro giudizio per sostenere la nostra politica Think 25 e, laddove vi sia qualche elemento di dubbio, prendere la decisione giusta. In nessuna circostanza tolleriamo comportamenti offensivi nei confronti dei nostri colleghi”.

La polizia dell’Hampshire ha confermato di essere stata chiamata su una “controversia in corso” presso il negozio Lidl locale. Fonte Fanpage