I PRIMOGENITI SONO PIÙ INTELLIGENTI DEI FRATELLI

0

– di Barbara Pedretti –

Se avete fratelli minori,è giunto il momento di fargli sapere la verità!
I ricercatori dell’Università di Edimburgo (Uk) e dell’Università di Sydney (Australia), hanno condotto uno studio in cui emergerebbe che i fratelli maggiori sono più intelligenti.
I figli primogeniti sono piu acuti ed ottengono punteggi superiori nel test del QI (quoziente intellettivo) già in tenera età.

Inoltre uno studio condotto all’università di Harvard evidenzia che la maggioranza degli iscritti è composta da primogeniti, portando alla luce una propensione maggiore allo studio e ad una carriera brillante.
Questi dati sono strettamente correlati al ruolo genitoriale, determinante il metodo di approccio e di crescita messo in atto.
Infatti si ritiene che il primo figlio giovi di un sostegno intellettivo ed emotivo più scrupoloso, sono più seguiti ed usufruiscono di attenzioni particolari.
I secondogeniti sono esposti a comportamenti più rischiosi e ad un irrisorio numero di controlli, ma la differenza concreta si evidenzia profondamente con la carenza di “attività di stimolo”, quali lettura, lavoretti manuali e giochi dediti alla crescita.

I figli nati per secondi ma cresciuti come primogeniti, per esempio perché il fratello maggiore era morto durante i primi anni di vita, risultano avere un QI più alto. La medesima cosa accade nel momento in cui ci siano terzogeniti con entrambi i fratelli più grandi deceduti; il loro QI medio risulta addirittura più alto di quello di un primogenito.
A fare la differenza è quindi l’approccio educativo.
Il divario si accentua all’interno di famiglie numerose, dove la differenza di QI tra il primo e l’ultimo nato è di circa 3 punti.

Esiste anche un’altra scuola di pensiero, “l’ipotesi biologica”, che attribuisce un’importanza fondamentale alle condizioni ottimali della prima gravidanza.
In dettaglio: la madre ha una fascia di età più bassa e di conseguenza esposta a minori rischi per la propria salute e quella del feto, in effetti la probabilità di una gravidanza patologica aumenta corrispettivamente con l’età della gestante.
In sintesi, una gravidanza fisiologica e priva di complicanze si traduce in migliori prestazioni intellettuali ed emotive con basi solide per il bambino.
La qualità dei nove mesi di gestazione stabilirà parte dei talenti genetici.

Fonte: Gravidanza, amore ed emozione