Fuoridalleuro, ecco che fine ha fatto il sito 5stelle contro la moneta

0
Fuoridalleuro

Il sito Fuoridalleuro? In vendita

  • di Robert Vignola

Fu lanciato in rete da Beppe Grillo, ora il dominio è a disposizione per tremila dollari

Fuoridalleuro.com è in vendita. Ed è davvero un’immagine poco confortante per chi ha creduto che il vento del cambiamento potesse essere illuminato da cinque stelle. Proprio così: il sito lanciato dal Movimento e a lungo sponsorizzato da Beppe Grillo, è tra i domini disponibili all’acquisto. Eppure era stata la piattaforma dalla quale, appena qualche anno fa, si proponeva, attraverso oceaniche raccolte di firme, l’indizione di un referendum (peraltro senza alcun valore politico, vista la costituzione che esplicitamente vieta consultazioni su trattati internazionali) sulla moneta unica.

Leggi anche: Di Maio: “L’Italia resterà nell’Ue e nella Nato”. L’antipolitica al servizio immediato dei poteri forti

Fuoridalleuro: le firme per l’uscita

Siccome però la rete ricorda tutto, o quasi, c’è anche traccia di quando sul blog allora beppegrillo.it (nel frattempo la bibbia on line dei penta stellati è diventato ilblogdellestelle) venne data notizia in pompa magna (“è una giornata storica”) della consegna delle firme.

Finite dove? Probabilmente a questo punto al macero, a dispetto delle pagine con i banchetti, con gli eventi regione per regione e sulle modalità per partecipare che trovarono pronti tanti cittadini. Adesso c’è Luigi Di Maio, che ha confermato alle prime consultazioni al Qurinale una politica tutta diversa: “Con noi al governo l’Italia resterà alleata dell’Occidente nel Patto atlantico, nell’Unione europea e monetaria: è questo l’obiettivo”, le parole esatte recitate davanti ai taccuini e ai microfoni dei cronisti.

Leggi anche: 5stelle e il Governo al servizio dei poteri eurotecnocratici

E fuoridalleuro.com? è in vendita per tremila dollari e poco più. Ha insomma il cartello al collo. Come qualcun altro che non vede l’ora di salire in qualche palazzo. Perché l’euro, in fondo, gli piace. Forse ancor di più se è nelle sue tasche.

Fonte: IL GIORNALE D’ITALIA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here