Incendi di Atene causati da armi laser, ecco l’ultima teoria del complotto Video – Foto

1
incendi di atene

Non comuni piromani ma nuove armi tecnologiche avrebbero causato gli incendi di Atene, questa la teoria che gira sui social.

Gli incendi che hanno iniziato a devastare la Grecia lunedì 23 luglio stanno innescando accese discussioni sui social network.

Non è la prima volta che succede. Anche a ottobre dello scorso anno, quando a bruciare fu la California, in rete giravano foto e commenti simili.

Il motivo è che gli internauti non si spiegano alcune anomalie che è possibile osservare nelle foto che vengono condivise sul web.

Alcuni hanno paragonato gli incendi della Grecia con ciò che si verificò a Canneto di Caronia, in Sicilia, nel 2004.

All’epoca una serie di strani incidenti colpì gli abitanti del paese tanto che le forze dell’ordine furono costrette a evacuarlo.

Le indagini scoprirono che gli incendi non erano stati causati da forze naturali (il vicino Etna, ecc.) ma da forze elettromagnetiche.

La protezione civile, allora, controllò tutte le apparecchiature tecnologiche nel raggio di cinque chilometri ma senza trovare alcuna anomalia.

Della vicenda si è occupata anche Focus, che ha realizzato il filmato che potete vedere qui sotto. Al minuto 18:10 potete ascoltare l’ex Coordinatore della Protezione Civile che dice:

«Gli incendi potrebbero essere stati generati da una qualche sperimentazione di tecnologie nuove, di natura industriale o militare».

Dopo cinque mesi i fenomeni sono terminati e gli abitanti di Canneto sono stati fatti rientrare nelle loro case. Ma nel 2014 sembra che gli incidenti siano ricominciati. A dirlo è un deputato del Movimento 5 Stelle:

Cosa c’entra questa storia con l’attuale situazione in Grecia? Secondo alcuni gli incendi di Atene sarebbero stati causati da armi a microonde o armi laser.

Incendi di Atene causati da armi laser?

Effettivamente le armi laser esistono. Ne parlano anche sul sito della CNN (clicca qui). E scrivono:

«L’arma laser scioglie il motore del furgone da un miglio di distanza. Lockheed Martin ha testato con successo il suo nuovo prototipo laser facendo un buco in un motore di un furgone a più di un miglio di distanza».

Anche l’ANSA ha parlato delle nuove armi a microonde che presto saranno impiegate per salvarci dai terroristi (clicca qui).

Se siete curiosi di sapere come queste nuove tecnologie a microonde possano essere utilizzate contro i terroristi, il video qui sotto lo spiega benissimo:

Ma perché gli internauti hanno pensato che queste armi siano state utilizzate per innescare gli incendi di Atene? Perché avrebbero notato alcuni dettagli anomali.

Ad esempio il fatto che si sarebbe sciolto l’alluminio di alcune automobili mentre gli alberi circostanti non avrebbero preso fuoco. Un uomo scrive, a commento della foto riportata in basso:

«L’alluminio si scioglie a 700 gradi, basta vedere le prime evidenti tre auto. Peccato che il verde, a soli 7/10 metri sia integro».

Una signora invece commenta così quest’altra foto: «C’è qualcosa che non quadra in questa foto… Alberi sani non bruciati e macchine disintegrate e case di fronte intere».

Diversi post corredati di foto hanno ricevuto centinaia di reazioni. Uno ha superato le 900 condivisioni, e dice:

«Macchine non solo bruciate ma con i cerchioni sciolti (servono oltre 700 gradi per far questo) mentre gli alberi intorno sono integri. Questa si chiama guerra con armi ad energia diretta non incendio!».

Le due foto fake

Infine oggi sono iniziate a girare altre due foto, che sembrerebbero confermare l’ipotesi del complotto. Eccole:

Qualcuno le ha spacciate come foto scattate in Grecia durante gli incendi, foto che mostrerebbero proprio una sorta di laser…

Invece si tratta di due immagini del Michigan, e risalgono a gennaio di quest’anno. Potete controllare su questo sito.

Complotto o bufala? Decidete voi, io ho solo voluto raccogliere alcuni dati che circolano in questi giorni.

Perché a prescindere da come la pensiate, la notizia nella notizia è che migliaia di persone, in questo momento, stanno parlando di armi laser…