Incendio nel parco Nazionale del Vesuvio: le immagini del disastro dall’elicottero – Video

1
  • di Pietro Di Martino

Pensando a quanto è appena accaduto nel parco Nazionale del Vesuvio, ai vari incendi sparsi per la Campania, in Sicilia, e buona parte della nostra amata Penisola, la prima domanda da porsi è: come è possibile che al mondo ci siano persone così irresponsabili e menefreghiste? Oltre che stupide, s’intende. Delinquenti, sicuramente. La domanda che sorge subito dopo è: lo Stato dov’è? Perchè la stupidità, il menefreghismo e l’irresponsabilità di un delinquente possono essere tutte prevedibili; l’assenza di uno Stato, no!

Qualcuno avrà da obiettare, certo, ma quando parlo di “assenza” il riferimento è a quella innata capacità, tutta italiana, di non prevenire con leggi e disposizioni, situazioni come quella che stiamo vivendo. Basti pensare alla riforma Madia.
Regioni depotenziate, pratiche burocratiche interminabili, soppressione del Corpo Forestale dello Stato, incorporamento e smantellamento dei presidi. Ecco gli effetti della riforma. Il risultato? Elicotteri dell’antincendio boschivi costretti a restare a terra.

A tal proposito il coordinatore nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli, dichiara: “Su 32 elicotteri antincendio del Corpo Forestale solo 4 sono operativi a causa della disgraziata riforma Madia, che ha accorpato la Forestale ad altre forze di polizia; 16 sono stati dati ai Vigili del Fuoco, 16 ai Carabinieri, ma, a causa della riforma e per mancanza di brevetti e adeguamento degli stessi ai criteri dei nuovi Corpi a cui sono stati assegnati, ben 28 elicotteri sono a terra inutilizzati”. La soppressione del Corpo Forestale, di fatto, ha indebolito il presidio sul territorio.

Chiariamo: le responsabilità della tragedia sono evidentemente da attribuire a chi ha voluto innescare i roghi. Prevenire non è del tutto facile ma, che lo Stato non sia in grado di reagire, stupisce, e non poco.

Da poche ore finalmente l’esercito. Intanto, la procura di Torre Annunziata (provincia di Napoli) ha aperto un’inchiesta per stabilire le cause dell’incendio che si è sviluppato alle pendici del Vesuvio “perchè di origine dolosa”. Staremo a vedere se almeno la giustizia, potrà ristabilire quel senso di responsabilità che lo Stato ha completamente smarrito e delegato ai soli cittadini per bene.


CONDIVIDI
Articolo precedenteStiamo vincendo – di Stefano Montanari
Prossimo articoloIl Parlamento svedese ha votato contro tutte le vaccinazioni obbligatorie. Ecco le motivazioni
  • Oscar Cattaneo

    Incompetenti al timone !!!
    Per quel che riguarda tutti o quasi gli apparati statali mi pare abbastanza evidente che
    troppi burocrati tanto autoreferenziati quanto incapaci si siano costruiti purtroppo
    le loro nicchie di privilegi e da queste determinino immeritatamente e con pessimi risultati
    gli eventi . Purtroppo il buon senso non appartiene a costoro..