Ingerisce schiuma da barba per giocare con lo slime: c’era metanolo nel sangue della bimba morta

0
  • di Enrico Tata

Nel corpo della piccola di 9 anni deceduta all’ospedale Bambino Gesù di Roma, ha confermato l’autopsia, c’erano massicce tracce di metanolo, una sostanza alcolica altamente tossica per il nostro organismo. La bimba avrebbe ingerito della schiuma da barba del padre, utilizzata per fare lo ‘slime’ in casa.

Avrebbe ingerito la schiuma da barba che il papà aveva in casa. Questa la possibile causa, secondo gli inquirenti, della morte della bimba di nove anni deceduta lo scorso 13 ottobre all’ospedale Bambino Gesù di Roma.

Nel corpo della piccola, ha confermato l’autopsia, c’erano massicce tracce di metanolo, una sostanza alcolica altamente tossica per il nostro organismo. Di solito viene utilizzata come solvente e come carburante. Stando all’ipotesi del procuratore aggiunto Nunzia D’Elia e del pm Maurizio Arcuri, la piccola potrebbe aver ingerito la schiuma mentre stava giocando e sarebbe quindi morta per avvelenamento. Ulteriori esami, comunque, saranno effettuati per capire se la piccola aveva qualche tipo di malattia congenita, che comunque non è emersa dall’autopsia.

In particolare la schiuma da barba sarebbe stata utilizzata per fare lo ‘slime’, un gioco molto diffuso tra i bambini che si può comprare o fare in casa. Si tratta di una sorta di gelatina estendibile che può essere manipolata.

Avrebbe ingerito per gioco la schiuma da barba del padre

Stando a quanto scrive Fulvio Fiano sul Corriere della Sera, occorre fare però due precisazioni: “non ci sono al momento prove della relazione tra i valori del sangue alterati e il decesso della bambina — che ha sofferto di due attacchi di cuore senza avere mai avuto patologie specifiche — e non ci sono cause legate al gioco in sé. Si sarebbe trattato, nel caso, di un decesso quanto mai accidentale, forse un’allergia”. La bimba si era sentita male a casa sua, a Matera, lo scorso 5 ottobre, ed era stata portata al pronto soccorso dell’ospedale cittadino. I medici hanno in seguito alle analisi che hanno riscontrato la presenza massiccia di metanolo hanno deciso il trasferimento all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, dove la bimba è deceduta. La procura sta indagando per omicidio colposo, ma per ora nessuno è stato iscritto nel registro degli indagati. Vicino a casa sua non sembrano esserci fabbriche, diserbanti o comunque potenziali fonti di metanolo e per questo l’ipotesi più probabile rimane questa: la schiuma da barba del papà.

Fonte: Fanpage.it