Ius soli, Alfano: “Nessuna obiezione ma serve una valutazione di opportunità”

1

Il ministro degli Esteri al Meeting di Cl: “Ap ha già votato a favore ma faremo emendamenti. Elezioni in Sicilia? A destra più veti che voti”

“Nessuna obiezione di merito sullo Ius soli”. E’ stato chiaro il ministro degli Esteri, Angelino Alfano che, intrattenendosi con alcuni cronisti a margine del suo intervento al Meeting di Comunione e liberazione a Rimini, è tornato a parlare della discussa legge che faciliterebbe il riconoscimento della cittadinanza per gli stranieri nati in Italia.

Secondo il leader di “Alternativa popolare” bisogna parlare di “opportunità”, precisando che Ap ha già datato il suo voto favorevole alla riforma che, dopo l’estate, dovrebbe riprendere l’iter di approvazione in Senato, dopo l’interruzione decisa da Gentiloni un mese fa. A tale proposito, Alfano ha precisato che le uniche osservazioni verranno presentate “in alcuni emendamenti molto importanti”, chiedendo “una valutazione di opportunità perché le cose giuste fatte al momento sbagliato rischiano di diventare sbagliate”.

Alfano: “La missione è coprirci al Sud”

Nel corso della sua relazione alla Fiera di Rimini, il ministro si era soffermato su argomenti quali l’immigrazione e il terrorismo, richiamando la Nato a un diverso atteggiamento nel Mediterraneo: “Abbiamo un’importante missione, quella di coprirci al Sud. La Nato è nata guardando a Est e quella è la sua missione fondativa, ma ora occorre una sua proiezione verso il Sud e in particolare verso il Mediterraneo. Questo compito la Nato già lo svolge ma secondo noi serve una rafforzata difesa europea: noi siamo per rafforzare la difesa europea e difenderci meglio nel fianco sud. Rafforzando la presenza europea non in una logica di antagonismo ma di complementarietà con la Nato”. Questo anche in virtù dell’elevata allerta terrorismo: “È chiaro che il rischio zero non esiste, ma noi lavoriamo e fino ad ora siamo riusciti in un obiettivo che fino ad ora i fatti dimostrano essere stato drammaticamente straordinario: avere coniugato rigore ed umanità. È il risultato italiano che non intendiamo cestinare”.

Verso le regionali

Ma, con l’orizzonte delle elezioni regionali siciliane sempre più imminente, Alfano ha parlato anche dell’approssimarsi di Ap e del suo candidato,Fabrizio Micari, alla tornata elettorale, spiegando che “in Sicilia sembra sempre più emergere a destra una prevalenza più dei veti che dei voti di Salvini e Meloni. E questo è oggettivamente un problema per i moderati. Se anche in Sicilia che è una classica terra di moderati comandano gli estremisti, diventa tutto più complicato”.

fonte: interris

  • Andrea Fabiano

    Il popolo sa e comprende molte più cose di quei politici che stanno svendendo il popolo italiano, quello dei loro stessi padri e madri, futuro sostegno dei loro stessi figli. “Non è lo Stato che crea un popolo, ma un popolo (il popolo) che crea lo Stato”. Alfano, insieme con i propugnatori dello Ius Soli e della invasione islamica o non lo sa o fa finta di non saperlo (che è pure peggio). L’identità non si acquista e nessun potere (a meno che i suoi detentori non si sentano assurti alla
    dimensione divina, che di questi tempi è pure possibile visti i “frutti” del momento) la può nè vendere nè regalare, tanto meno imporre . L’identità è strettamente connessa alla cultura di un popolo e della personalità di base di ogni individuo che appartiene a quella cultura.