Ecco le 15 categorie di lavoratori che andranno in pensione prima

0
pensione

La lista di categorie di lavoratori che non andranno in pensione tardi

  • di Davide Falcioni

Ecco le 15 categorie di lavoratori esentate dall’aumento dell’età pensionabile a 67 anni a partire dal 2019. 

Per 15 categorie di lavoratori che svolgono mansioni particolarmente faticose è stato predisposto un decreto attuativo di esenzione dall’aumento dell’età pensionabile a 67 anni a partire dal 2019. Per tali categorie, infatti, il limite massimo rimarrà di 66 anni e sette mesi e anche in caso di ulteriori aumenti dell’età per andare a riposo potranno godere di un “vantaggio” di cinque mesi sugli altri lavoratori. “Firmato da Giuliano Poletti il decreto che esenta 15 professioni gravose da adeguamento età pensionabile a speranza di vita. Il sistema pensionistico non va scardinato. Vanno protette le fasce più esposte della società”, ha annunciato su Twitter il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

Ti potrebbe interessare anche: Cascais, il mio paradiso. Se sto qui la mia pensione arriva senza trattenute

Pensione: le categorie di lavoratori esentati dall’aumento dell’età pensionabile

Da oltre due mesi governo e sindacati avevano individuato le categorie da esentare dall’allungamento dell’età pensionabile: si tratta di operai dell’edilizia e della manutenzione degli edifici, operai dell’industria estrattiva, conduttori di gru o di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni,  conduttori di convogli ferroviari e personale viaggiante, conciatori di pelli e pellicce, conduttori di mezzi pesanti e camion,  personale delle professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni, addetti all’assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza,  insegnanti della scuola dell’infanzia ed educatori degli asili nido, personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia, facchini e addetti allo spostamento merci, operatori ecologici e altri raccoglitori e separatori di rifiuti, operai agricoli,  marittimi, pescatori e operai siderurgici di seconda fusione.

Come spiega Stefano Patriarca, tecnico di Palazzo Chigi, l’accordo, “consente di allargare la platea dell’Ape sociale e dei precoci per il 2018 e permette nel 2019 e 2020 il pensionamento senza il previsto adeguamento alla speranza di vita a circa 49.800 lavoratori”.  Questi numeri, spiega ancora Patriarca, “vanno ad aggiungersi ai 69.400 lavoratori che potranno usufruire o dell’Ape sociale (che consente l’uscita dal mercato del lavoro anche con 4 anni di anticipo) o pensionarsi con 41 anni di contributi a qualsiasi età”. Complessivamente, quindi, “tra il 2017 e il 2020 circa 119.200 persone potranno, se vorranno, anticipare l’uscita dal mercato del lavoro senza nessuna penalizzazione della pensione. Tutto ciò con un intervento finanziario a carico dello Stato coerente con le necessità di stabilizzazione finanziaria del bilancio pubblico”.

Fonte: fanpage.it news