La rivoluzione del dentista: onorari secondo lo stato del bisogno

1

«Così come tutti abbiamo diritto di mangiare, tutti abbiamo diritto di avere i denti sani. Il mio lavoro è togliere il mal di denti, e se qualcuno non può permetterselo va aiutato».

Nicolas Dessypris è un dentista di Genova che da anni offre le sue prestazioni ai pazienti con un tariffario che non è uguale per tutti, variando in base al reddito. Come spiega il dottor Dessypris a Genova24.it : “Non si possono far pagare cifre esorbitanti a persone che vivono con meno di 500 euro al mese, come pensionati, disoccupati, studenti, ma non solo. Anche solo pensarlo è vergognoso”.

Il dottore ha aderito all’accordo siglato dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, dall’Andi e dall’Oci nel luglio 2009 per offrire prestazioni odontoiatriche a prezzi calmierati alle persone in difficoltà. La proposta è nata dall’Associazione dei dentisti, ma il medico era già famoso per la sua sensibilità verso i pazienti colpiti dalla crisi.

Il cartello esposto fuori dal suo studio non lascia dubbi: “Onorari secondo lo stato del bisogno a operai, pensionati, contadini, studenti, artigiani e artisti”. Ve lo mostriamo:

Il dentista ha creato un vero tariffario in base ai redditi: scontro del 10% per chi guadagna meno di 20 mila euro all’anno, del 20% per redditi inferiori ai 15 mila euro, del 30% fino a 12 mila, del 40% fino 10 mila e del 50% per i redditi inferiori a 5 mila.

I dentisti sociali aderenti all’iniziativa sono circa 5.000 e come dice il dottor Dessypris: “Credo che si possa fare sempre di più e che il numero di aderenti debba aumentare per poter aiutare un maggior numero di persone in difficoltà”.

  • losgomento

    Dottore le voglio bene