L’ANFITEATRO CAMPANO, secondo per dimensioni solo al colosseo – VIDEO

1

L’anfiteatro Campano o anfiteatro Capuano, è un anfiteatro di epoca romanadella città di Capua, oggigiorno sito a Santa Maria Capua Vetere, secondo per dimensioni solo al Colosseo, al quale probabilmente servì come modello essendo stato, verosimilmente, il primo anfiteatro del mondo romano. Fu sede della prima e rinomatissima scuola di gladiatori.

Ha un posto di grande importanza nella cultura classica e moderna, e nell’immaginario collettivo a livello mondiale, per essere stato il luogo da cui il gladiatore Spartaco guidò nel 73 a.C. la rivolta che per due anni tenne sotto scacco Roma negli anni immediatamente precedenti il primo triumvirato.

Dopo la caduta dell’Impero romano d’Occidente, l’anfiteatro fu distrutto dai Vandali di Genserico e, durante la guerra di successione del Ducato di Benevento dell’841, dai Saraceni insieme alla città. Servì come fortezza per i principi longobardi di Capua (per approfondire, vedi principato di Capua). A partire dalla fine del IX secolo, fu ampiamente depredato dagli stessi capuani successivamente al trasferimento della Civitas Capuana dal sito d’epoca romana (Capua antica) a Casilinum, l’attuale Capua, in particolare per la creazione del Castello di età longobarda, fu utilizzato come cava di marmo e di materiali nella costruzione del Duomo, del campanile e di molti palazzi della Capua attuale e più tardi per la chiesa dell’Annunziata della stessa città. Lo smantellamento dell’anfiteatro per utilizzarlo nella costruzione della reggia di Caserta risulta invece essere un falso storico.

L’opera di depredazione fu veramente feroce: si spezzarono i grandi massi per asportare il bronzo e il piombo che li univa e si usarono le pietre più piccole per pavimentare la strada.

Solo nell’epoca borbonica la distruzione dell’anfiteatro ha fine grazie al re che lo dichiara monumento nazionale.

Attualmente si trova all’interno della superficie comunale di Santa Maria Capua Vetere, di fronte Piazza I Ottobre. Parte consistente delle sue pietre furono utilizzate dai capuani in epoca normanna per erigere il Castello delle Pietredella città di Capua ed alcuni dei suoi busti ornamentali, utilizzati in passato come chiavi di volta per le arcate del teatro, furono posti sulla facciata del Palazzo del comune di Capua. Dal dicembre del 2014 il museo, l’anfiteatro e il mitreo sono passati in gestione al Polo museale della Campania.

Nel 2016 il circuito museale comprendente oltre all’anfiteatro anche antiquarium, Mitreo e Museo ha fatto registrare 41 429 visitatori.

fonte: wikipedia

 

  • Manente

    L’ennesima prova che i Borboni sono stati una grande dinastia e di quanto feroce sia stata la campagna di diffamazione contro di loro iniziata da lord Gladstone e non ancora finita !