Le donne intelligenti hanno più difficoltà a trovare un partner: perché gli uomini le vedono meno attraenti?

3

Le donne intelligenti hanno più difficoltà a trovare un partner?

  • di Dolors Massot

La domanda suscita polemiche, ma è una realtà. Donne intelligenti, non scoraggiatevi!

Più le donne sono intelligenti, più hanno difficoltà a trovare il partner ideale. Sarà vero o è solo un modo in cui una donna single può giustificare la sua condizione dopo i 35 anni?

Prima di entrare nella polemica, vediamo ciò che dicono gli studi condotti finora sulle donne intelligenti e la loro capacità o difficoltà a trovare l’uomo ideale.

Uno studio inglese sostiene che le donne di successo hanno il 40% di probabilità in meno di trovare un partner stabile.

Per donne di successo ci si riferisce a quelle intelligenti, che in genere hanno studiato all’università e hanno un posto di lavoro con uno stipendio uguale o superiore alla media del Paese – quello che in altri contesti si definirebbe “un buon partito”.

L’aspetto sorprendente di questi dati è che non parlano della difficoltà di avere figli o di rinviare la maternità, ma solo di trovare il partner ritenuto adatto.

Anche voi avete difficoltà a trovare un uomo che considerate ideale? Sarà perché siete intelligenti e questo fatto vi danneggia? Ma danneggia davvero il fatto di essere intelligenti?

Come agisce la donna intelligente

Vediamo come agisce una donna intelligente al momento di relazionarsi con un uomo.

Grazie agli studi è riuscita ad accumulare “esperienza di sapere”. La storia, la filosofia e la letteratura propongono modelli ed esempi di comportamento sia positivi che negativi. Chi ha studiato li può conoscere (anche se non li ha vissuti), e questo favorisce il fatto di prendere decisioni in un senso o nell’altro.

Ha più esperienza di ciò che accade intorno a lei perché è osservatrice. Si concentra sull’esempio delle coppie della sua famiglia, sulla gente del posto in cui vive, sui colleghi di lavoro… Ha guardato e analizzato cosa le piace in loro e cosa no, e ha tratto le proprie conclusioni.

Non le va bene tutto. La donna intelligente è selettiva. Non si conforma a un gesto compiuto da un uomo per fare impressione. Chiede spiegazioni, vuole sapere cosa pensa davvero sulle questioni importanti e i valori.

Analizza da pari a pari. Vuole conversazioni al suo livello ed esamina le risposte dell’uomo. Non rimane abbagliata da una frase.

Nel suo processo di innamoramento, sa controllare meglio le emozioni e gli impulsi. Sa riconoscere il sentimento e può decidere se andare avanti o frenare perché prima vuole conoscere meglio l’individuo.

L’aspetto materiale non è tutto. È evidente che a una donna intelligente piace essere trattata bene, ma un regalo o un dettaglio sono solo parte del processo e non la meta. Anziché darsi per vinta e gettarsi ai piedi di un uomo, gli dirà semplicemente “Ok, fantastico, continui ad accumulare punti” (in questo contesto, è molto positivo sapere che durante il percorso si perderanno i “seguaci” che non valgono la pena e che credono che basti impressionare con un bel macchinone).

La donna intelligente è una sfida anche senza rendersene conto, perché può rispondere con una critica a quello che dice l’uomo o perché gli dà la sensazione che non sa dove si andrà a parare. In definitiva, lui non la controlla dall’inizio alla fine, e questo ad alcuni uomini non piace.

Attenzione: gli studiosi dell’Università di Buffalo hanno pubblicato nell’agosto 2015 uno studio sulla rivista Personality and Social Psicology nel quale si verificava che la “distanza psicologica” rende la donna intelligente un essere meno attraente a livello sessuale per l’uomo. Ciò vuol dire che quando la donna manifesta di essere intelligente l’uomo tende a perdere l’interesse romantico per lei.

Una questione di dominio

La professoressa Lora Park, che ha diretto lo studio, attribuisce la cosa a una questione di dominio: l’uomo si mostra più interessato alla donna intelligente quando questa è lontana da lui. Se entra in contatto visivo o si presenta nella stanza, non gli sembra già più tanto positivo stabilire una relazione. La realtà di avere una donna intelligente vicino gli dà fastidio.

Una donna intelligente è più osservatrice e taciturna. Si relaziona con prudenza. Misura le parole, non vuole problemi, e per questo prima di emettere giudizi che possano compromettere il futuro di una relazione fa molta attenzione.

La donna intelligente non si adatta a qualsiasi uomo, e quindi non le costa selezionare. Agli uomini non piace far parte di un processo in cui potrebbero non uscire vincitori.

Al di là degli stereotipi, è chiaro che nel XXI secolo la complementarietà tra uomo e donna continua ad essere una sfida appassionante…

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Fonte: Aleteia