Lory Del Santo entra nel Gf Vip: la preda perfetta per il tritacarne mediatico

0
lory

No, cara Lory, non sarà il confessionale del Grande Fratello a curare il tuo dolore – di Annalisa Teggi

Ecco la preda perfetta per il tritacarne mediatico: una madre che a neanche due mesi dal suicidio del figlio decide di entrare in un reality show. Mostreranno compassione, ma sono solo lupi vestiti da agnelli

Sembra di assistere al volo degli avvoltoi sopra la preda, lei – ahimé – di carne umana dolente da offrire alle grinfie mediatiche ne ha molta. Però ho sempre il sospetto che quel suo fare svampito sia uno scudo solido, dietro cui custodisce una calcolata e intelligente distanza da ciò che pensa davvero, senza volerlo condividere.

Certi suoi sorrisi sono mosse tattiche di silenzio, da parte di una donna che conosce benissimo il mondo deformante dei flash.

Eppure ogni briciola del suo universo affettivo è una ghiottoneria per settimanali impegnati e gossip TV; basta che esca a fare la spesa con un outfit insolito e tutti devono tirare fuori la storia del figlio caduto dal grattacielo di New York nel 1991.

Si fa fatica a mettere a fuoco qualcosa di davvero genuino, eppure al netto di tutto quanto scritto, visto e mostrato, Lory Del Santo è una madre che ha perso due figli; l’ultimo lutto risale allo scorso agosto, Loren di quasi vent’anni si è tolto la vita.

Lory Del Santo: il Grande Fratello per superare il lutto

Lei aveva già firmato a luglio il contratto per entrare nella casa televisiva più spiata d’Italia e qualcuno le ha insinuato l’idea che possa essere una terapia di elaborazione del lutto affrontare l’esperienza del reality show.

Ci sento dietro la presenza infida e perfida del Vermilinguo di tolkeniana memoria, il consigliere malvagio di Re Theoden, quei parassiti che ti sussurrano all’orecchio quando hai il cuore a pezzi e ti accompagnano in un banchetto-voragine per specularci sopra. 

«Mi hanno detto che potrebbe farmi bene» ha dichiarato Lory Del Santo, ma il soggetto sottinteso di questa frase resta anonimo; forse proprio perché è senza volto e cuore chi calcola sogni di share altissimo di fronte a una donna confusa e distrutta.

Francamente, non ci crede nessuno alla fratellanza dei Grandi Fratelli televisivi, patinati, social friendly.

Il suo cuore a nudo, e a favore di telecamera. Ci fa e ci è, Lory Del Santo. Ha sempre giocato con molta destrezza la carta del suo apparire superficiale ed ingenua, raccontando con leggerezza calcolata i dietro le quinte dei suoi molti amori famosi, ma buttando lì … di tanto in tanto … qualche affondo umano sincero, profondo.

Non sono aggiornata sulle sue ultime avventure amorose, non ho seguito le indiscrezioni e gli scandali legati al funerale del figlio come invece hanno fatto con dovizia di ogni grido e lacrima le nostre molte Barbare D’Urso nazionali.

Ho guardato l’intervista confessione che ha rilasciato a Silvia Toffanin nel salotto di Verissimo a un mese di distanza dalla morte di Loren, che viveva a Miami ed era legatissimo al fratello Devin, sebbene non avessero lo stesso padre.

Le parole di Lory nell’intervista a Verissimo

Che madre sia stata e sia non è materia su cui mi senta di poter dire qualcosa; a favore di telecamera si vede una donna il cui cuore, per fortuna, rimane celato a ogni scandaglio esterno ed estraneo.

Ha parlato a ruota libera di fronte alla conduttrice, con una proprietà di linguaggio che lascia trapelare una mente tutt’altro che svampita.

Per raccontare o giustificare il suicidio del figlio è partita dal momento della nascita: «come è stato il parto?» è una domanda che nelle indagini mediche ricorre spesso, anche in contesti che si direbbero lontani dall’evento.

La nascita, invece, è un momento culminante e determinante che introduce ogni persona a un certo destino, non certo predestinato, ma segnato. Loren nacque prematuro, dice Lory Del Santo, e pesava appena 900 grammi; i dottori la prepararono al peggio, alla morte, oppure alla presenza di danni fisici seri.

Niente di tutto questo, Loren è cresciuto sano, soltanto un po’ introverso e solitario.

«Ogni giorno è un dono di Dio» le avevano detto i medici, suggerendole di prendere la vita del bambino giorno per giorno senza farsi troppo sogni su un futuro lungo e felice.

Lory conferma di averlo guardato per tutti i 19 anni di vita con lo sguardo del dono, che arriva, c’è, ma potrebbe non rimanere a lungo.

Si pente di non avergli detto per l’ultima volta «ti voglio bene», ma afferma che il ricordo più grande che le rimarrà sarà legato all’amore e non al dolore:

La parte dell’amore è quella che più mi colpisce, più della disgrazia. Mi colpisce l’amore, perché l’amore è immenso; in tutte le persone c’è. (da Verissimo)

Anedonia

Dietro il teleschermo la gente si appassiona al suo racconto, altri col pungiglione avvelenato si domandano che specie mai di amore sia quello che va a piangere in prima serata dentro il meccanismo di un reality show.

Questa strana parola è balzata altri onori di cronaca proprio perché si suppone sia la causa all’origine del suicidio di Loren Del Santo, letteralmente significa «incapacità di provare piacere».

Si tratta di una vera e propria patologia mentale da cui il figlio della showgirl potrebbe essere stato segnato proprio a causa della nascita prematura; un nemico sotterraneo e feroce:

L’anedonia può essere descritta come un senso di piattezza emotiva che spesso porta a una perdita degli interessi, della motivazione ad agire, del desiderio di intimità fisica: uno stato affettivo che ha profondi effetti debilitanti e che determina enormi difficoltà ad adattarsi alle situazioni sociali, o il completo ritiro. (da Psicoattivo)

Il piacere e il desiderio, che sono i grandi motori del nostro agire fisico e spirituale vengono depressi, annullati da questa patologia.

La tragedia del giovane Loren, di cui non so davvero nulla, s’impone come un paradosso che ha qualcosa da dire alla situazione attuale del nostro stato emotivo.

C’è cosa su cui si fa più leva del piacere, in tutte le declinazioni possibili? Anche lo yoguth diventa lo strumento giusto per fare l’amore con il sapore, per introdurci a un’ipotetica esperienza paradisiaca di piacere …

La cultura dell’usa e getta conta molto sul fatto di trasformarci da persone a consumatori seriali di desideri e piaceri da un click e via.

La visione cristiana

Senza una visione cristiana del desiderio non rimarranno che masse umane di bulimici del piacere e malati di anedonia, due mali opposti e ugualmente funesti.

Perché dico “visione cristiana” e non qualcosa di più ecumenico e generico? Perché il DNA infinito che è nell’uomo ha bisogno di incontrare una risposta adeguata, infinita ma incarnata.

L’enorme dell’anima e il fragile del corpo stanno insieme solo nella persona di Gesù, unico specchio in cui il piacere si fa amore di carità … cioè non si consuma come un fuoco di paglia, ma si spalanca come una finestra da cui entra il sole.

Ogni altro tentativo di tenere insieme quel vertiginoso mistero che è il cuore dell’uomo non deve certo essere schernito, ma risulterà ultimamente inadeguato.

Potrà portare a immagini sghembe e misere come quelle di una donna distrutta da un lutto indicibile che rovescia tutto il suo irrisolto davanti all’occhio meccanico di una telecamera, chiamata col più empatico dei nomi umani … «fratello».

Nell’intervista a Verissimo la Toffanin arriva a toccare il nervo scoperto, quella domanda che tutti si fanno: come può una madre sopportare non solo la morte di un figlio, ma due. Poi aggiunge: «Credi in Dio?».

La risposta di Lory Del Santo è un annaspare di intuizioni che s’infrangono tra l’astratto e il sentimentale, per nulla fuori luogo o insensate, eppure manchevoli di un cemento che dà sostegno.

La fede, a suo dire, è uno dei tanti aiuti che soccorrono quando la vita colpisce duro; non è una casa in cui vivere, ma piuttosto un “siero” per lenire il dolore o anche un supporto, quando manca l’equilibrio

Io credo che abbiamo bisogno di stampelle, quando non hai più le gambe. Tutto può aiutare anche la fede. (Ibid)

Il Grand Canyon

Ha ragione, siamo manchevoli; anche senza che tragedie gravi come la sua che ci colpiscano, il nostro “corpo” non cammina da solo. Ma la fede è proprio straordinaria perché non è la stampella che viene dopo l’incidente, ma parla dell’abbraccio che ti ha accolto da prima del concepimento.

Nessuno critica il dottore che cura dopo che ti sei fatto male, ma che dire di un Padre che, conoscendoti da prima di tutti tempi, ha predisposto per te l’alveo di un fiume con argini sicuri, pur lasciando alla tua corrente di correre libera?

Molti si avvicinano alla fede nei momenti cupi della vita, perché intensificano il nostro sguardo e non come toccasana momentaneo. E’ nei momenti difficili che, insieme alla sofferenza, guadagnamo una vista più a fuoco, anche su quella mano tesa al nostro cuore che era sempre stata lì pronta a lasciarsi afferrare.

All’ipotesi di riuscire a vivere dopo la perdita di un figlio, Lory Del Santo risponde con un immagine bellissima: noi siamo come il Grand Canyon.

Due pareti roccia sono separate dall’abisso scavato dal fiume, come poter fare quel salto, dalla parete del dolore alla parete della vita oltre il dolore? Occorre un ponte che scavalchi l’abisso, dice Lory.

Niente di più vero, tanto che quel ponte in carne e ossa esiste accanto a noi da secoli: chi è mai il pontefice se non colui che è stato deputato ad accompagnarci sul ponte, oltre la parete della disperazione verso la parete di un’eterno compimento senza più ferite?

Lui è l’emblema che un nesso tra la terra e il Cielo è stato costruito, ed è stabile perché non solo in mano umana, però quel medesimo incontro tra la nostra terra sconnessa e la terra promessa accade in una dimensione quotidiana e domestica … proprio in un confessionale.

Confessioni

Come un satiro di bassa lega, la TV non può che motteggiare ciò che non capisce eppure intuisce essere un luogo decisivo: ciascuno comprende la propria storia solo mettendola in mano a un altro, da soli non se ne viene fuori.

Ci riempiamo di confessioni con chiunque, anche in modo inappropriato, come il viandante solitario che cerca l’oasi nel deserto. Si abbevererebbe anche dalla sabbia, pur di dissetarsi un po’.  Ma noi non siamo nel deserto, di oasi ce ne sono ad ogni angolo di strada.

Senza tappeti rossi e occhi indiscreti, dentro ogni chiesa c’è uno spazio dove il salto temporale è possibile: finito e infinito si incontrano nel confessionale, si può incontrare l’unica Voce che ha promesso compagnia lungo il cammino e una Casa di bene come meta, soprattutto a chi ha arrancato sulla terra col cuore a pezzi. Fonte: Aleteia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here