Malattia Reumatica, quando l’infezione da Streptococco si complica

0
Malattia Reumatica

Streptococco, quando le cose si complicano: la Malattia Reumatica

  • di Ospedale Bambin Gesù

Si tratta di una malattia infiammatoria acuta, molto rara, che si manifesta con febbre, dolore e gonfiore alle articolazioni, dopo un’infezione streptococicca

La Malattia Reumatica (MR) è una malattia infiammatoria acuta, che si presenta tipicamente con febbre, dolori e gonfiori articolari. Può interessare anche il cuore, colpendo tipicamente le valvole cardiache (mitralica e aortica), e il sistema nervoso centrale, causando movimenti involontari soprattutto degli arti (la corea).
La MR si riscontra con maggiore frequenza fra i 5 e i 15 anni, mentre al di sotto dei 4 anni è straordinariamente rara.

Malattia Reumatica, quali sono le cause

La MR si manifesta dopo un’infezione da Streptococco beta-emolitico di gruppo A (SBEGA). Sebbene sia ben nota la relazione temporale tra infezione da SBEGA e MR, il meccanismo che causa lo sviluppo della MR non è noto. Certamente vi deve essere alla base una predisposizione ad una risposta immunitaria “sbagliata” nei confronti dello SBEGA, ma questa non è ancora conosciuta. Per fortuna questo “errore” del sistema immunitario è molto raro; infatti si calcola che ogni bambino/ragazzo in età scolare abbia da 3 a 5 infezioni da SBEGA all’anno (spesso asintomatiche), ma la stragrande maggioranza non sviluppa e non svilupperà mai la MR.

Ti potrebbe interessare anche Infezioni da streptococco, i consigli dell’Ospedale Bambino Gesù

Come si manifesta

Si manifesta con febbre alta, pallore, dolore alle articolazioni (artralgie) e gonfiore delle stesse articolazioni (artrite), definite migranti, ossia che passano da un’articolazione all’altra. In circa la metà dei casi è presente un interessamento del cuore che si può manifestare con un’alterazione dell’elettrocardiogramma (allungamento dell’intervallo PR) o con un’infiammazione delle valvole cardiache (quasi sempre la valvola mitrale), che causa il soffio cardiaco. La corea, molto più rara, si caratterizza per movimenti incontrollati degli arti e della testa, difficoltà a parlare, mangiare e scrivere.

Come si fa la diagnosi

La diagnosi si basa sulla presenza di alcuni sintomi clinici e segni. Per porre diagnosi bisogna utilizzare i criteri diagnostici di Jones che sono stati recentemente revisionati: ora includono anche criteri ben definiti per la diagnosi con la ecocardiografia di interessamento valvolare da MR. L’isolata elevazione del cosiddetto titolo antistreptolisinico (TAS, un anticorpo testato con un esame del sangue) non deve mai essere usata per fare diagnosi di MR.

Come si cura

Il trattamento della fase acuta si basa sulla eradicazione dello SBEGA con antibiotico, sull’uso di anti-infiammatori non steroidei (per eliminare febbre e dolori articolari) e su un breve ciclo di cortisonici in caso di interessamento valvolare o di corea. Entrambi guariscono prontamente. I difetti valvolari persistenti sono molto rari. Inoltre, poichè la MR ha un elevato rischio di recidiva viene eseguita profilassi a lungo termine con penicillina ritardo, per impedire nuove infezioni da SBEGA.

Fonte: Aleteia