Mangiamo dai 10 ai 20 grammi di sale al giorno. Bisogna scendere sotto i 6. Ecco perché

0
Immagine: soluzionibio.it

Ecco perché si deve sostituire il sale a tutti i costi, fino ad eliminarlo

Il sale in eccesso è in agguato dappertutto: patatine, insaccati, formaggi stagionati, cibi in scatola, acque minerali, merendine, prodotti confezionati, dolciumi. Ma anche nei menù troppo saporiti di ristoranti, mense e bar.
Un esempio per tutti: “i giovani divoratori di patatine e snack ne assumono anche 20 grammi al giorno”, contro una media diffusa di circa 10 grammi.

Abbattere la quantità giornaliera di sale portandola sotto i 6 grammi farebbe risparmiare decine di migliaia di vite umane ogni anno. Ma come fare?

Sostituire il sale a tutti i costi

Un gastroenterologo romano, Riccardo Paloscia suggerisce una “controcucina”, cioè una cucina fatta di olio crudo, profumi, poco sale da rimpiazzare con speziecapaci di esaltare il sapore di un cibo in modo intelligente. Consigli che, tra l’altro, vengono ripetuti da più parti: sostituire i cibi conservati o lavorati con alimenti freschi, aumentare ogni giorno la quantità di frutta e verdura, ridurre il pane troppo salato (magari sostituendolo con del pane viola), consumare occasionalmente formaggi “invecchiati” e salumi, utilizzare erbe aromatiche e condimenti come limone e aceto di mele per dare sapore.

I benefici di una dieta senza sale sulla salute

Secondo Paloscia dopo lunghi periodi di riduzione dei grassi saturi e del sale si sono verificate significative diminuzioni di complicanze e prolungamenti dei periodi di sopravvivenza di molti anziani. Un eccesso di sale assunto con la dieta, compromette  la funzionalità renale: i nefroni, cioè le singole unità funzionali del rene, che filtrano il sangue, sono direttamente danneggiati. L’eccesso di sodio infatti fa male a cuore, vasi sanguigni, reni e cervello.

Fonte: SoluzioniBio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here