Cibi crudi: ecco cosa succede se per 15 giorni li sostituisci a quelli cotti

1
cibi crudi

Mangiare cibi crudi è fondamentale per la salute del nostro organismo

Il cibo crudo fa bene. Secondo sempre più ricerche la dieta crudista ha vantaggi importanti in termini salutistici per l’organismo, soprattutto perché limita il ricorso a prodotti raffinati, che vanno a discapito delle proprietà nutritive degli alimenti.

Nella dieta crudista non sono presenti i cibi lavorati, che sottoposti a cottura perdono tutti i nutrienti necessari per l’organismo, il cui apporto dunque deve essere limitato nella propria dieta durante la settimana.

Seguire la dieta crudista non vuol dire però mangiare solo cibo crudo, considerando che la versione più integrale di questa dieta prevede che l’80% dell’apporto calorico quotidiano sia da cibi crudi e per la restante parte sia composta da prodotti lavorati a basse temperature.

Possiamo provare per 15 giorni con un regime di raw food, ora che a fine primavera e andando verso l’estate, aumenta la quantità di frutta e verdura fresca a nostra disposizione: solo cibi crudi, piatti veloci, di facile preparazione, ma ricchi di nutrienti, insomma ideali per comporre una dieta dimagrante che fornisca circa 1300 Kilocalorie al giorno. Perderemo in quindici giorni circa 3 chili e ne guadagneremo certamente in salute.

I due alleati della dieta crudista: essiccatore e estrattore. Il menù crudista predilige alimenti crudi e quelli preparati con sistemi differenziati.

Ad esempio, nella dieta crudista è molto utilizzato il forno Essiccatore che permette la disidratazione dell’alimento, senza deteriorare il suo comparto organolettico, ma anche frullatori ed Estrattori, per preparare succhi, smoothie e centrifugati ricchi di preziosi nutrienti che aumentano l’apporto vitaminico e minerale quotidiano a vantaggio delle funzionalità organiche.

Cosa mangiare con la dieta crudista. Cosa mangiare dunque nella dieta crudista e quali sono le categorie degli alimenti da assumere quotidianamente?

I cibi suggeriti sono: ortaggi, frutta, frutta secca, germogli, funghi, oli spremuti a freddo, alghe, verdure fermentate, alimenti disidratati a temperature inferiori ai 42°C.

A colazione, tutti i giorni, si può scegliere tra: uno yogurt magro (o yogurt greco), un kiwi, tè verde e caffè oppure 2 fette biscottate integrali, tè verde e caffè.

A metà mattina, tutti i giorni: una spremuta di pompelmo oppure 2 mandarini. A merenda al pomeriggio, tutti i giorni: uno yogurt magro oppure un centrifugato di carote.

A pranzo e a cena potete inserire mozzarella e pomodoro, salmone fresco, tartare di carne, tonno al naturale, bresaola o prosciutto crudo. Accompagnati da una insalata.

Aiutatevi con barrette e cibi per crudisti che trovate nei negozi biologici o anche on line. Fonte: soluzionibio