Medico sospeso: ecco cosa faceva durante le operazioni – VIDEO

0
medico sospeso

Canti e balli coi pazienti sotto i ferri: medico sospeso

Ti potrebbe interessare anche:  Medico tira troppo durante il parto: neonato muore nel peggiore dei modi

Altro che mala sanità, all’assurdo non c’è mai limite. Windell Davis Boutte, chirurga dermatologa nonché direttrice e amministratrice delegata di un centro medico di Atlanta, si è più volte dilettata cantando e ballando mentre operava, postando poi i video delle bravate sui social network.

Il video choc. L’ultima clip, pubblicata su Youtube e successivamente rimossa, mostrava la “dottoressa” mentre intonava “Cut it” (letteralmente: “taglialo”), pezzo hip pop di O.T. Genasis.

Riconosciutasi nel video Latoyah Rideau, la paziente che Boutte stava operando, ha subito denunciato il fatto. Il primo provvedimento è arrivato dal Medical Board della Georgia, che ha subito sospeso la chirurga.

Ti potrebbe interessare anche: Asperger: ecco come trattava i bambini il medico che scoprì l’autismo

Nei guai. Ma per Boutte i guai non finiranno qui. Secondo quanto riportato dal New York Times online, Rideau sarebbe intenzionata a citare in giudizio Boutte per l’esito dell’intervento subito, che le ha provocato diversi fastidi.

Così facendo andrebbe a rimpolpare le fila di altri ex pazienti del medico (almeno 9) che sostengono di essere stati danneggiati mentre si trovavano sotto i ferri.

Ti potrebbe interessare anche: Cambiare sesso ai bambini? Un medico spiega chi ci guadagna

La stessa commissione medica della Georgia ha affermato di aver ricevuto “informazioni attendibili” sul caso di una paziente trasportata in ospedale in ambulanza a fine maggio dopo essere stata sottoposta a un intervento di chirurgia plastica che le avrebbe provocato un collasso del polmone e una grave emorragia.

Ti potrebbe interessare anche: Questo è il medico più sensibile del mondo: soffre di sinestesia

Il trattamento, ha sottolineato il board, “non si è rivelato conforme agli standard minimi della pratica medica accettabile e prevalente”. Fonte: interris