Miracolo? Ritrovate 40 Ostie intatte sotto le macerie

0
ostie

Ritrovate 40 ostie intatte dentro un tabernacolo sotto le macerie

  • di Gelsomino Del Guercio

L’incredibile ritrovamento ad Arquata del Tronto in un tabernacolo del ‘500 salvato dai carabinieri

Il parroco della Cattedrale di Ascoli, Don Angelo Ciancotti, scopre 40 ostie integre in un tabernacolo del ‘500 ritrovato sotto le macerie di Arquata del Tronto, paese violentemente colpito dal terremoto nel centro Italia del 2016.

Un fatto incredibile, per non dire miracoloso per il prelato che lo paragona all’evento eucaristico di Siena del 1730, dove San Giovanni Paolo II lo paragonò alla presenza del divino del Signore con la frase ‘Ecco la presenza’ (Il Resto del Carlino, 22 febbraio).

“Si sentiva ancora il profumo…”

Il dubbio era ormai di aver perduto quel tabernacolo tanto caro ai parrocchiani. Poi il ritrovamento in un magazzino dove, settimane fa, i carabinieri del nucleo Tutela beni culturali lo aveva riposto con cura sottraendolo alle intemperie.

E infine l’apertura, con all’interno la pisside che, ben chiusa, manteneva intatte le quaranta ostie. Perfettamente conservate. «Si sentiva ancora il profumo, è qualcosa che ci commuove – sono le prime parole del vescovo di Ascoli Piceno, monsignor Giovanni D’Ercole – è un segno di speranza per tutti. Ci dice che anche Gesù è terremotato come tutti, ma è uscito vivo dalle macerie» (Avvenire, 22 febbraio).

Leggi anche Una scienziata atea certifica un miracolo: «Sono ancora atea ma adesso credo nei miracoli»

La ricerca caparbia di Don Angelo

Don Angelo ha, invece, spiegato di aver uno stretto rapporto con le zone colpite dal sisma. «I miei genitori erano di Arquata e Pescara e conoscevo ogni persona scomparsa tra le macerie, così come ogni singola via di quei paesi. Per questo, anche sulla spinta di alcuni residenti, mi sono impegnato nel recuperare tutte le opere che si potevano recuperare. Quei luoghi hanno un grande legame con i simboli sacri».

Il magazzino

Il sacerdote sottolineando che era alla ricerca dei tabernacoli salvati dal terribile sisma e tra questi «c’era quello originario del ‘500 della chiesa di S. Maria Assunta di Arquata, chiesa distrutta dalla scossa di ottobre. Più tardi, grazie ai Carabinieri del Nucleo Tutela del Patrimonio artistico, venni a sapere che era stato recuperato e custodito in un magazzino individuato dalla Diocesi e, non appena possibile, l’ho preso, fatto pulire e messo in sacrestia. La serratura era chiusa, io avevo una chiave di un’altra cassetta in ufficio e ho detto: ‘proviamo’. Si è aperta al primo colpo».

“Nessun batterio, nessuna muffa”

All’interno la pisside, prosegue Don Angelo, «era orizzontale, ma non si era aperta. Dentro c’erano le ostie perfettamente intatte, sia nel colore che nella forma e nell’odore. Nessun batterio o muffa come capita a tutte le ostie dopo qualche settimana. E invece quelle, ad un anno e mezzo di distanza, sembravano fatte il giorno prima».

Fonte: Aleteia