Nazionalizzazioni subito. Contro le privatizzazioni mondialiste

0
nazionalizzazioni

Nazionalizzazioni subito. Contro le privatizzazioni mondialiste – di Diego Fusaro

Non mi stancherò di ripeterlo. Occorre variare l’immaginario e ricartografare la realtà. Per sottrarsi alla presa onniavvolgente del pensiero unico politicamente corretto ed eticamente corrotto.

Quest’ultimo, presentando surrettiziamente il particolare come universale, non cessa di contrabbandare l’interesse particolare della ristretta quanto cinica classe dominante apolide-finanziaria per interesse universale della società tutta.

Ti potrebbe interessare anche Perché il capitalismo ci preferisce infantili, capricciosi e precari

È – Gramsci docet – la cifra di ogni ideologia e, a maggior ragione, dell’oggi imperante ideologia turboliberista, la più pervicace e invasiva: quella che si presenta proditoriamente come neutra e naturale, ossia come il solo modo legittimo di pensare e di intendere il mondo, almeno dopo la data epocale del 1989.

Di qui, una volta di più, l’esigenza vitale e irrinunciabile di mutare quello che Heidegger ebbe a chiamare il Weltbild, l’”immagine del mondo” o, se preferite, l’orizzonte di senso.

La classe dominate liquido-finanziaria e i padroni del discorso che la glorificano a livello superstrutturale lo chiamano “debito pubblico” e lo combattono come tale: in realtà, ritraducendo la sintassi della neolingua dei mercati delocalizzati e deregolamentati gestita dai custodi dell’ordine simbolico, il famigerato e sempre avversato “debito pubblico” sono scuole e ospedali, strade e servizi pubblici.

Ossia tutto ciò che palesemente cozza contro il sogno neoliberista di riduzione dell’intero mondo della vita a funzione variabile del mercato capitalistico: il quale non conosce diritti, ma solo merci.

Non conosce dignità, ma solo pezzo. Non conosce comunità solidale, ma solo interessi privatistici concorrenziali. In questa prospettiva, la lotta liberista contro il debito pubblico è, di fatto, la lotta in nome della privatizzazione e contro l’interesse nazionale.

È la lotta del global-elitario interesse privato sconfinato e sconfinante contro l’interesse comunitario nazionale-popolare.

Lotta contro il debito pubblico e ostinata difesa del privato e della privatizzazione sono i pilastri del discorso egemonico mondialista ribadito con vigoria anche al consesso di Cernobbio di pochi giorni addietro.

Con una insospettabile gara al privatismo che ha visto protagonisti anche i membri delle forze governative. A questa oscena deriva liberal-privatistica dobbiamo senza esitazioni reagire, prima che sia troppo tardi.

Come? Con la immediata nazionalizzazione di tutti gli assetti fondamentali dell’Italia. A partire, naturalmente, dalle autostrade, anche alla luce della tragedia del ponte di Genova.

E questo di modo che l’interesse nazionale prevalga sull’interesse particolare, che il bene comune prevalga sull’egoismo acquisitivo privatistico.

La nazionalizzazione è il vero banco di prova per una cultura e per una politica che, al di là delle vecchie dicotomie divisive, sappiano operativamente contrapporsi alle esiziali dinamiche della mondializzazione capitalistica, che sulla privatizzazione si fonda e senza la quale non potrebbe sussistere. Fonte Il primato nazionale