Patrick riunisce la famiglia per una finta laurea: in realtà doveva suicidarsi

0
patrick

Patrick aveva mentito sulla laurea: a 23 anni si butta dalla finestra e muore – di redazione

Il giovane era atteso dai familiari per andare a discutere la Tesi di Laurea ma aveva detto una bugia: si butta dalla finestra e muore.

Lo aveva annunciato lui stesso, gli inviti e poi la festa. Ma così non è stato: Patrick aveva inventato tutto.

Parenti e amici lo stavano aspettando per andare tutti insieme all’università dove aveva detto che avrebbe dovuto discutere la Tesi di Laurea.

Mentre tutti erano in salotto, pronti per uscire, Patrick fa cenno di aver dimenticato qualcosa in cucina. Poi chiude la porta.

Il padre Stefano, dopo qualche minuto di attesa, apre la porta e in quel momento il giovane si lancia dalla finestra. Un volo di 12 metri che non lascia scampo.

Arriva il 118 ma resta solo lo strazio dei genitori per la morte del proprio figlio. Quella che doveva essere una festa si è trasformata in tragedia.

Il ragazzo marchigiano aveva 23 anni ed era residente nel Comune di Colli al Metauro, in provincia di Pesaro-Urbino.

Patrick aveva premeditato tutto

Inquietante ciò che hanno trovato i carabinieri all’interno dell’abitazione. Anzitutto il biglietto sul tavolo della cucina: ‘Vi ho voluto bene, un saluto a tutti, non dispiacetevi per me’. Era scritto al computer, quindi preparato.

Patrick aveva lasciato diversi biglietti e indicazioni che portavano ad individuare una pennetta Usb contenente un video di addio per i familiari.

Tutto lascia pensare che aveva scelto da tempo di volersi suicidare. Ha scelto giorno e modalità: riunire le persone che amava.

Patrick era un ragazzo dolce, amava la sua famiglia ma non ha retto a quella bugia. O forse la bugia faceva parte della preparazione al suicidio?

Una tragedia che ha sconvolto la piccola comunità marchigiana dove in molti conoscevano il 23enne.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here