Pedofilia a Hollywood. Corey Feldman annuncia docufilm shock

0

L’onda d’urto dello scandalo Weinstein continua a scuotere Hollywood e apre nuovi, inquietanti scenari. Le prime, coraggiose denunce hanno spinto un numero sempre maggiore di vittime a farsi avanti e a parlare e hanno fatto tornare sugli scudi un grande accusatore del lato oscuro del mondo del cinema: Corey Feldman. La star de “I Goonies” denuncia da anni l’esistenza di una rete di pedofilia collegata all’industria cinematografica e, dopo gli ultimi avvenimenti, ha deciso di sferrare quello che a tutti gli effetti sembra un attacco decisivo. L’attore ha lanciato una campagna su Indiegogo per raccogliere fondi al fine di realizzare un film sui predatori sessuali di ragazzini che lavorano nell’entertainment.

Con un video della durata di circa 7 minuti, Corey Feldman ha illustrato al pubblico un progetto che, a suo dire, “può letteralmente cambiare il mondo dello spettacolo“:

“Potenzialmente, credo di potere demolire un giro di pedofili di cui sono a conoscenza da quando ero bambino. Senza pensarci troppo, posso fare i nomi di sei persone, una delle quali è ancora molto potente. E raccontare una storia che conduce direttamente a uno dei maggiori studi di Hollywood e rivelare come è implicato nella rete della pedofilia.“

L’attore statunitense ha spiegato che ha intenzione di realizzare un documentario realistico e indipendente, in modo che non possa essere oggetto di pressioni e/o condizionamenti esterni. La storia prenderà le mosse dalle molestie che lui stesso ha subito a Hollywood, quando era un ragazzino:

“Ho intenzione di rivelare quello che accade nel mondo del cinema, girando un film che sarà la rappresentazione più vera e onesta degli abusi sui bambini mai portata sullo schermo. Racconterò la mia vicenda personale con estrema sincerità e totale realismo. Senza modifiche, senza censure e senza nessuno studio dietro. Io farò il film, io lo dirigerò, io lo produrrò e io lo distribuirò, per garantire che esca nelle sale grazie alle vostre donazioni.“

Corey ha rivelato che la decisione di realizzare un “documentario verità” gli costa molta fatica e ha esortato le altre vittime a unirsi a lui:

Ho molta paura. Non è affatto facile. Ho vissuto nel terrore e devo convivere con questa sensazione ogni giorno, come la maggior parte delle vittime. Mi sono sentito a disagio, incompreso, e sono stato enormemente disprezzato. Le voci, le storie, gli insulti su di me e le aberranti campagne denigratorie di cui sono stato oggetto: tutto è accaduto perché hanno paura che quello di cui sono a conoscenza sia la verità. Non sono solo. So che ci sono tantissimi altri che hanno vissuto quello che ho vissuto io nel mondo dello spettacolo. So anche che molti miei coetanei sanno di cosa sto parlando e conoscono i dettagli. Ma hanno avuto paura a farsi avanti e a raccontare la loro verità.

Per questa ragione, Corey ha fissato per la sua raccolta fondi su Indiegogo la cifra di 10 milioni di dollari. La somma serve sia a pagare le spese per il film, che quelle per la sicurezza sua e della sua famiglia e per eventuali (probabili) risvolti legali.

Fonte: MONDOFOX
Tratto da: oltrelamusicablog